Kevin Feige a proposito degli show Marvel sviluppati per Disney +

Il capo dei Marvel Studios, Kevin Feige si sta preparando per l’uscita di Avengers: Endgame, che è pronosticato per il dominio del botteghino quando arriverà alla fine di aprile. Ma sta anche guardando oltre quella pellicola ad una nuova fase dell’Universo Cinematografico Marvel, uno che introdurrà nuovi eroi e nuovi cattivi.

Un elemento che sarà diverso è che la trama in arrivo non verrà sparpagliata esclusivamente sul grande schermo. Quest’anno, Disney sta lanciando il proprio sfidante nella battaglia per lo streaming, Disney + (di cui qui potete leggere i dettagli).

Feige e il suo team stanno supervisionando diverse serie originali come “WandaVision”, “Loki”, “Falcon & Winter Soldier”, e uno show senza titolo su Occhio di Falco per la piattaforma. Questi eroi della Marvel saranno interpretati da Elisabeth Olsen, Paul Bettany, Tom Hiddleston, Anthony Mackie, Sebastian Stan e Jeremy Renner, che hanno interpretato gli stessi personaggi al cinema.

“Questi episodi si intersecheranno con i film in un modo molto grande”, spiega Feige. “È una forma totalmente nuova di narrazione con cui possiamo giocare e che possiamo esplorare.

È il primo tipo di narrativa a lungo termine che i Marvel Studios hanno fatto – saranno sei episodi, otto episodi, 10 episodi con gli attori dei film che interpretano i loro personaggi. Cambieranno, si evolveranno, cresceranno in quella serie di eventi e poi quei cambiamenti si rifletteranno nelle loro prossime apparizioni cinematografiche.”

Una cosa che in particolare impressionò Feige fu che Hiddleston, Renner e altri si sono resi davvero disponibili a riprendere il loro ruolo lontano dal grande schermo.

“Penso che sia una testimonianza della qualità dello streaming e del modo in cui le cose stanno cambiando, che molti dei nostri attori ne sono totalmente coinvolti e sono davvero entusiasti. Ero preoccupato per questo. Avevo un’intera canzone e una danza pronta per il momento in cui si sarebbero rivelati entusiasti della cosa.”

La loro disponibilità ha messo sotto pressione la squadra di casa Marvel.

“Prendiamo molto seriamente la nostra responsabilità. Spesso chiediamo agli attori di partecipare in base a un’idea anziché a in base ad una sceneggiatura sconosciuta, e sappiamo che quando lo fanno è perché si fidano di noi e noi non prendiamo la cosa alla leggera.”

Feige e il suo team si stanno preparando per un mondo post-Endgame, uno in cui diversi personaggi importanti se ne andranno e ne verranno introdotti di nuovi. Il recente acquisto da parte della Disney da 71,3 miliardi di dollari di gran parte delle risorse cinematografiche e televisive della Fox, gli offre una panchina più ampia in cui poter scegliere, mentre cercano di creare la prossima grande fase dell’UCM. Feige ora sarà in grado di integrare gli X-Men, i Fantastici 4 e Deadpool in narrazioni che coinvolgono i Vendicatori.

“Le specifiche di ciò che significa devono ancora essere descritte, ma nel complesso è meraviglioso e sembra che questi personaggi siano tornati a casa. Sarà bello avere quello che vorrebbe ogni altro detentore [della proprietà intellettuale] a cui possa pensare, ovver l’accesso a tutti i nostri IP. Immagina se Donald Duck fosse di un altro studio. Immagina se Pippo o Vaiana fossero da qualche altra parte e non avessi accesso a loro anche se sono tuoi.”

Sony controlla ancora i diritti di Spider-Man e vari personaggi secondari, ma Marvel ha prodotto “Spider-Man: Far From Home” e “Spider-Man: Homecoming” in un accordo che ha permesso allo studio di mettere l’iconico personaggio in Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame. Nel corso degli anni, Feige e il suo team si sono preoccupati della loro incapacità di accedere a determinati personaggi che erano stati concessi in licenza ad altri studi come Fox durante la grande crisi della Marvel degli anni ’90.

“Abbiamo trascorso 12 anni nei Marvel Studios abbracciando tutte le storie di personaggi che non erano mai stati portati sullo schermo prima, ma ci sono stati momenti in cui avremmo avuto un player di supporto, o un punto di riferimento, o qualcosa del genere per un film, e legalmente non avrebbe dovuto dimentare che quei personaggi vivevano sotto un’altra egida e che non avevamo il permesso di utilizzarli.

Non sto parlando della Professor X o di Wolverine, ma di migliaia di altri personaggi facenti parte di quei marchi. In quel momento abbiamo fatto le spallucce e ce lo siamo fatto andare bene, mentre ci mettevamo a cercare un’altra soluzione. Sarà bello non doverlo fare più.”

L’accordo con la Fox consentirà inoltre alla Marvel di sperimentare con i tipi di film tratti dai fumetti che realizza. Feige ha detto che “resta da vedere” se lo studio inizierà a creare anche avventure R-rating come Logan, ma ha fatto eco alla promessa del Presidente della Disney, Bob Iger, di continuare a realizzare film per adulti come Deadpool.

Fonte