Katherine Langford di Avengers: Endgame giustifica l’essere stata tagliata dal film

Katherine Langford di Avengers: Endgame giustifica l’essere stata tagliata dal film.

Leggi anche: Angelo Maggi e Martina Felli doppiano la sequenza onirica fra Tony e Morgan Stark

È passato quasi un anno e mezzo da quando il film di Joe e Anthony Russo è uscito nei cinema, concludendo la Saga dell’Infinito. Oltre a risolvere la debacle in corso che circonda Thanos (Josh Brolin), ha anche funzionato come il canto del cigno per l’eroe inaugurale del MCU, Tony Stark / Iron Man (Robert Downey Jr.) tramite un sacrifico.

Nel tentativo di tracciare un parallelo con il Titano Pazzo in Avengers: Infinity War, Endgame avrebbe dovuto anche mostrare Tony Stark che veniva trasportato nel mondo dalle sfumature arancioni che non ufficialmente è soprannominato Soul World. Mentre Thanos ha incontrato una giovane Gamora (Ariana Greenblatt), Tony stava per avere un’ultima conversazione con sua figlia adulta, Morgan Stark interpretata dalla Langford. Tuttavia, i realizzatori hanno rivelato che la scena semplicemente non ha evocato la reazione che volevano negli spettatori durante le proiezioni di prova: la maggior parte di loro era confusa su chi fosse l’attrice poiché era alla sua prima apparizione nel MCU, questo li ha portati a tagliare del tutto la scena.

Considerato il successo di Endgame, diventato il film con il maggior incasso di tutti i tempi, in una recente intervista con Collider alla Langford è stato chiesto se ha qualche rancore circa il fatto che la sua unica scena sia stata lasciata fuori dal film.

Sorprendentemente, l’attrice non nutre alcun rancore nei confronti della cosa. Invece, dice che alla fine della giornata, tifa sempre per ciò che è meglio per il film ed è semplicemente felice di aver avuto l’esperienza per lavorarci.

“Le persone dicono: ‘Oh, sei arrabbiata?”, e io rispondo: ‘Qualunque cosa sia meglio per il film va bene anche per me’. Perché alla fine della giornata, preferirei vivere l’esperienza di essere in un film veramente buono che essere in un film per il gusto di esserci. Non vuoi essere in qualcosa e poi essere il pollice dolorante che sporge. Io non mi sentivo affatto in quel modo, ed i fratelli Russo non si sentivano affatto in quel modo. Ma, sai, abbiamo fatto questa scena molto sentimentale, qualcosa che era davvero bello e un regalo per i fan penso, motivo per cui l’hanno inclusa e quindi perché essenzialmente l’hanno rilasciata dopo l’uscita del film. E’ perché per i fan che amano davvero la Marvel, era un piccolo extra. Ma, sai, alle fine per il film non aveva davvero senso.

Sono contento che le persone che volevano vederlo e hanno davvero chiesto di vederlo, lo abbiano visto. E per me, sì, essere in quel tipo di film è stata l’esperienza.”

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: