Lo scrittore di Watchmen spiega come ha ideato il colpo di scena su Hooded Justice

Uno degli scrittori di Watchmen ha spiegato il suo passo per il colpo di scena circa l’identità di Hooded Justice nella serie HBO.

Leggi anche: Damon Lindelof spiega la genesi della storia di Hooded Justice nella serie HBO

L’identità di uno dei personaggi più misteriosi della graphic novel non è qualcosa che la maggior parte dei fan pensava che sarebbe uscita dalla serie, ma Damon Lindelof e il suo team stavano cercando di spingere la cosa fin dall’inizio.

Cord Jefferson, l’autore di “This Extraordinary Being”, si è unito all’AV Club per parlare della decisione. Ha detto loro che doveva presentare l’origine di Hooded Justice e ha immediatamente creato qualcosa di inquietante dalla proposta di Lindelof che il vigilante fosse un uomo di colore. L’episodio risultante è una delle puntate più avvincenti e memorabili di Watchmen.

“Damon è arrivato nella stanza con l’idea che voleva che Hooded Justice fosse nero. Non sapeva chi sarebbe stato, o come avrebbe preso forma quella storia. Sapeva solo che voleva che Hooded Justice fosse un uomo di colore. Questo era il suo discorso”, ha spiegato. “Quindi siamo partiti da quella premessa e da lì abbiamo lavorato a ritroso. È un fan del dare compiti agli scrittori e un giorno ha detto: ‘Va bene, spiegami come Hooded Justice potrebbe avere un cappio al collo come parte del suo costume’.”

E così tutti sono tornati a casa e ci hanno pensato. Il giorno dopo il nostro Jefferson è arrivato con una presentazione.

“È interessante il modo in cui guardi i simboli, i segni e le cose in base al suo contesto. Penso che quando molti leggono l’originale Watchmen, vedono Hooded Justice con il cappuccio e il cappio al collo, e probabilmente hanno pensato che fosse un boia o qualcosa del genere. Ma nella mia mente, quando guardiamo Hooded Justice e partiamo dalla premessa che è un uomo di colore, penso che non ci sia modo di vedere questo personaggio come un uomo di colore con un cappio al collo e non pensare alla violenza razziale. E così sono andato da Lindelof il giorno successivo e gli ho detto che sarebbe stato un ufficiale di polizia che è stato linciato come punizione per aver tentato di arrestare una persona bianca di spicco nella comunità. È piaciuto a tutti e da lì siamo andati avanti.”

Leggi anche: Watchmen e come la serie HBO ha stupito il pubblico portandolo a conoscere il massacro di Tulsa

Watchmen è una serie televisiva statunitense del 2019 creata da Damon Lindelof, basata sull’omonima graphic novel di Alan Moore, scritta da Nick Curse, Lila Byock, Christal Henry, Cord Jefferson, Jeff Jensen, Claire Kiechel, Satcy Osei-Kuffour, Carly Wray e lo stesso Lindelof, diretta da Steph Green, Nicole Kassell, Andrij Parekh, David Semel, Frederick E.O. Toye e Stephen Williams, e con Lawrence Gordon, Karen Wacker e John Blair come produttori.

La fotografia è a cura di Chris Seager, Xavier Grobet, Gregory Middleton, Alex Disenhof e Andrij Parekh, mentre la colonna sonora è composta da Trent Reznor e Atticu Ross.

Nel cast Regina King (Angela Bar), Yahya Abdul-Mateen II (Cal Abar), Andrew Howard (Red Scare), Jean Smart (Laurie Blake), Don Johnson (Commissario Judd Crawford), Tim Blake Nelson (Detective Looking Glass) e Jeremy Irons (Adrian Veidt / Ozymandias).

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: