Kevin Feige ha rimproverato Iman Vellani per una cosa successa sul set della serie Ms. Marvel

Disney+ ha preso d’assalto il mondo sin dal suo lancio nel novembre del 2019.

Inizialmente disponibile solo in mercati selezionati come il Nord America, il servizio di streaming molto popolare si è ora esteso a molte più regioni del mondo. E man mano che più contenuti vengono aggiunti alla piattaforma, in particolare le serie MCU e gli spettacoli di Star Wars, la base di abbonati continua a crescere.

Tuttavia, non tutti consumano il loro momento d’intrattenimento Disney+ allo stesso modo. In effetti, la star di Ms.Marvel, Iman Vellani, ha recentemente rivelato di essere stata scherzosamente rimproverata per aver guardato un’altra delle serie Marvel, WandaVision, sul suo telefono.

La persona che le ha dato quel rimprovero è nientemeno che il presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, che ha detto alla giovane attrice che la serie: “non è fatta per esser guardata su un telefono!“, aggiungendo poi un: “Guardala in TV!“.

Oltre ad essere in lizza come miglior capo di Hollywood, Feige ha ragione: i Marvel Studios producono questi spettacoli e film pensando a uno schermo molto più grande. Ma questa nozione non impedisce ad alcuni gruppi demografici di preferire lo schermo del proprio telefono e ci sono dati solidi a sostegno di questo.

Secondo un sondaggio condotto da Hub Entertainment Research (tramite MarketingCharts.com) durante il secondo anno di vita di Disney+ nel 2020, gli utenti del servizio di streaming hanno scelto prevalentemente di guardare i contenuti sui propri smartphone. Questa particolare osservazione è stata fatta, ovviamente, prima dell’arrivo dei primi spettacoli MCU sulla piattaforma, ma la crescita che Disney+ ha avuto da allora dovrebbe ancora riflettere queste abitudini degli utenti.

Si può anche tenere conto del fatto che il numero di famiglie che utilizzano il telefono come dispositivo principale per la visione di video è aumentato in modo non trascurabile dal 2019, quando il numero è passato dal 23% al 30% di adesso. Infatti, il 51% dei consumatori dichiara di ritenere che lo streaming di video sul proprio smartphone sia più semplice rispetto ad altri mezzi di visualizzazione, ad esempio su un televisore o un laptop.

Inoltre, sulla base dei dati compilati da Nscreen Media, un enorme 72% degli adulti che vivono negli Stati Uniti considera il proprio telefono la scelta preferita per lo streaming on-demand. Questo numero è un po’ più alto degli adulti che usano la TV o il computer per lo stesso scopo.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: