Justice League: alcune nuove immagini dalla sequenza tagliata dell’affresco

Nel corso del tempo che ci ha diviso dall’uscita di Justice League, in mucchio di informazioni sono arrivate online, principalmente riguardo la famosa Snyder Cut, e grazie ad alcuni rivelazioni fatte da Zack Snyder stesso su Vero, molti fan hanno messo insieme una miriade di cose che hanno portato a comprendere alcune linee narrative che il regista avrebbe voluto portare nel cinecomic corale.

Leggi anche: Justice League e Zack Snyder – Archivio

Tempo addietro vi abbiamo parlato di alcune discussioni circa la scena flashback di Justice League, dove Diana Prince, alias Wonder Woman, spiega a Bruce Wayne che nel passato si è verificata una grande guerra fra Steppewolf con le sue legioni di Apokolips, e le tribù degli uomini.

Come sapete, nei mesi e negli anni successivi è stato parzialmente confermato che le razze viste nella sequenza flashback di Justice League avrebbero dovuto combattere per l’equazione anti-vita, contro niente popò di meno che il signore di Apokolips in persona, Darkseid in una versione più giovanile e ancora chiamato Uxas. Se non la conosceste, questa particolare formula è nota al mondo dei fumetti DC Comics per esser stata creata da Jack Kirby in persona come metafora dei nazisti e l’orrore del loro movimento. La stessa permette al suo possessore di asservire al suo volere tutte le creature senzienti. Il nome Equazione Anti-Vita viene da un parallelismo che Kirby fece con il fatto che non sei veramente vivo, se sei sotto il completo controllo di qualcuno.

Ad ogni modo, non è la prima volta che vengono fuori nuove informazioni circa tutti i vari tagli fatti alla concezione originale del film di Zack Snyder – brutalmente macellato dalla produzione, reso più leggero e meno autoriale per paura di poca affluenza al cinema. Come sapete, tempo addietro venne fuori una particolare immagine che ritraeva il signore di Apokolips in maniera piuttosto chiara, e sull’immagine erano presenti delle scritte in greco antico che qualcuno mal tradusse come “Killer Darkseid“.

Prendemmo in consegna l’impegno di tradurre al meglio e portammo alla luce un altro significato. La scritta era piuttosto ambigua, perché quando noi stessi l’abbiamo tradotta il significato è apparso diverso. La traduzione dal greco moderno è apparsa al tempo come “cracked thoroughly”, che in italiano significa “incrinato profondamente“, il ché potrebbe rimandare al tipo di pelle che ha il personaggio personaggio in alcuni fumetti, ma anche ad una profonda ferita inflitta durante il primo tentativo d’invasione.

In un nostro vecchio articolo semplicemente dicemmo: “Non conosciamo il significato della parola ‘Skotomidis’, ma essendo probabilmente un nome proprio si può riflettere e pensare a chi si riferisca. E’ semplice far un rimando a Steppenwolf, per via del fatto il nome comincia con la ‘s’, ma de-costruendo il tutto e traducendo la parola “dark” dall’inglese al greco si può leggere “skotádi”. Quindi riflettendo sul fatto che il primo segmento del nome ‘Darkseid’ è composto effettivamente da quella parola, si può immaginare che con ‘Skotomidis’, il testo rimandi proprio al signore di Apokolips”.

Infine, anche se tecnicamente è difficile dare conferma senza quella della Warner, Zack Snyder ha condiviso molti elementi dalla sua versione di Justice League, e una serie d’immagini in particolare hanno caratterizzato ulteriormente la questione Darkseid.

In una serie di immagini BTS che potete vedere nel collage qui sopra, abbiamo visto una sequenza completamente tolta dal film in cui Diana Prince ritrovava un’antica stanza con un affresco che mostrava le tre Scatole Madri, di cui Snyder pubblicò un’immagine il giorno del compleanno di Gal Gadot, interprete di Wonder Woman. Da quella foto si intravedeva l’affresco, poi riuscimmo a recuperare tutte le immagini ufficiali che mostravano quel determinato set – in particolare l’intero affresco che abbiamo intravisto nella foto pubblicata da Snyder – e oggi finalmente possiamo mostrarvi alcune immagini più nitide e dettagliate.

Potete vederle qui sotto: