Jurassic World 3: alcune teorie su come il franchise potrebbe continuare

Dopo aver perso i loro dinosauri geneticamente modificati, la InGen potrebbe dedicarsi alla creazione di altri tipo di animali preistorici in Jurassic World 3.

Leggi anche: guarda il cortometraggio sequel di Jurassic World: Il Regno Distrutto, Battle at Big Rock

La recente continuazione del franchise di Jurassic Park ha continuato a far progredire le capacità tecnologiche dell’azienda fittizia del film. John Hammond in precedenza aveva riportato i dinosauri dall’estinzione, e con la InGen li ha modificati geneticamente per adattarli ai loro bisogni. Il franchise ha anche introdotto la clonazione umana in Jurassic World: Il Regno Distrutto.

Tuttavia, Jurassic World 3 riprenderà attraverso un filo conduttore diverso: un mondo in cui i dinosauri ora vagano liberi in tutto il Nord America.

Questo fu il risultato dell’asta fallita all’interno del Lockwood Manor, dove il carico prezioso era l’Indoraptor appena creato. L’Indoraptor è stato creato dal Dr. Henry Wu della InGen per scopi militari, ma la versione prototipo del dinosauro ibrido e le macchine utilizzate per crearlo sono state distrutte. Con la InGen probabilmente alla ricerca di una nuova arma da vendere, potrebbero cercare di riportare in vita le tigri dai denti a sciabola?

Il franchise farà il salto da “Jurassic Park” a “Tardo Pleistocene Park“? Non crediamo proprio, ma questo è proprio ciò che suggerirebbe una nuova teoria su Jurassic World 3 descritta in un video di ScreenRant.

Anche se all’inizio può sembrare strano, la saga ha già anticipato gli Smilodonti come in considerazione per essere riportati in vita. Per cominciare, il negozio di articoli da regalo del Jurassic Park originale comprendeva animali imbalsamati. Anche se non hanno dimostrato di essere vivi nel parco, questo potrebbe stuzzicare circa il fatto che sono una delle specie che John Hammond ha cercato di riportare in vita.

L’altro possibile elemento di prova per questa teoria arriva in Jurassic World: Il Regno Distrutto, poiché il teschio di una tigre dai denti a sciabola è presente nella collezione di fossili nel Lockwood Manor. Ciò potrebbe indicare che la InGen potrebbe avere accesso anche al loro DNA.

Se Jurassic World 3 introdurrà gli smilodonti, non sarebbe troppo difficile immaginare che questa volta la InGen possa farcela. Una miscela di vari DNA di gatto potrebbe essere utilizzata per colmare eventuali lacune nel codice genetico delle tigri dai denti a sciabola, possibilmente dando loro anche maggiore forza, velocità o altre abilità. È anche possibile che questo possa dare il via a uno sforzo maggiore da parte della InGen per riportare indietro più animali preistorici, purché possano essere utilizzati per il loro guadagno.

Sebbene questa sia solo una teoria, i piccoli easter egg potrebbe effettivamente portare ad un introduzione degli smilodonti, magari portando il franchise verso nuovi lidi, invece di continuare a ripetere la formula “dinosauro incazzato in fuga“, che ormai, come dimostrato nei due Jurassic World, funziona a metà perché non è più una novità.

Le tigri potrebbero essere anche più semplici da tenere a bada, e per la InGen, che ha perso miliardi molte volte con i dinosauri, non è difficile immaginare che potrebbero voler “cambiare prodotto“, oltre al fatto che magari potrebbero essere più facilmente addomesticabili e utilizzabili come arma. Ma la domanda alla fine più importante rimane anche nel caso sfruttassero le tigri dai denti a sciabola: i protagonisti si renderanno conto della gallina dalle uova d’oro che hanno fra le mani?