L’ombra dello Scorpione: ecco le prime immagini della serie di CBS All Access

L’ombra dello Scorpione di Stephen King torna in vita.

King non l’ha chiamato Il Virus, la malattia o la fine del mondo come la conosciamo o qualsiasi altra cosa nichilista. Voleva che il suo libro del 1978 su una pandemia globale che portasse quasi una frazione della vita umana a sparire, non fosse prevedibile nel titolo, ed infatti in inglese si chiama “The Stand”. Quando non ci sono regole, secondo il suo pensiero, i sopravvissuti devono fare una scelta: indugi verso oscuri istinti egoistici o fai ciò che è giusto per il bene degli altri? “Volevo scrivere di coraggio”, ha detto King. “Ad un certo punto, le persone devono prendere una posizione”.

Il romanzo rimane uno dei più grandi successi dell’autore e un nuovo adattamento in serie per CBS All Access arriverà entro la fine dell’anno, nell’ombra minacciosa di una vera pandemia globale (la data di lancio esatta deve ancora essere determinata.)

Gli showrunner Benjamin Cavell e Taylor Elmore, che per primi hanno lavorato insieme su Justified, hanno subito notato che King ha stratificato temi rassicuranti insieme a temi terrificanti.

“Si tratta delle domande fondamentali su ciò che la società deve all’individuo e su ciò che dobbiamo reciprocamente”, ha affermato Cavell. “Negli ultimi tempi, per molti anni, abbiamo dato per scontato la struttura della democrazia. Ora, gran parte di questo viene strappato dai propri perni. È interessante vedere una storia di persone che la stanno ricostruendo da zero.”

È difficile sapere come sarà il nostro mondo quando la serie inizierà con i suoi nove episodi, ma la crisi del coronavirus ha solo intensificato l’interesse per film come Contagion e Outbreak. Lo spettacolo ha dovuto terminare la produzione all’inizio di marzo quando il COVID-19 ha iniziato a diffondersi in Nord America, ma, per ora, CBS All Access prevede di procedere con l’uscita: “È stato molto surreale, ovviamente, iniziare a rendersi conto che c’era una pandemia dilagante come all’inizio del nostro spettacolo“, ha detto Cavell.

È importante notare che il virus nel racconto non è un virus organico che salta dall’uomo a un’altra specie, ma “un dispositivo creato dall’uomo, letteralmente un arma“, ha detto Elmore, osservando che un aspetto della storia di King era il modo in cui gli umani troppo spesso progettano la propria autodistruzione. E non ci sarà alcun riferimento al reale coronavirus. “Questa è una versione alternativa di come le cose sarebbero potute andare“.

La malattia nel racconto è anche catastroficamente peggiore di qualsiasi cosa abbiamo visto nella vita reale, arrivando ad uccidere il 99% della popolazione. King ha cercato di reprimere un po’ di paura twittando questo fatto nei primi giorni della pandemia, ma anche ora riconosce le inquietanti somiglianze che si sono manifestate nella vita reale.

“Quando senti notizie che 100.000 o 240.000 persone moriranno, devi prenderne atto e sarà un male. È brutto in questo momento”, ha detto King, che ha scritto un nuovo finale della storia che funge da episodio finale della mini-serie. “Ha fermato completamente l’economia. In molti modi, intendo, vedi le foto di Times Square o di Londra e dici: ‘È davvero come The Stand’. Ma le macchine non sono ammucchiate e nessuno si sta ancora sparando.”

Non molto tempo dopo quell’intervista, gli uomini iniziarono a presentarsi ai raduni anti-quarantena con fucili d’assalto. Quindi una guardia di sicurezza in un negozio Family Dollar è stata colpita alla testa, ha detto la polizia, dopo aver chiesto a un cliente di indossare una maschera di sicurezza.

Qui sotto potete vedere le immagini:

Nel cast della serie vediamo Whoopi Goldberg come Madre Abagail, che riceve delle visioni da Dio e guida i sopravvissuti; James Marsden come Stu Redman, un texano nonché il primo uomo a scoprire di essere immune al virus; Amber Heard è Nadine Cross, un’insegnante di scuola privata che crede di esser destinata a stare al fianco di Flagg; Odessa Young come Frannie Goldsmith, una sopravvissuta al virus;
Alexander Skarsgard come Randall Flagg, un uomo sinistro che non invecchia e con delle capacità sovrannaturali.

Heather Graham è Rita Blakemoore, una donna benestante impreparata di fronte alla fine del mondo; Jovan Adepo come Larry Underwood, un giovane musicista tossicodipendente;
Nat Wolff come Lloyd Henreid, un criminale che diventa un alleato leale di Randal Flagg; Owen Teague come Harold Lauder, un uomo che va alla ricerca di altri sopravvissuti con Frannie Goldsmith, geloso ma di buone intenzioni; Brad William Henke come Tom Cullen, che viaggia con Nick Andros (Henry Zaga) ed è un disabile; Daniel Sunjata come Cobb, un soldato; Eion Bailey come Teddy Weizak, Katherine McNamara come Julie Lawry, una ragazza cresciuta in una piccola città e dotata di un lato selvaggio.

Hamish Linklater come il dottor Ellis, un militare e specialista in malattie infettive; Greg Kinnear come Glen Bateman, un professore, da poco vedovo, abituato a stare solo.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: