Joker: un sequel sarebbe in lavorazione, Todd Philips adocchia anche altri progetti DC

Un sequel di Joker sarebbe in lavorazione, mentre Todd Philips tiene d’occhio anche altre icone DC, stando a THR.

Il 7 ottobre, il regista di Joker, Todd Phillips, si è diretto nell’ufficio del presidente della Warner Bros. Pictures, Toby Emmerich, sostenuto dall’incredibile risultato d’apertura di 96,2 milioni di dollari del film. Fonti raccontano che lui avesse proposto un’idea fuori misura: i diritti per sviluppare un portfolio di storie sull’origine dei personaggi DC.

Emmerich esitò. Dopotutto, Warner Bros. è molto protettiva nei confronti del canone DC. E tutti gli altri accordi con quell’etichetta sono stati per un film e un solo film. Ma Phillips è emerso dall’incontro con i diritti di almeno un’altra storia targata DC, anche se non sappiamo quale. E ora che Joker ha superato il miliardo di dollari, è in arrivo un sequel. Mentre il film continua a guadagnare denaro, Phillips è in trattative per riprendere il suo ruolo di regista per una seconda uscita di Joker (lui e Scott Silver, che hanno scritto la sceneggiatura, scriveranno il seguito).

Warners ha in serbo opzioni per sequel per la star del film, Joaquin Phoenix, che è anche emerso come un forte contendente nella corsa per miglior attore agli Oscar. Lo studio e i rappresentanti di Phillips al CAA hanno rifiutato di commentare.

L’inaspettata generosità del box-office pare inoltre stia generando un sostanzioso giorno di paga per Phillips, che secondo alcune fonti guadagnerà quasi 100 milioni di dollari quando la polvere si sarà stabilizzata (ha rinviato la percezione del suo stipendio in cambio di una fetta maggiore del lordo). In effetti, l’accordo è simile a quello che ha siglato con la Warner prima del primo film de Una Notte da Leoni, che nel 2009 ha guadagnato con sorpresa ben 467,5 milioni in tutto il mondo con un budget di 35 milioni.

Dopo Joker, Phillips ha già accarezzato l’idea circa le origini di Bruce Wayne – una lettera scritta dalla madre di Arthur Fleck, alias Joker, implica che i due sono fratellastri. Ma Penny Fleck potrebbe non aver detto la verità, data la propensione della famiglia a immaginare cose che non sono avvenute.