Leigh Whannell sigla un accordo first-look con Blumhouse dopo il successo di The Invisible Man

Fresco del fine settimana d’apertura di successo di The Invisible Man, il regista Leigh Whannell ha firmato un accordo di anteprima con la Blumhouse Productions di Jason Blum per film e televisione, secondo Variety.

Leggi anche: Leigh Whannell e Donna Langley chiariscono la questione del Dark Universe

“Dieci anni fa, sono entrato nell’ufficio di Jason Blum pensando di avere un incontro generale con un produttore che amava i film dell’orrore – non sapevo che stava per iniziare una collaborazione e un’amicizia lunga un decennio”, ha affermato Whannell. “Da allora ho visto la sua compagnia, la Blumhouse, diventare una fabbrica di film di genere, un luogo educativo che è disposto a correre rischi per i creativi. In effetti, hanno corso molti rischi con me e non vedo l’ora di prenderne in carico altri mentre continuano a crescere nel mondo del cinema e della televisione.”

L’accordo di due anni in first-look riguarderà i progetti che Whannell propone di scrivere direttamente o produrre. Whannell e Blumhouse hanno collaborato a sette progetti negli ultimi 10 anni, tra cui il franchise di Insidious e Upgrade.

“Leigh crea film che non solo lanciano franchise, ma cambiano radicalmente il panorama del loro genere”, ha detto Blum. “Dopo che lui e James Wan hanno realizzato Saw, hanno lanciato decine di imitatori. Il loro lavoro su Insidious ha lanciato non solo un franchise, ma decine di film horror soprannaturali classici PG-13. Non ho dubbi che sarà vero anche per The Invisible Man e per qualsiasi altra cosa voglia creare. Voglio solo essere lì con lui quando lo farà.”

Dopo l’apertura davvero buona al botteghino questo fine settimana, The Invisible Man ha incassato circa 49 milioni di dollari finora (29 dimestici e 20 inernazionali) con un budget di 7 milioni.

Ciò che non riesci a vedere può farti del male. La vincitrice dell’Emmy Elisabeth Moss (Noi; The Handmaid’s Tale di Hulu) è la protagonista di una terrificante storia in chiave moderna sull’ossessione, ispirata ad uno dei mostri più popolari della Universal. Intrappolata in una relazione violenta e manipolatrice con un ricco e brillante scienziato, Cecilia Kass (Moss) scappa nel cuore della notte facendo perdere le sue tracce, con l’aiuto di sua sorella (Harriet Dyer, The InBetween della NBC), di un loro amico d’infanzia (Aldis Hodge, Straight Outta Compton) e dalla figlia adolescente di quest’ultimo (Storm Reid, Euphoria della HBO). Ma quando il violento ex di Cecilia (Oliver Jackson-Cohen, Hill House di Netflix) si suicida e le lascia in eredità una parte cospicua della sua vasta fortuna, Cecilia sospetta che la sua morte sia solo una messa in scena. Mentre una serie di inquietanti coincidenze diventano letali e minacciano la vita di coloro che ama, la sanità mentale di Cecilia inizia a vacillare, nel suo disperato tentativo di dimostrare di essere braccata da qualcuno che nessuno può vedere.

Jason Blum, il nostro attuale maestro dell’horror, produce L’Uomo Invisibile (The Invisible Man) con la sua Blumhouse Productions. L’Uomo Invisibile (The Invisible Man) è scritto, diretto e prodotto esecutivamente da Leigh Whannell, uno dei creatori originali del franchise Saw che ha recentemente diretto Upgrade e Insidious 3 – L’inizio.

Il film è prodotto anche da Kylie du Fresne (Upgrade; The Sapphires) per la Goalpost Pictures. I produttori esecutivi sono Whannell, Beatriz Sequeira, Charles Layton, Rosemary Blight, Ben Grant, Couper Samuelson e Jeanette Volturno. L’Uomo Invisibile (The Invisible Man) è una coproduzione Goalpost Pictures Australia e Blumhouse Productions, in associazione con Nervous Tick, per Universal Pictures.

L’uomo Invisibile è scritto e diretto da Leigh Whannell e vede nel cast Elisabeth Moss, Aldis Hodge, Storm Reid, Harriet Dyer e Oliver Jackson-Cohen.

La pellicola uscirà il 5 marzo 2020.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: