Le sorelle Wachowski torneranno alla regia del nuovo film di Matrix?

Come sapete, il mese scorso Chad Stahelski ha detto a Yahoo Movies che le Wachowski torneranno con qualche nuovo approccio al nuovo film della saga di Matrix.  Disse nella sua dichiarazione: “Sono super felice che le Wachowski non stiano solo facendo un nuovo Matrix, ma stiano ampliando ciò che tutti noi abbiamo amato. E se è vicino al livello di quello che hanno già fatto, non ci vorrebbe più di una chiamata per che accetti di essere di nuovo uno stunt man nel film“.

Tuttavia, da allora, Slashfilm ha riferito che il commento era impreciso ed è stato preso fuori dal contesto, ma nonostante ciò abbiamo sentito, grazie a DiscussingFilm, che un nuovo film di Matrix è effettivamente una realtà che sta nascendo in seno alla Warner Bros proprio con con le Wachowski.

Come riportato in precedenza da THR, Zak Penn scriverà la sceneggiatura e Michael B Jordan sarà il protagonista. Abbiamo appreso che le Wachowski torneranno a dirigere il film e inizieranno la produzione nei primi mesi del 2020 a Chicago. Il tutto pare esser stto segretamente progettato con il working title di “Project Ice Cream”. I dettagli della trama sono attualmente in fase di completamento, ma il progetto sta già cominciando a metter assieme la sua crew con Hugh Bateup, che è stato un art director nel 1999 con il primo film della saga, e che dovrebbe tornare al franchise come scenografo.

La Outlier Society Productions di Michael B. Jordan e Warner Bros pare che co-produrranno il film, anche se non è attualmente noto se il progetto sarà un reboot o sarà un sequel della precedente trilogia. I rumor sembrano indicare quest’ultima opzione come quella reale, anche se, stando a We Got This Covered, in realtà potrebbe essere un prequel in cui la giovane star di Creed interpreterà il giovane Morpheus.

Infine parrebbe che il film non solo verrà girato a Chicago sotto il nome di “Project Ice Cream”, ma che con Lana Wachowski è destinata a diventare uno dei registi. Il fatto che non vengano citate assieme le sorelle ci fa presupporre che il progetto sia stato ideato unicamente da Lana, ma non ci è dato saperlo con certezza.