Le 20 entità più potenti dell’Universo Marvel

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Oggi vi presentiamo la nostra classifica delle 20 entità più forti del Marvel Universe, partendo dalla “meno potente” per così dire. Esplorando questi personaggi in una visione panoramica, è facile notare come alcuni di essi siano già abbastanza noti mentre altri, probabilmente i più potenti, siano poco conosciuti dai più.

Gli antichi dell’universo (Elder of the Universe)

Sebbene non siano vere e proprie entità cosmiche, gli antichi dell’universo sono tenuti in vita da un misterioso Potere primordiale. Essi sono un gruppo formato dagli ultimi sopravvissuti della reciproca razza che, dopo aver trasceso la mortalità, decisero di dedicarsi ad un “hobby”. Il Corridore corre per lo spazio a velocità inimmaginabili, il Campione è dotato di una forza inaudita che impiega nei combattimenti, il Maestro di Gioco scommette anche sulle più importanti materie cosmiche, ecc. Grazie a questa connessione con l’universo, gli antichi vengono spesso in contatto con le Gemme dell’Infinito.

Ecco l’elenco degli antichi:

  1. L’Astronomo/Seginn Gallio (Steve Englehart/Marshall Rogers-Silver Surfer4,1987)
  2. La Nutrice/Rubanna Quorno (Mark Gruenwald/Greg Capullo-Quasar 37,1992)
  3. Il Campione dell’Universo/Tryco Slatterus (Tom DeFalco/Ron Wilson-Marvel Two in One Annual 7, 1982)
  4. Il Collezionista/Taneleer Tivan(Stan Lee/Don Heck-Avengers 28,1966)
  5. Il Contemplatore/Taht Ki(Jack “King” Kirby, Captain America’s Bicentennial Battle 1, 1976)
  6. L’esploratore/Zamanathan Rambunazeth(Mark Gruenwald/Andy Smith-Quasar 47,1993)
  7. Padre Tempo (Mark Gruenwald/Ron Lim-Captain America 383,1991)
  8. Il Giardiniere/Ord Zyonz (Bill Mantlo/John Byrne-Marvel Team-up 55,1977)
  9. Il Gran Maestro/En Dwi Gast (Roy Thomas/John Buscema-Avengers 69,1969)
  10. La Giudicatrice (Mark Gruenwald/Andy Smith/Ralph Cabrera-Quasar 47,1993)
  11. L’Obliteratore/Maht Pacle (Steve Englehart/Marshall Rogers-Silver Surfer4,1987)
  12. Il Possessore/Kamo Tharn (Gerry Conway-Thor 235,1975)
  13. La Promoter (Jeremy Whitley,Simone Buonfantino-Thor vs Hulk: Champion of the Universe,2017)
  14. Il Corridore/Gilpetperdon (Peter B.Gills/Don Perlin-Defenders 143,1985)
  15. Lo Straniero (Stan Lee/Jack “King” Kirby/Chic Stone-X-men 11,1965)
  16. Il Commerciante/Cort Zo Tinnus(Steve Englehart/Marshall Rogers-Silver Surfer4,1987)

Lo Straniero (The Stranger)

Lo Straniero sembra possedere poteri quasi divini. Nonostante le sue abilità non siano state probabilmente mostrate appieno, da quel poco che si è visto, queste devono essere praticamente illimitate. Egli innanzitutto è capace di utilizzare l’energia cosmica per difendersi o attaccare in una miriade di modi differenti (ad esempio tramuta Mastermind in una statua di pietra). Poi riesce a passare attraverso qualsiasi tipo di oggetto solido o liquido. Inoltre può volare, anche nello spazio aperto, senza alcuna protezione ed apparentemente anche ad altissime velocità. Infine riesce a regolare la propria stazza a piacimento, riuscendo anche a diventare gigantesco.

Mistress Love e Master Hate

Due facce delle stessa medaglia, queste due entità cosmiche sono la personificazione dei due sentimenti contrastanti, essi sono immortali finché esiste vita senziente in grado di provare le emozioni a loro legate. Ovviamente, possiedono il potere di generare odio/amore in ogni essere dell’universo. Maestro Odio è un essere cosmico astratto che incarna l’odio. Le sue vere origini sono un mistero. Il Maestro Odio apparve per la prima volta agli umani quando unì le sue forze con altre entità cosmiche per fermare Thanos, che nel frattempo aveva acquisito il controllo dell’Infinity Gauntlet.

Mistress Love è un essere astratto, incarnazione cosmica dell’amore stesso. Non sono note le sue vere origini, come per la sua controparte. Apparve per la prima volta all’ Incantatrice che cercava il vero amore. Tuttavia, per ritenere Amora degna dei suoi doni, Amore la mise alla prova, mettendo a confronto l’Incantatrice contro i Difensori. Avendo fallito il test, Amore abbandonò l’Incantatrice e ritornò nel cosmo. Ovviamente fece altre comparse!

L’Intermediario (In-Betweener)

Il personaggio è apparso per la prima volta in Warlock # 9 (ottobre 1975) ed è stato creato da Jim Starlin. L’Intermediario è un’entità cosmica che esiste come sintesi dei maggiori concetti dell’universo: vita e morte, realtà e illusione, bene e male, logica ed emozione, esistenza e nulla, uomo e dio. Pur possedendo sufficiente potere da alterare la realtà su scala cosmica, l’Intermediario non è onnisciente ed infallibile.  Infatti, tra i parametri dell’esistenza dell’Intermediario ci sono sia potere che debolezza, sapienza ed ignoranza. Per ammissione dello stesso In-Betweener, egli rappresenta la dualità stessa. L’In-Betweener è anche un agente degli esseri concettuali Lord Chaos e Master Order, sebbene la sua lealtà sia rivolta a sé stessa piuttosto che a loro. Oltre ad essere un’incarnazione di equilibrio e dualità, l’In-Betweener è probabilmente una controparte metafisica di Galactus.

Il Cubo Cosmico (Kubik)

Appare per la prima volta in Tales of Suspense # 79 (luglio 1966) e Kubik in Avengers # 289 (marzo 1988). Il concept è stato creato da Stan Lee e Jack Kirby e rifinito da Ralph Macchio .

Il cubo cosmico è pura energia compattata in forma solida. E’ in grado di trasformare ogni pensiero in realtà, dando a chiunque lo impugni poteri divini. Se il cubo viene però lasciato maturare, si evolve in una forma senziente dotata degli stessi poteri che aveva in forma geometrica. Un cubo cosmico diventerà l’architetto alieno noto come Modellatore di Mondi, un altro l’essere cosmico noto come Arcano.

Come tutti i Cubi Cosmici, Kubik possiede la capacità di manipolare l’energia extra-dimensionale per alterare la realtà e ottenere praticamente qualsiasi effetto. Al raggiungimento della maturità, un cubo assume una forma umanoide con il suo comportamento modellato sugli individui che lo hanno posseduto. Il petto di Kubik mostra anche una rappresentazione olografica di un Cosmic Cube.

I Padri del cielo

Nell’universo Marvel convivono tutte le mitologie terrestri. Nordica, Greca, Atzeca… Questo è dimostrato non solo dal fatto che il dio norreno del tuono sia un membro degli eroi più potenti della Terra (e per un certo periodo lo sia stato anche il dio Latino della guerra) ma anche da una particolare assemblea: il Consiglio dei Godheads, chiamato anche Elite del Consiglio o Council of Skyfathers, è un comitato sciolto dei capi della terra.  Il Consiglio ha il compito di raccogliere informazioni e consultarsi sulle minacce che il singolo pantheon non è in grado di gestire da solo.

Tutte le divinità maggiori del pantheon di riferimento vengono definiti Padri del cielo, e si riunisco quindi nel concilio degli Dei. Dotati di poteri inimmaginabili, ma anche di un modo di pensare totalmente diverso da quello dei mortali, gli dei sono stati più volte sconfitti, ma il concilio non è mai stato distrutto troppo a lungo.

Prima apparizione: Thor #300 (Ottobre, 1980)

Ecco di chi stiamo parlando:

  1. ZEUS
  2. ODIN
  3. Tezcatlipoca
  4. VISHNU
  5. YU-HUANG
  6. Itzamna
  7. Buluku
  8. Ulgen
  9. UKKO
  10. MANITOU
  11. NUADHU
  12. DOMARE
  13. Viracocha
  14. Izanagi
  15. OKONOROTE
  16. TOMAZOOMA
  17. ANU
  18. AMMON RA
  19. BUDDHA
  20. Svarog
  21. OSIRIS
  22. ATAR
  23. HORUS
  24. NDRIANANAHARY
  25. PADRE TUTTO
  26. Shou-HSING
  27. HUNAB KU

Il Demongorgone (Atum Demogorgone)

Prima apparizione: Thor # 300 (ottobre 1980) (Come Ammon-Ra) Thor Annual # 10 (ottobre 1982)(Come Atum / Demogorgone)

Miliardi di anni fa, poco dopo la formazione della Terra, il Demiurgo, la forza vitale senziente della biosfera terrestre, seminò il giovane pianeta con la sua essenza, creando una razza di Elder Gods. Nel corso del tempo, gli Elder Gods degenerarono trasformandosi in demoni, iniziarono a combattere l’unp contro l’altro, lottando per il potere e l’egemonia. Gea, che non era stata corrotta, temeva per la sicurezza della nuova vita e andò dal Demiurgo e gli chiese di farle concepire un mezzo per sconfiggere i demoni. Entrò nelle profondità della Terra e diede alla luce Atum, il primo di una razza di nuovi dei. Atom fece il giro della Terra, uccidendo i demoni e assorbendo le loro energie, assumendo un aspetto mostruoso e diventando Demogorge, il God-Eater. Dopo aver completato il suo compito, Atum prese il volo, liberò l’energia immagazzinata nel suo corpo e si ritirò nel sole. Dotato di questo grande potere, ascenderà la divinità, prima come membro del pantheon egizio e in seguito come uccisore di divinità. Il suo nome è temuto da tutti gli esseri divini dell’universo Marvel. Possiede il potere combinato di tutti i padri del cielo.

La forza Fenice

Fenice (Phoenix) è un personaggio creato da Chris Claremont e Dave Cockrum nel 1976, pubblicato dalla Marvel Comics.

La Fenice nell’Universo dei fumetti Marvel è un’entità cosmica dagli enormi poteri, che nel corso della sua plurimillenaria esistenza spesso sceglie degli esseri (di molte specie, umane o aliene, nel 99% dei casi è un X-Men) che la ospitino, affinché essa possa compiere la propria missione (solitamente interviene per favorire il progresso evolutivo di alcuni mondi rispetto ad altri), dopodiché essa torna ad uno stato di quiescenza, dentro alla cosiddetta “White Hot Room” una sorta di luogo remoto nello spazio e nel tempo, dove l’entità resta in incubazione fino al suo successivo ritorno.

La forza Fenice è la manifestazione fisica della passione, nata nientemeno che dalla nascita dell’universo stesso. La fenice porta la vita e la morte a tutti i pianeti del cosmo. La forza Fenice esiste in tutti gli universi e morirà solo alla fine dell’universo. In principio massa informe, prenderà la sua forma di uccello di fuoco dopo aver incontrato il mago terrestre Feron.

Galactus

Galactus è un personaggio creato da Stan Lee e Jack Kirby nel 1966, pubblicato dalla Marvel Comics. È noto come il Divoratore di Mondi o anche il Distruttore. La sua prima apparizione è nella storia L’arrivo di Galactus (The coming of Galactus!) nel n. 48 di Fantastic Four (Vol. 1) del marzo 1966, dove compare dopo l’arrivo di Silver Surfer. Recentemente si è classificato quinto nella classifica dell’IGN dei più grandi villain nella storia dei fumetti. Ciò che rende la sua presenza un pericolo è il fatto che per nutrirsi deve mangiare continuamente mondi ricchi di vita.

Nonostante questo, Galactus non è un supercattivo. Non prova nessun piacere o rimorso nel nutrirsi di pianeti, semplicemente è il suo ruolo nell’ecosistema cosmico.

Utilizzando la sua astronave, assorbe tutta l’energia vitale presente sulla superficie di essi, per poi convertirla in un determinato tipo che lui può assorbire. Tra i pianeti distrutti vi è anche quello degli Skrull, che in seguito all’evento si diedero alla guerra e alla conquista di nuovi mondi, specialmente la Terra.

Ultimo sopravvissuto dell’universo precedente al nostro, Galactus è il detentore per eccellenza del Potere Cosmico, di cui dispone in quantità quasi infinite. Ciò lo rende approssimativamente onnipotente ed è praticamente invulnerabile. Può creare, distruggere e manipolare qualsiasi corpo celeste, creare materia ed energia dal nulla e manipolarla a piacimento, conferire poteri quasi divini a qualsiasi organismo, come fa coi suoi araldi.

Eon ed Epoch

Eon è stato creato da Jim Starlin e pubblicato dalla Marvel Comics. È un’entità cosmica, apparsa per la prima volta in Capitan Marvel n. 29, in lingua italiana in Play Book numero 11: La Vita di Capitan Marvel. La Storia di Eon incomincia nell’infanzia dell’universo, per la precisione otto miliardi di anni fa. Egli è il frutto dell’unione dell’eternità, del tempo e dell’asse celeste. La sua funzione è quella di proteggere la vita dell’universo e di promuovere quella senziente. Nel corso della sua lunghissima vita si è servito di campioni scelti fra le civiltà dell’universo. Il prescelto avrebbe posseduto le Bande Quantiche da lui forgiate, potenti manipolatori di energia. Il primo di questi protettori fu Glakandar vissuto cinque miliardi di anni fa, diventato grazie ad essere un protettore dell’universo. Tra questi ricordiamo anche Capitan Mar-Vell. Altri due successivi Campioni furono Tanta il Trill e Ree degli Archeopiani. Dopo la sua morte, Eon darà origine alla figlia Epoch, dotata degli stessi poteri.

I Vishanti (Oshtur, Agamotto e Hoggoth)

Non proprio entità cosmiche, ma mistiche, Il Vishanti è una trimurti di maghi e antichi dei. Dotati di onnipotenza, sono conosciuti e temuti in tutti gli universi e dimensioni conosciute. Concedono conoscenza mistica e potere a maghi che invocano i loro nomi durante gli incantesimi Il loro campione è lo Stregone Supremo, che risponde al nome di Stephen Strange.

Agamotto ha abilità magiche estremamente potenti, e si sospetta che sia più potente di Oshtur e Hoggoth anche quando le loro forze sono combinate insieme. Inoltre i sensi e la mente di Agamotto sono molto più complessi di quelli di un semplice essere umano, tali da permettergli di osservare e comprendere diversi eventi che si svolgono contemporaneamente.

Poco si sa di Agamotto e dei suoi compagni Vishanti, sicuramente esisteva ancora prima che la terra fosse creata e che nella sua dimensione ha potere a sufficienza da poter tener testa a Galactus in persona. Per alcuni Agamotto fu il primo Mago Supremo della terra, questo potrebbe significare che Agamotto difese il pianeta dalle forze mistiche ancora prima della comparsa del primo e vero Mago Supremo. Agamotto scelse di donare molti artefatti di grande potere ai Maghi Supremi della terra, così da mantenere un forte legame con quella realtà. Tra questi oggetti ci sono almeno due versioni dell’Occhio di Agamotto, la Sfera di Agamotto e il Libro dei Vishanti.

Agamotto stesso si è soprannominato “colui che vede tutto” e ha apparentemente speso la sua esistenza osservando gli eventi del Multiverso dalla dimensione dove risiede. Anche se potrebbe dimostrare dell’apatia nei confronti di uno o più universi se questi dovessero essere distrutti, questo comportamento potrebbe essere in realtà una finzione per motivare o insegnare qualcosa di nuovo ai Maghi Supremi, anche se gli altri Vishanti non sarebbero d’accordo. Infatti i Vishanti si sentono responsabili della sicurezza di ogni universo.

Agamotto non ha una propria forma corporea, e può prendere qualsiasi forma. Spesso apparendo sulla terra assume la forma di una testa di felino, spesso quella di un leone o di una tigre. Quando il Dottor Strange ha visitato la dimensione di Agamotto, questi gli è apparso come un gigantesco bruco. Agamotto spiegò a Strange che ha utilizzato quest’immagine perché estrapolata dall’immagine del cervello del mago che aveva letto Alice nel paese delle meraviglie. Quando appare sotto questa forma Agamotto è spesso informale e loquace, mentre quando è assieme agli altri Vishanti ha un atteggiamento molto serio.

Agamotto creato da Stan Lee (testi) e Steve Ditko (disegni) è stato pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione è in Strange Tales (Vol. 1) n. 115 (dicembre 1963).

Kronos

Kronos o Chronos, è un personaggio immaginario creato da Mike Friedrich (testi) e Jim Starlin (testi e disegni). Esordì nelle serie a fumetti The invicible Iron Man (vol. 1) n. 55 (febbraio 1973).

L’entità Kronos appare per la prima volta quando, utilizzando l’anima di Arthur Douglas, un terrestre ucciso da Thanos, crea Drax il Distruttore, un essere destinato a uccidere lo stesso Thanos. Successivamente, in un flashback, venne rivelato che in origine, molti millenni fa, il personaggio apparteneva alla razza degli Eterni e guidò una ribellione contro il regime tirannico di Uranos. Divenuto re, Kronos ebbe due figli Zuras (poi leader degli Eterni) e A’lars (che lasciò la Terra, e raggiunse Titano dove divenne noto come Mentore). In seguito, durante un esperimento con l’energia cosmica, finì accidentalmente nebulizzato. Tuttavia la sua forza vitale era così grande che il personaggio sopravvisse, continuando a esistere in forma astrale con poteri amplificati e abilità cosmiche. Per essere percepito da esseri inferiori, è solito manifestarsi come una enorme figura umanoide semi trasparente e a volte interferisce negli affari del cosmo (come detto per Drax e Thanos).

Lord Caos e Mastro Ordine

Le entità note come Lord Caos e Mastro Ordine hanno creato l’In-Betweener e possiedono poteri quasi illimitati, la cui piena estensione è incomprensibile ai mortali. Non possiedono forma fisica, e di solito agiscono dietro le quinte manipolando gli eventi a loro favore. La loro energia aumenta a diminuisce secondo le proporzioni di caos o ordine nel cosmo. Hanno dimostrato di possedere una consapevolezza di livello cosmico e l’abilità di comunicare telepaticamente a galassie di distanza. Lord Caos e Mastro Ordine possono influenzare la vita di qualunque essere vivente a loro piacimento. Pochi esseri sono al di fuori di questo controllo, tra cui Adam Warlock e Thanos.

I Celestiali

Celestiali (Celestials) sono un gruppo creato da Jack Kirby (testi e disegni) nel 1976, pubblicati dalla Marvel Comics. La loro prima apparizione è in Eternals (Vol. 1) n. 2.

I Celestiali, noti anche come “Dei Spaziali”, sono tra gli esseri più potenti e antichi dell’universo Marvel. Finora hanno mostrato di essere in grado di sigillare intere dimensioni, creare esseri incredibilmente potenti, disintegrare il manufatto asgardiano noto come Distruttore, spostare pianeti a intere galassie di distanza, ecc.

I Celestiali sono un enigma. Il loro aspetto è quello di umanoidi alti più di 600 metri, ricoperti da un’armatura, dietro la quale nessuno sa cosa si nasconda. L’Eterno Ikaris ritiene che siano esseri di pura energia e che l’armatura permetta loro di interagire con il mondo fisico.

Possono modificare a piacimento le loro dimensioni e hanno inoltre una forza fisica quasi infinita e sono quasi invulnerabili: nel caso vengano danneggiati possono rigenerarsi quasi istantaneamente (ergo trascendono la mortalità). I celestiali hanno anche il compito di giudicare se una civiltà è degna o meno di vivere nel cosmo. In caso non lo sia, gli dei spaziali semplicemente obliterano ogni traccia della civiltà in questione. Ogni Celestiale ha un preciso compito e solitamente si muovono in schiere.

I Celestiali hanno visitato la Terra in pochissime occasioni. Le loro visite avvengono per schiere denominate coorti. Si dà per certo che più di un milione di anni fa raggiunsero il nostro pianeta e crearono due sottospecie umane, i Devianti e gli Eterni. Hanno condotto simili esperimenti anche su altre razze, ad esempio sugli Skrull.

I Celestiali sono anche il motivo della presenza di alcuni fra gli individui con superpoteri di Terra-616; durante la loro venuta sulla Terra all’alba dell’uomo, per esempio, hanno introdotto nel genoma umano il fattore X che ha portato allo svilupparsi della specie Homo superiorDispongono di tecnologia e conoscenze fra le più avanzate nell’universo.

Leader dei Celestiali

Colui che è sopra tutti è il Leader dei Celestiali. I suoi poteri sono onnipotenti dal punto di vista umano ed includono il controllo a livello cosmico sulla materia e su tutte le forme di energia. Può comunicare telepaticamente a distanze astronomiche e persino diventare invisibile a tutto il pianeta. La sua forza, resistenza ed invulnerabilità sono a livelli planetari. Possiede conoscenze straordinariamente avanzate in genetica e matematica. Aiuterà l’umanità in molte occasioni, tanto da essere scambiato da molti per il Dio dei principali monoteismi.

Oblio

Oblio è il fratello di Eternità, Morte e Infinità di cui è l’opposto. Il suo avatar è Maelstrom e, mentre Eternità e Infinità formano due facce di una medaglia, lui e Morte formano la faccia di un’altra medaglia: Morte è l’opposto di Eternità; Oblio è il contrario di Infinità.

Alla sua prima apparizione in Iceman vol.1 n.1-4 (edizione italiana: inedito), Oblio è impegnato nella ricerca della figlia, Mirage, che ha assunto forma umana e si è rifugiata sulla Terra, dove ha convinto Bobby Drake, il mutante noto come Uomo Ghiaccio, ad aiutarla contro il padre. Per mezzo dei suoi tre tirapiedi alieni il preoccupato genitore attacca la figlia, ma alla fine Bobby convince i due a risolvere le loro divergenze in modo pacifico.

Oblio è l’incarnazione della non-esistenza. Come tale, i suoi poteri sono ad un livello incommensurabile, al pari di altre entità astratte come Eternità, Morte ed Infinità. Non utilizza tali poteri direttamente ma preferisce operare tramite agenti. Oblio usa delle manifestazioni sia di sua creazione che della Dimensione delle Manifestazioni, ed è presumibilmente in grado di assumere qualsiasi forma desideri. Oblio possiede il potere su chiunque sia fra la vita e la morte, e chiunque sia stato cancellato dall’universo. Dona il suo potere a diverse creature, che fungono da suoi Angeli della morte.

La Morte

Morte (Death), detta anche Lady Morte (Mistress Death), personaggio creato da Carl Burgos (testi e disegni), pubblicato dalla Timely Comics, la casa editrice che poi divenne la Marvel Comics. La sua prima apparizione nell’epoca Golden Age avviene in The Human Torch n. 5 (erroneamente numerato 4). Invece la sua prima apparizione nella Bronze Age avviene in Captain Marvel (Vol. 1) n. 26 (maggio 1973), realizzato da Mike Friedrich (testi) e Jim Starlin (testi e disegni).

Morte è un’entità astratta, l’incarnazione della fine della vita nell’Universo Marvel, ed è la controparte negativa di Eternità, l’incarnazione di ogni forma di vita nell’Universo. Così come Infinità ed Eternità sono due facce della stessa entità astratta, così lo sono Morte ed Oblio.

Spesso Morte appare come compagna di Thanos, il quale ha cercato più volte di conquistare l’Universo e distruggere ogni forma di vita per dimostrarle il suo amore. Tuttavia Lady Morte lo respinge sempre, considerandolo inferiore.

Morte è una entità apparentemente onnipotente e onnisciente, dotata di poteri di gran lunga superiori a qualunque altro personaggio presente nell’Universo: le sue capacità rivaleggiano solo con Infinità, Eternità ed Oblio. Tuttavia fa eccezione anche Galactus, in quanto a causa della sua sconfinata potenza e della sua natura trascendentale, riesce quasi a tenerle testa. Così come le altre 3 entità, i suoi poteri sono inferiori unicamente a Fenice, al Tribunale Vivente ed al Supremo.

È in grado di usare capacità come telepatia, telecinesi, teletrasporto e combinarle insieme con risultati devastanti. Inoltre può essere sconfitta dal possessore delle sei Gemme dell’Infinito o dal possessore del Cuore dell’Universo, essendo artefatti che derivano direttamente dall’insuperabile potere del Supremo. La forma che possiamo percepire di Morte è solo una rappresentazione usata per comunicare, e ne possiede tutti i poteri. Teoricamente sarebbe possibile distruggere la sua rappresentazione, ma ciò non ferirebbe l’essenza della vera Morte.

Eternità/Infinito (Eternity ed Infinity)

Infinità (Infinity) è un personaggio creato da Mark Gruenwald (testi) e Greg Capullo (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione è in Quasar n. 24 nel luglio del 1991. Fece anche il primo cameo in The Mighty Thor (Vol. 1) n. 184 (gennaio 1971), creato da Stan Lee (testi) e John Buscema (disegni).

Infinità esiste da quando è nato l’universo Marvel, assieme ad altre entità cosmiche come Galactus, Eternità e Morte. Assunse il suo ruolo durante l’infanzia dell’universo, anche se la sua esistenza venne rivelata solo quando Odino inavvertitamente intercettò le sue energie, creando una manifestazione astronomica che estinse le stelle della dimensione di Asgard. In seguito Odino e suo figlio Thor ripristinarono la normalità.

Lei è la personificazione dello Spazio e causa l’espansione dell’Universo, controparte positiva di Oblio, che è la personificazione della Non-Esistenza che si oppone all’espansione dell’Universo. Durante la Guerra dell’infinito, lei ed Eternità si rivelarono come due facce della stessa entità, essendo i due la rappresentazione dello Spazio e del Tempo.

Eternità (Eternity) è stato creato da Stan Lee e Steve Ditko, pubblicato dalla Marvel Comics. È apparso la prima volta in Strange Tales (prima serie) n. 138 (novembre 1965).

Eternità rappresenta anche tutte le forme di vita dell’Universo, ed è quindi la controparte positiva di Morte, che rappresenta invece la fine di ogni vita. Il primo essere umano a venire a conoscenza della sua esistenza fu il Mago Supremo della Terra, il Dottor Strange. Eternità una volta si manifestò durante un processo a Reed Richards per spiegare agli alieni perché Galactus era fondamentale per l’equilibrio dell’universo.

Recentemente, Eternità è stato contattato dal Dottor Strange per custodire il cosiddetto Franklin-verso. Aiutò il Dottor Strange quando Dormammu per poco non distrusse l’universo. Compare anche alla fine del crossover Civil War II, offrendo all’Inumano Ulysses Cain un posto nel pantheon delle entità cosmiche.

Creati all’inizio del cosmo, assieme ad Oblio e Morte, sono quindi le loro controparti positive. Eternità (maschio) è l’incarnazione di ogni forma di vita nell’universo Egli è tutto e tutti. Infinito (femmina) rappresenta invece la totalità dello spazio. Sebbene Infinito ogni tanto si muova attivamente per aiutare chi abita al suo interno, Eternità ha di solito un ruolo più passivo. Come per Morte, possono essere sconfitti dal possessore delle sei Gemme dell’Infinito o dal possessore del Cuore dell’Universo.

Il Tribunale Vivente

Tribunale Vivente (Living Tribunal) dai testi di Stan Lee e i disegni di Marie Severin e Herb Trimpe (chine) pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione è in Strange Tales (prima serie) n. 157 (giugno 1967).

Tribunale Vivente è un’entità virtualmente onnipotente incaricata dal Supremo di controllare e mantenere l’equilibro tra le diverse realtà che costituiscono il multiverso Marvel, dall’universo principale (Terra 616) a tutte le altre realtà alternative. Tribunale Vivente appare solo quando strettamente necessario, ad esempio quando deve giudicare la Terra per qualche motivo, deve controllare le azioni di altre entità cosmiche o deve agire come arbitro su questioni che riguardano un intero universo.

Quando Thanos riunì le Gemme dell’Infinito, minacciando l’esistenza, Eternità chiese al Tribunale Vivente di esercitare il suo potere per fermarlo, ma il Tribunale sapeva che Thanos si sarebbe sconfitto da solo e non intervenne. Dopo la sconfitta di Thanos, Adam Warlock ottenne il Guanto dell’Infinito. Il Tribunale sentenziò che le gemme dovessero essere custodite da sei persone diverse e che non potessero più essere usate insieme. Quando Eternità chiese di annullare la sentenza per fermare il Magus, che aveva rubato le gemme a sua insaputa, il Tribunale accettò. Dopo la definitiva sconfitta del Magus il verdetto fu nuovamente cambiato, forse per l’ultima volta. Quando la Terra dell’universo noto come New Universe fu trasportata nel nostro, il Tribunale Vivente sentenziò che il pianeta non fosse più spostato, ma eresse anche una barriera intorno ad esso per impedire interferenze.

Iron Man e l’Osservatore successivamente trovano quello che sembra essere il cadavere avvizzito del Tribunale Vivente sulla luna, senza alcun segno di chi abbia ucciso l’entità. Successivamente si scoprì che fu ucciso da una banda di Arcani. In seguito, il Supremo designerà l’Adam Warlock di un universo alternativo come nuovo Tribunale Vivente.

Il Tribunale Vivente è un essere onnipotente, onnipresente e onnisciente e il suo potere è addirittura superiore a quello del Guanto dell’Infinito. L’unico che è stato in grado di sconfiggerlo è stato Thanos e per farlo ha utilizzato l’oggetto chiamato “Cuore dell’Universo”, un oggetto che, come abbiamo detto pocanzi, proviene direttamente dal potere del Supremo. Si presenta nella forma di un Umanoide giallo con tre facce (la quarta, vuota, si dice che possa essere lo Straniero), ed è il giudice di tutti gli universi. Tutti gli aspetti del Tribunale devono essere d’accordo per emettere una sentenza. Possiede autorità anche sopra i fratelli dell’inizio del tempo, che spesso devono rivolgersi a lui per redimersi.

Colui che è sopra tutti (Supremo)

Il Supremo (One-Above-All), creato da Steve Ditko (disegni) e Stan Lee (testi), pubblicato dalla Marvel Comics, è apparso per la prima volta in Amazing Fantasy n. 15 (agosto 1962). Nella prima apparizione, porta in paradiso attraverso un filo di luce un campanaro di nome Pedro, morto nell’eruzione di un vulcano. Il Supremo può essere inteso come una rappresentazione di Dio.

Questa entità, completamente onnipotente, onnisciente, onnipresente e onniversale, governa su un regno popolato da angeli chiamato “Paradiso”, nel quale dimorano le anime di tutte le persone buone, che lo raggiungono dopo la morte. Ha vari camei sulle testate mistiche della Marvel e poi nel 2001 appare in una storia dei Fantastici Quattro, nella quale il super-gruppo va in Paradiso e conosce il Supremo. Questo afferma di comunicare direttamente con un associato, sebbene non si sappia a che punto della gerarchia delle entità si trovi. Qui è raffigurato in modo molto somigliante a Jack Kirby, uno dei creatori dei fumetti Marvel.

Appare ancora in Sensational Spider-Man n. 40 (II serie, ottobre 2007), quando con sembianze umane appare a Peter Parker, in quel periodo rattristato dallo stato di salute di zia May, che è in fin di vita dopo essere stata colpita al posto di Peter da un killer assoldato dal Kingpin. Il Supremo parla a Peter di tutte le cose buone che ha fatto nella sua vita da Uomo Ragno, spronandolo a resistere al dolore e non arrendersi. Durante Thanos: The Infinity Finale, il Supremo appare sia in parte maschile sia in parte femminile a Thanos e ad Adam Warlock; egli accetta di ricostruire il multiverso alla sola condizione che Warlock diventi il nuovo Tribunale Vivente.

Essendo il creatore della vita e dell’esistenza stessa, il Supremo è il più potente personaggio di tutto l’Universo Marvel e l’unico ad essere onnipotente. Anche le Entità Cosmiche, come Eternità ed Infinità, gli sono inferiori. Il Tribunale Vivente sembra essere il diretto sottoposto, con il compito di mantenere l’equilibrio di tutto ciò che esiste. Il Supremo è onnipotente, onnisciente, onnipresente, universale, onniveggente e onnicomprensivo. È al di sopra di tutto e tutti e nessuno può opporsi alla sua volontà. Perfino l’esistenza è insignificante per lui. Il potere del Cuore dell’Universo è infinitamente inferiore a quello del Supremo. Il suo potere è infinitamente superiore a tutto quello contenuto nell’intero Omniverso. È apparso pochissime volte agli eroi Marvel.

Bene bene bene! Quanti di queste entità conoscevate? Quale vorreste vedere nel futuro del MCU? Ditecelo nei commenti!