Justice League 2: quale sarebbe potuta essere la storia?

Justice League 2 di Zack Snyder doveva uscire in questi tempi, proprio questi giorni, ma invece i fan non hanno ottenuto che una particolare intromissione da parte della Warner, che ha completamente riscritto i piani di Snyder, 5 film in cui sarebbe stata sostanzialmente raccontata la storia di Superman.

Leggi anche: il criptico puzzle illustra la storia originale di Zack Snyder

I fan sono ancora in fermento con la campagna per far rilasciare la cosiddetta “Snyder Cut”, che non abbiamo mai avuto l’opportunità di vedere nei cinema, ed anche se potrebbe sembrare una speranza che vive in un castello in aria fatto di cracker al rosmarino, la storia di Snyder con le proprie director’s cut ci insegna che queste potrebbe arrivare anche anni dopo l’uscita del suo film, o potrebbero non arrivare mai, come nel caso di Sucker Punch.

È ormai noto che il primo demiurgo del DCEU aveva questa storia divisa in cinque parti da raccontare, che partiva con Man of Steel e culminava in una trilogia di film della Justice League con l’Uomo del domani al centro di tutto. Invece, dopo una tragedia familiare, Snyder si è fatto da parte dalla direzione di Justice League per eaborare il lutto, nonostante fosse profondamente coinvolto nella post-produzione, e la Warner ha “approfittato” della cosa per dare in mano il film a Joss Whedon, che è stato portato a riscrivere e rielaborare il film snaturandolo, e rendendo il film di Snyder qualcosa che la Warner Bros. pensava sarebbe stato più appetibile e in linea con i film mainstream.

Alla fine, non solo lo sforzo della major si è rivelato inutile da un punto di vista del “miglioramento qualitativo”, ma non è riuscito a guadagnare nemmeno il favore del pubblico, con i critici che lo hanno bombardato di negatività e i risultati al botteghino che, anche se abbastanza buoni per un film di massa non hanno soddisfatto a pieno la casa di produzione, che si apsettava una risonanza mediatica e monetaria simile a quella dei film degli Avengers.

Inoltre le assurdità venute fuori dalla post-produzione sono diventate un meme, ovviamente parliamo del caos ed il cattivo gusto generato dalla cancellazione dei baffi di Henry Cavill, che nello stesso periodo stava lavorando al nuovo film di Mission Impossible.

Inutile dire che, se Justice League 2 di Zack Snyder non era già già stato rimosso dalla lista dei futuri progetti DC, il taglio cinematografico di Justice League è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso già colmo di mal gestione e poca fiducia nei confronti dei propri artisti, dove i dirigenti vanno 100 miglia orarie guardando lo specchietto retrovisore e poi si lamentano e incolpano qualcun’altro perché hanno sbandato.

Tuttavia la “Snyder vision” non è mai mostra davvero, perché un tocco così audace e polarizzante per l’universo cinematografico la cosa ha attirato una enorme quota di fan appassionati o semplicemente curiosi. La ricerca della famosa Snyder Cut (che Snyder e altre persone affermano sia reale) ha portato alla luce enormi gli enormi cambiamenti che sono stati fatti alla storia del film, creando ancora più interesse per ciò che Snyder avrebbe voluto raccontare in Justice League 2. Potremmo non avere ancora il quadro completo, ma una serie di cose sulla trama di Justice League 2 sono venute alla luce negli ultimi 18 mesi.

Come doveva finire il Justice League di Zack Snyder?

Il taglio di Zack Snyder avrebbe dovuto durare più di 3 ore e avrebbe introdotto il super cattivo Darkseid, incluso in un momento di suspense alla fine in cui si rivelerà alla Lega dopo che questa ha sconfitto Steppenwolf.

Mentre gran parte del film è stata significativamente alterata o del tutto rimossa, le pennellate più determinanti del finale per alcuni personaggi sono coerenti con ciò che Snyder intendeva fare, ma ci sono anche alcune differenze significative per alcuni. Superman è tornato a Metropolis (più luminoso che mai), Bruce Wayne ha iniziato a convertire la Wayne Manor nella Hall of Justice, Flash ha imparato ad avere più sicurezza nell’essere un eroe e salvare le persone, e Cyborg ha abbracciato il suo io da ero. Infatti, a quanto pare, il monologo conclusivo dovuto essere Silas Stone a farlo, non da Lois Lane, dove avrebbe dato un messaggio di speranza a suo figlio tramite un messaggio registrato. Mentre Silas viveva nel taglio cinematografico, avrebbe dovuto morire nella Snyder Cut. Cyborg doveva essere il cuore del film e avrebbe anche dimostrato di avere il potere di rivaleggiare contro Superman.

Snyder ha girato il 100% della sceneggiatura di Justice League (comprese scene con l’attore Ray Porter, che era stato scelto per il ruolo di Darkseid) ed è stato profondamente coinvolto nella post-produzione prima di lasciare il film. Se quel piano non fosse stato scartato e rifatto in fretta agli ultimi mesi di produzione, il cliffhanger di Darkseid alla fine del film avrebbe costituito a base per creare Justice League 2, che sarebbe stata prodotta e rilasciata, salvo imprevisti di produzione.

E qui arriviamo al punto dolente, ma comprensibile. Justice League 2 non ha mai avuto una vera sceneggiatura.

Mentre l’intero arco di cinque film di Zack Snyder è stato pianificato, Justice League 2 non ha mai avuto una sceneggiatura finale, e non aveva ancora uno scrittore assegnato. Chris Terrio ha riscritto la sceneggiatura di Batman v Superman: Dawn of Justice di David Goyer e ha scritto Justice League, ma ha detto che quest’ultimo ha iniziato le proprie riprese senza la sicurezza che ci sarebbe stato un secondo capitolo.

Dal momento che Justice League è stato riscritto in risposta all’accoglienza iniziale di Batman v Superman – perchè ricordiamo che il film è stato rivalutato moltissimo negli anni – Justice League 2 avrebbe probabilmente avuto bisogno di alcuni aggiustamenti per far si che coincidessero. Tuttavia, la storia complessiva non sembra essere stata scartata tanto quanto attenuata, il che significa che i principali punti della trama che sappiamo di Justice League 2 probabilmente sarebbe rimasti per lo più gli stessi.

Darkseid sarebbe dovuto essere il villain ultimo

Darkseid doveva essere introdotto nel primo Justice League, con Steppenwolf come principale antagonista (un po’ nello stile Sauron e i Nazgul), ma Justice League 2 avrebbe visto la Lega combattere contro Darkseid direttamente.

La lezione di storia della Justice League avrebbe visto Darkseid usare l’Equazione Anti-Vita (una formula che elimina il libero arbitrio), anche se Darkseid è stato poi sostituito con Steppenwolf in quella scena nel taglio cinematografico, così i simboli di fuoco che incidono nel terreno quando Steppenwolf colpisce la terra con la sua ascia, erano destinati ad essere l’Equazione Anti-Vita stessa.

E’ logico pensare che la storia sarebbe stata almeno in parte ispirata a Crisi Finale di Grant Morrison, una storia che vede Darkseid invadere la Terra e sottomettere l’umanità con l’Equazione Anti-Vita. Snyder condivide un certo numero di sensazioni artistiche con Grant Morrison e, oltre alla rilevanza dell’Equazione Anti-Vita, ci sono alcuni punti aggiuntivi che supportano Crisi Finale come ispirazione.

L’importanza della Sequenza Incubo e del Cavaliere Oscuro

La timeline di detta semplicemente “Knightmare”, dalla scena incubo di Batman v Superman, è del tutto assente nel taglio cinematografico di Justice League, ma originariamente doveva essere un affare molto più grande per l’arco originale in cinque parti, ed è probabilmente ciò che ha legato l’intero storia insieme.

La sceneggiatura originale di Justice League vedeva l’apparizione un boom-dotto nella Bat-Caverna e la morte di Lois Lane, la cui perdita avrebbe reso Superman suscettibile all’Equazione Anti-Vita, permettendo a Darkseid di prendere il controllo e facendo partire la serie di eventi che avrebbe portato a quel futuro distopico visto nella sequenza incubo di Batman v Superman: Dawn di Justice. Il tutto avrebbe poi portato a Flash a fare capolino indietro nel tempo per mettere in guardia Bruce, e dagli eventi di Batman v Superman sappiamo che il velocista scarlatto avrebbe viaggiano troppo indietro nel passato, così Bruce non sarebbe stato in grado di comprendere verso cosa l’avesse messo in guarda il Flash del futuro. Per questo nel film ha scambiato Superman per la vera minaccia.

Nella sequenza Knightmare, che adesso pare essere una timeline vera è propria facente parte del multi-verso DC, Batman e Cyborg avrebbero costruito un tapis-roulant cosmico nella Bat-Caverna, e usando questo il Flash del futuro avrebbe saltato indietro nel tempo, anche se in maniera instabile in quanto quella macchina del tempo non gli avrebbe permesso di spostarsi nello spazio.

Dopo che Batman sarebbe morto per mano di Knightmare Superman, Cyborg avrebbe identificato 2 finestre temporali in cui Flash avrebbe potuto saltare, dove Lois sarebbe stata ancora viva e la Terra si sarebbe trovata esattamente nella stessa posizione. Scelta la finestra Flash sarebbe saltato, per rendersi poi conto di esser arrivato troppo in anticipo. Tuttavia, Batman sarebbe stato avvisato di qualcosa, e l’inatteso delirio di Luthor alla fine di Batman v Superman lo avrebbe indirizzato verso una minaccia più oscura, portandolo quindi a formare la Justice League.

L’esatta sequenza di eventi non è chiara, e la sceneggiatura sarebbe stata modificata per allinearsi con la riscrittura della Justice League, ma è possibile che Bruce non fosse ancora in grado di fermare Darkseid dall’uccidere Lois, portando la sequenza di eventi di nuovo in direzione della timeline Knightmare, visto e considerato che qualsiasi finestra Flash e Cyborg sceglierebbero nel futuro sarebbe troppo in anticipo rispetto agli eventi. Nella nuova catena di eventi, Bruce avrebbe chiesto a Cyborg di spiegargli quale finestra ha scelto, e quindi il Cavaliere Oscuro avrebbe selezionato l’altra, scegliendo un punto nella timeline che gli avrebbe consentito di salvare Lois e impedire che la timeline Knightmare si verificasse.

Justice League 2 avrebbe (probabilmente) finalmente visto l’introduzione di Lanterna Verde. Di tutte le cose che sappiamo sul piano di Snyder, esattamente come si inserisce il personaggio non è chiaro, ma ha stuzzicato circa il fatto che sarebbe successo in Justice League 2.

A un certo punto, è stata programmata una scena post-crediti di Justice League, dove Bruce si sarebbe svegliato nella sua casa sul lago e un bagliore verde lo avrebbe svegliato, così avrebbe incontrato le Lanterne Verdi chiamate Kilowog e Tomar-Re, ma sembra che il concept sia stato abbandonato ancora prima che Zack Snyder se ne andasse da Justice League.

Si dice che Charles Roven fosse un grande fan di Mark Wahlberg e lo volesse come Lanterna Verde, ma nulla è mai stato finalizzato.

Come sapete, grazie ad un criptico puzzle, Snyder pare aver anche confermato che Batman sarebbe morto in Justice League 2. L’esatta natura della sua morte non è nota, ma pare che si sarebbe sacrificato per uccidere Darkseid. Ciò ha causato un po’ d’indignazione da parte dei fan, ma ha molto senso se capisci il contesto di ciò che Snyder stava facendo con i suoi film.

Ben Affleck non si è mai dato al ruolo come Robert Downey Jr. o Hugh Jackman. Affleck aveva già messo una croce sull’interpretare un super-eroe, dopo la disastrosa avventura nei panni di Daredevil, ma la versione più vecchia e grintosa Batman ideata da Zack Snyder lo conquistò. Il fatto che sarebbe stata solo una manciata di film è sicuramente servito a convincerlo maggiormente.

Nel puzzle che vi abbiamo citato vediamo quella che sembra chiaramente la realizzazione che Batman ad un certo punto si sarebbe sacrificato, per salvare Lois e permettere a lei e Clark di avere un figlio, a cui avrebbero dato il nome di Bruce (come confermato da Snyder su Vero). Questo sarebbe stato ovviamente un bel momento, sopratutto dopo il conflitto visto in Batman v Superman: Dawn of Justice.

Quest’arco narrativo ormai morto avrebbe visto quindi Superman divenire più umano, avere un figlio con un’umana l’avrebbe avvicinato alla’umanità, e sarebbe diventato il simbolo di speranza di Krypton sulla Terra come voleva Jor El.

Mentre la Snyder Cut parrebbe essere significativamente completa e potrebbe anche essere rilasciata un giorno, Justice League 2 sfortunatamente vive solo come trattamento incompleto e anche solo come un concept. Mentre questa storia è certamente dubbia nel fatto che verrai mai realizzata, esistono alcune “chiacchiere” sull’adattarla ad una graphic novel o film d’animazione, in modo che i fan possano vedere il resto della storia che Snyder aveva programmato e chiudere con il tiro mancino fatto a loro dalla Warner.

Fonte