IT: Capitolo 2, nel film ci sarà il rito di Chüd

Sembra proprio che la voglia di trasporre il romanzo di Stephen King nel modo più fedele possibile non è assolutamente scomparsa. Sono ancora in corso le riprese di IT: Capitolo 2, anche se stanno per giungere al termine, e quest’oggi arriva un interessante dettaglio riguardo il secondo capitolo, che vedrà ancora una volta Andy Muschietti alla regia della pellicola. A parlare quest’oggi è lo sceneggiatore del film,  Gary Dauberman, già sceneggiatore del primo film e di altri film horror (tra cui The Nun e i due spin-off / prequel di Annabelle), che ha confermato la presenza del rito di Chüd all’interno del secondo capitolo.

Qui le parole precise dello sceneggiatore rilasciate durante un’intervista cone CinemaBlend:

Il rito di Chüd è una sfida, ma è un elemento molto importante del libro e vogliamo raccontarlo. Quella roba è difficile da bilanciare, ma visto che io, Andres e Barbara abbiamo già lavorato insieme, quando mi ritrovo a scrivere delle pagine di sceneggiatura diventa più una conversazione e meno un ‘Hey, ecco cosa ho fatto!’. È un processo organico, è scolpire la pietra, è cercare di trovare la maniera più concentrata e accessibile per portare al cinema uno dei momenti più metafisici del romanzo.

Per chi non fosse informato qui di seguito vi riporto la descrizione del rito (ovviamente se non volete SPOILER riguardo la pellicola meglio evitare di continuare con la lettura).

È un rituale mistico che viene messo in atto dai Perdenti nell’omonimo capitolo, inconsciamente sotto la guida della Tartaruga (un’entità divina contrapposta a It), al fine di sconfiggere definitivamente il mostro. Si tratta di una battaglia tra volontà.

Nel 1958 i Perdenti, addentrandosi nelle fognature di Derry (elette a dimora di It e corrispondenti al punto esatto in cui precipitò come una meteora secoli prima) si intrufolano nel suo antro, dove riescono ad avere un contatto visivo con la creatura senza perdere la ragione; questo è reso possibile dalla protezione garantita dalla Tartaruga, che permette loro di vederlo nel modo più razionale e concreto concesso dalla mente in una sorta di materializzazione terrestre figurata della sua essenza, ovvero come un gigantesco e oscuro ragno con dei magnetici occhi arancioni.

Stabilendo un contatto visivo con It, Bill Denbrough vede catapultare la sua coscienza e quella della creatura a mille miglia orarie attraverso uno spazio di tenebra assoluta fino ai confini dell’universo, dove riesce a vedere la Tartaruga e a parlarvici. Giunto alla soglia del Macroverso, oltre il quale esiste la dimensione dei Pozzi Neri di cui è composto It, Bill riesce ad attaccarlo psicologicamente convincendosi di mordergli ripetutamente la lingua con forza; questo provoca al mostro un dolore lancinante, che lo costringe ad interrompere il contatto mentale e a ritornare sulla Terra, battendo in ritirata, mortalmente ferito ma non ancora ucciso.

Nel 1985 il rito viene ripetuto dai Perdenti ormai adulti nello stesso identico modo ma, a differenza della prima volta, It riesce ad opporre a Bill una maggiore resistenza, portandolo a cedere (questo anche perché la Tartaruga creatrice dell’universo che li proteggeva è ormai morta, strozzandosi nel suo stesso vomito). Si intrufola quindi nel rito anche Richie Tozier, grazie al cui aiuto It viene di nuovo messo alle strette e costretto a ritirarsi.

Dopo averlo inseguito, Bill penetra nel corpo del ragno ormai supplicante e gli strappa il cuore a mani nude, mentre Ben Hanscom si occupa di schiacciare col suo stivale tutte le uova di It che riesce a trovare, colate a terra dal corpo lacerato del mostro morente.

Che ne dite? Secondo voi hanno fatto la cosa giusta a inserirlo?


[amazon_link asins=’B074ZMJZ6P,B079RFQRHQ,B076ZL8613,B07B93JMCS,B075MQJ3B8,B01K4X0BJC,8820062909,B073X9SD59,B0797MYW9S,B0797N9MQB’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6e5afe81-b523-11e8-9f9b-0b28f7728202′]

 


IT: Capitolo 2 (IT: Chapter 2) uscirà nelle sale italiane il 5 settembre 2019, con Andy Muschietti di nuovo alla regia, su una sceneggiatura di Gary Dauberman, basata sul celebre romanzo di Stephen King e prodotto da Seth Graham-Smith, David Katzenberg, Roy Lee, Dan Lin e Barbara Muschietti. Nel cast Bill Skarsgård (Pennywise), Jessica Chastain (Beverly Marsh), James McAvoy (Bill Denbrough), Jay Ryan (Ben Hascom), Bill Hader (Richie Tozier), James Ransone (Eddie Kaspbrak), Isaiah Mustafa (Mike Hanlon), Andy Bean (Stanley Uris) e Xavier Dolan (Adrian Mellon). Inoltre, sembra che il cast giovanile visto nel primo film possa tornare anche nel sequel. La fotografia sarà a cura di Checco Varese.