Justice League: Zack Snyder supporta la teoria sulla sua director’s cut?

Dopo Justice League si sono susseguiti mesi e mesi di speculazioni circa il presunto lavoro di rimontaggio ed eliminazione del tocco di Zack Snyder dalla pellicola DC Films, una vicenda a metà gran verità e costrutto delle migliori menti facenti parte della compagna “sveliamo i complotti” non assunti da Mistero. Zack Snyder aveva creato uno stile con Man of Steel, poi proseguito con Batman V Superman, e chi che se ne dica, anche se la critica internazionale non ha preso in buona considerazione il primo, ed ha distrutto il secondo, al pubblico è preso a piacere sempre di più, mese dopo mese, con molte persone che arrivavano anche a dire “ma davvero è questo il film che tanto hanno odiato?“.

Quindi dopo mesi e mesi di speculazioni online alla fine siamo arrivati anche all’organizzazione di proteste sotto gli uffici della Warner, gesto estremo ma comprensibile, per avere la giusta versione del film che spettava ai fan, la tanto chiacchierata Snyder’s Cut.

La suddetta sarebbe, secondo speculazioni, una versione preliminare del montaggio originale voluto dal regista, che ha dovuto abbandonare la produzione in corso d’opera a causa della terribile tragedia che ha colpito la sua famiglia, lasciando così il terzo atto e la post-produzione in mano a Joss Whedon ed ai suoi reshoot. Dopo il risultato portato al cinema, che a dire la verità ha regalato un film mediocre (rispetto ai precedenti DC Films), ma appetibile per il pubblico, è nato quindi il movimento Snyder’s Cut che ha portato perfino alla strutturazione di petizioni e siti web che hanno acclamato a gran voce il suddetto montaggio.

Vi abbiamo detto più di una volta però che le probabilità dell’esistenza di un’effettiva Snyder’s Cut sono pressoché minime, in particolare perché il regista si è allontanato dalla Justice League quasi sei mesi prima che arrivasse nei cinema.

Qualche giorno fa è comparso in rete un editoriale di ScreenRant, curato da Stephen M. Colbert, che illustrava le ragione di una reale esistenza della Snyder’s Cut di Justice League. A quanto sembra gran parte delle prove utilizzate nell’editoriale provenivano direttamente da Snyder, che aveva pubblicato varie immagini dietro le quinte sui social media durante tutto il suo periodo di coinvolgimento in Justice League. Nell’insieme, stando all’editoriale, questi post indicano come Snyder fosse sensibilmente più avanti nel processo di post-produzione di quanto si potesse pensare. Infine l’articolo è stato pubblicato su Vero, un poco popolare social network, da Fiona Zheng, che ricorderete per le reazioni ai primissimi test-screening. Nello screenshot qui sotto infatti potete vedere il post della ragazza che ha condiviso l’articolo di ScreenRant, e uno Snyder far capolino fra gli apprezzatori della cosa.

Naturalmente tutto questo non prova assolutamente niente, e come per tutte le “prove” che fino ad ora ci sono state sottoposte, le prenderemo per buone una volta che una fonte ufficiale le rivelerà come tali, ma comunque è abbastanza influente per farci credere che la Snyder’s Cut di Justice League ad un certo punto sia esistita davvero. Sarebbe veramente strano altrimenti il consenso di Snyder, non trovate?

Nei mesi successivi all’uscita di Justice League il buon regista è stato irrintracciabile (non ha risposto neanche a noi), e quindi nessuno gli ha potuto chiedere un opinione circa la versione cinematografica del cinecomic DC Films, anche se aveva espresso consenso “da social network” alla petizione per il rilascio del suo montaggio. Che cosa ne pensate?