James Gunn: Kevin Feige sta lottando con tutte le sue forze per il regista

Il licenziamento di James Gunn dalla regia di Guardiani della Galassia Vol. 3 non ha ancora smesso di scuotere le acque all’interno della comunità della cultura pop. Immaginare un film sui Guardiani della Galassia senza Gunn alla regia è una cosa veramente difficile, e proprio per questo che tantissime celebrità, soprattutto quelle che hanno lavorato al suo fianco nella realizzazione dei due film (si è addirittura schierato a suo favore David Hasselhoff) e, alcune di esse, stanno anche alzando parecchio la voce per farsi sentire, basti vedere Dave Bautista, che è arrivato a definirsi disgustato dalla Disney e a definirli dei “cybernazisti”. Amo quell’uomo.

Ad ogni modo, se fino ad ora non bastavano le parole dei vari attori e artisti ecco che arriva la persona che più di ogni altra è in grado di riportare Gunn a bordo del progetto. Parliamo di Kevin Feige in persona, presidente dei marvel Studios, che sembra stia combattendo con tutte le sue forze per far tornare Gunn, e sembra anche essere piuttosto incazzato per questo licenziamento. Feige ci tiene tanto a questo universo che hanno costruito pian piano nell’arco di 10 anni, e proprio per questo vuole che la visione di Gunn dei Guardiani non venga messa da parte. In più la cosa fa piuttosto ridere e riflettere; il fatto che Feige sia così adirato contro la Disney ci fa pensare che tale decisione sia stata presa senza consultare Feige o chiunque altro dei Marvel Studios. Non solo nel pensare questo mi viene sempre in mente l’immagine della dittature nazi-buonista targata Disney, ma la major dimostra anche di esser stata parecchio ingrata, dato che senza di Feige e Gunn probabilmente i due miliardi che ha incassato Avengers: Infinity War se li potevano sognare e si tenevano quelle due briciole che ha fatto Nelle Piaghe del Tempo. 

Lo so, ho divagato con un piccolo sfogo personale, ma credo che mi capirete. Speriamo che la battaglia di Feige possa riportare Gunn a bordo.