Lo sceneggiatore Stuart Beattie parla della trilogia ideata per lo spin-off su Obi-Wan Kenobi

Se “Solo : A Star Wars Story” non avesse deluso le aspettative al botteghino nel 2018, allora “Obi-Wan Kenobi” avrebbe potuto essere una trilogia di film a tutti gli effetti invece di una serie limitata Disney+ di sei episodi.

Lo sceneggiatore Stuart Beattie ha “un certo coinvolgimento nella storia della serie” e/o ha scritto soggetti per più momenti di Obi-Wan Kenobi, ma di recente ha detto a The Direct di non avere avuto coinvolgimento effettivo nella serie Disney+. Il merito di Beattie è stato trasferito dal suo lavoro nella stesura del primo film di una trilogia su Obi-Wan.

“Ho scritto il film su cui hanno basato lo spettacolo”, ha detto Beattie. “Ho passato tipo un anno, un anno e mezzo a lavorarci. E poi, quando è stata presa la decisione di non fare più il film spin-off dopo l’uscita di Solo, ho lasciato il progetto e sono passato ad altre cose. Joby [Harold] è venuto e ha preso i miei script e li ha trasformati da due ore a sei. Quindi, non ho lavorato affatto con loro, ho solo avuto il merito di aver scritto la sceneggiatura del film che poi è stata trasformata in una serie.”

Beattie ha detto che il suo trattamento originale per Obi-Wan coinvolgeva “tre storie, perché ci sono tre diverse evoluzioni che il personaggio deve fare per passare da Obi-Wan a Ben. Il primo è stato il primo film, ovvero lo spettacolo, che era “Arrenditi alla volontà della Forza”. Trasporta la tua volontà, consegna la tua volontà. Lascia stare il bambino”.

“Il secondo [film] avrebbe caratterizzato il dove sarebbe finito Kenobi”, ha continuato Beattie. “E uno dei momenti più belli e probabilmente più potenti di tutta la storia di Obi-Wan è il momento in cui si sacrifica in Una nuova speranza. Grande momento, sai, ti fa piangere. Ma, se ti fermi e ci pensi, è una cosa piuttosto improvvisa, andare a combattere per un ragazzo che conosce appena. Sai, questo per me richiedeva previdenza. Ciò richiedeva la pre-accettazione che ciò sarebbe accaduto.”

Il secondo film di Beattie avrebbe seguito quindi il personaggio mentre fa i conti con la propria mortalità, dando così più chiarezza al suo sacrificio in Una nuova speranza. Il film lo avrebbe portato al punto in cui Obi Wan ha accettato l’idea che morirà e che morirà volontariamente in un momento cruciale. Un secondo film su Obi-Wan non è mai stato sviluppato poiché Beattie stava ancora lavorando al primo film quando lo studio ha staccato la spina.

“È stato Solo che ha cambiato la direzione del sistema”, ha detto Beattie. “Mi piace Solo personalmente, ma non ha fatto molti soldi… ci ha sicuramente schiacciato. Devastato, assolutamente devastato. Ma questo è il business, sai, alti e bassi. Sono contento che sia stato realizzato. Sono contento che lo spettacolo sia stato realizzato. Sono orgoglioso della mia storia che [è stata] raccontata. Sono contento che i miei personaggi abbiano preso vita. E sono contento di averne avuto il merito. Vorrei solo che fossimo stati in grado di fare i film.”

Beattie ha confermato che il piano del film originale prevedeva “una trilogia completa”, aggiungendo che Ewan McGregor era d’accordo con il piano. Lo sceneggiatore ha detto che se avrà la possibilità di “avere qualcosa a che fare con la seconda stagione di Obi-Wan”, allora riproporrà la sua idea per il secondo film e il tema della mortalità.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: