Jim Carrey risponde ai tweet di Alessandra Mussolini

Come sapete, non molto tempo fa, il web ha mostrato al mondo una piccola diatriba fra Alessandra Mussolini e Jim Carrey, tenutasi sui palchi del mondo di Twitter.

Come sappiamo, Carrey è noto prendersi dei momenti per disegnare, e la questione con la Mussolini è cominciata proprio con l’attore canadese che ha pubblicato una foto di una vignetta da lui stesso realizzata, in cui rifletteva sul fascismo e cosa porta, in cui ha postato una didascalia che recita: “Se vi state chiedendo a cosa porta il fascismo, chiedete a Benito Mussolini e alla sua amante Claretta“.

La foto è stata recepita in molti modi diversi, e la sua particolare posizione capovolta non lascia molto spazio all’immaginazione, ma la parte divertente è arrivata quando Alessandra Mussolini, parlamentare europeo e nipote del celebre dittatore, si è espressa contro l’attore canadese, in un inglese che a molti ha riportato alla mente Matteo Renzi ed il suo incespicare.

Tutto si sarebbe potuto concludere li, o magari con la seconda figura non propriamente eccelsa fatta dalla Mussolini condividendo alcuni argomenti inerenti a Rosa Parks per difendersi, al fungo nucleare, fino al genocidio dei nativi americani, dimenticando che l’attore è di origini canadesi.

Ed oggi, dopo giorni di derisione nelle varie agorà virtuali, siamo giunti al momento in cui Jim Carrey ha finalmente risposto alla parlamentare. Durante un’intervista con Variety al CinemaCon, l’attore è stato interpellato a proposito della “faida” nata su Twitter, dando un nuovo slancio ad una questione che già stata finendo nel dimenticatoio delle agorà.

L’intervistatore ha semplicemente chiesto a Jim Carrey cosa pensasse della questione che si è venuta a creare dopo il suo tweet, al che l’attore ha risposto con una dichiarazione al vetriolo che è cominciata con un semplice: “In realtà non sapevo neanche che esistesse“.

“E’ sconcertante che lei sia al governo”, ha continuato. “Non tanto perché sia ancora al governo, ma perché è chiaro che stia ancora abbracciando il male. Ed è davvero sconcertante, anche per il futuro dell’Italia.

Ma immagino che se voglia vederla diversamente da tutti gli altri può sempre capovolgere l’immagine e credere che suo nonno sta saltando di gioia o che stia rispondendo all’appello.”

Qui sotto potete vedere il video dell’intervista:

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: