IT: il truccatore della miniserie parla del film di Muschietti

IT è stato un successo enorme sia di incassi che di critica, infatti moltissimi fan si sono rivelati entusiasti soprattutto per l’incredibile interpretazione di Bill Skarsgård nei panni di Pennywise il Clown Danzante. Un’interpretazione che ha oscurato completamente quella di Tim Curry nella miniserie del 1990 diretta da Tim Lee Wallace, ma anche da un punto di vista narrativo e di messa in scena il film risulta essere decisamente meglio riuscito rispetto a quanto fatto nel 1990.

Quest’oggi a parlare del film di Muschietti è Bart Mixon, che lavorò come truccatore per la miniserie di Wallace all’inizio degli anni ’90. Mixon ha parlato del film di Muschietti sia per quanto riguarda la scelte di make-up per il personaggio di Pennywise, sia per quanto riguarda la narrazione, decisamente diversa rispetto a quella della miniserie:

Certamente sono affezionato al mio lavoro sulla vecchia miniserie, ma penso che [per il film] abbiano raggiunto un ottimo risultato. Ci sono certamente delle similitudini con il trucco che scelsi io all’epoca, ma sono dovute al fatto che il personaggio appare inevitabilmente come un clown. Tuttavia, è stata una scelta differente al punto giusto. Non invidio Bill [Skarsgård] per aver dovuto dare vita a qualcosa che in passato fu interpretato da Tim Curry. Dev’essere stata una bella sfida per lui. Ma sì, a livello di make-up hanno fatto un lavoro interessante.

Credo che la nostra versione durasse poco più di tre ore. Quando avranno girato IT – Parte Seconda, avranno coperto una durata di oltre quattro ore e mezza. In qualche modo sono invidioso del fatto che abbiano un’ora e mezza in più per raccontare la stessa storia e che non abbiano le restrizioni che avevamo noi nel 1990 in termini di censura televisiva. Non vedo l’ora di vedere la seconda parte! Il nostro ragno alla fine dell’adattamento TV era molto discutibile, quindi in qualche modo sono curioso di vedere come lo faranno nel prossimo film, o se opteranno per qualcosa di completamente diverso.

Che ne pensate? Inutile dire che Mixon ha effettivamente ragione: all’inizio degli anni ’90 le politiche della censura cinematografica erano rigide, figuriamoci quelle televisive. Quindi è chiaro che la miniserie non è riuscita ad essere d’impatto quanto il film di Muschietti. Mentre per quanto riguarda la narrazione non credo che il paragone debba esser fatto, dato che parliamo di una miniserie e di due film, quindi si parte già dal fatto che sono due cose totalmente diverse alla base.


[amazon_link asins=’8820062909,B0787CVBTG,B076X2XSW2,B076ZL8613,B01K4X0BJC’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’76941a97-f6f4-11e7-8c12-a5e7bf17e2eb’]


IT è un film del 2017 con Andrés Muschietti alla regia su una sceneggiatura di Chase Palmer, Cary Fukunaga e Gary Dauberman, tratta dall’omonimo libro di Stephen King. Nel cast Jaeden Lieberher (William “Bill” Denbrough), Bill Skarsgård (IT/Pennywise), Wyatt Oleff (Stanley “Stan” Uris), Jeremy Ray (Benjamin “Ben” Hascom), Sophia Lillis (Beverly “Bev” Marsh), Finn Wolfhard (Richard “Richie” Tozier), Jack Dylan Grazer (Edward “Eddie” Kaspbark), Chosen Jacobs (Michael “Mike” Hanlon), Jackson Robert Scott (George “Georgie” Denbrough), Nicholas Hamilton (Henry Bowers), Owen Teague (Patrick Hockstetter), Logan Thompson (Victor “Vic” Criss), Jake Sim (Reginald “Belch” Huggins), Javier Botet (It in forma di lebbroso), Tatum Lee (Judith), Steve Williams (Leroy Hanlon), Stuart Hughes (Oscar “Butch” Bowers), Megan Charpentier (Greta Keene), Stephen Bogaert (Alvin Marsh) e Joe Bostick (sig. Keene). La fotografia è a cura di Chung-hoon Chung, mentre la colonna sonora porta la firma di Benjamin Wallfisch.