Lucifer 5: gli showrunner parlano del “primo caso” del diavolo con le foto dall’episodio 4

Lauren German interpreta un uomo. Aimee Garcia ha i baffi. Nuovi dettagli sul passato di Maze. Queste sono solo alcune delle gemme che attendono i fan quando Lucifer tornerà e ci mostrerà un viaggio nel passato nella quinta (e non più finale) stagione.

Grazie a EW possiamo mostrarvi alcune nuove foto dal quarto episodio della quinta stagione di Lucifer, che a quanto pare sarà girato in stile noir. Intitolato “It Never Ends Well for the Chicken”, che tradotto letteralmente vorrebbe dire “Non finisce mai bene per il pollo”, l’omaggio noir racconta ciò che accadde quando Lucifera visitò Los Angeles negli anni ’40 e si tuffò nel passato di Maze.

“Ogni volta che giochi [con] i flashback, la domanda è sempre: ‘Qual è l’intervallo di tempo che può coprire una persona?’. La cosa bella del noir è che si tratta di storie poliziesche, ma Lucifer non è ancora un detective. Quindi quello che stiamo quasi vedendo, in una certa misura, è il primo caso di Lucifer”, ha detto il co-showrunner Joe Henderson. “C’è un caso, c’è un mistero da risolvere, ma sta semplicemente filtrando il linguaggio del nostro [spettacolo] attraverso il noir.”

Il co-showrunner Ildy Modrovich ha aggiunto poi, spiegando perché hanno scelto questa era:

“Tom Ellis è fatto per questo stile. È un po’ Cary Grant. Penso che ci sia sempre stato qualcosa nella sua interpretazione di Lucifer in stile vecchia scuola, che si rifà alla stravaganza e all’eleganza della vecchia Hollywood. C’è stato un momento nel nostro arco narrativo in cui Lucifer aveva bisogno di mostrarci un piccolo retroscena su un personaggio e dirci cosa gli è successo molto tempo fa, così abbiamo pensato: ‘Momento perfetto per lo stile Princess Bride’. Quindi, apriamo e chiediamo a Lucifer di raccontare questa storia a qualcuno. E se stiamo davvero facendo un omaggio a Princess Bride, quella persona dovrebbe essere Trixie [Scarlett Estevez].”

Cominciando a strutturare la stagione 5, gli sceneggiatori non avevano intenzione di raccontare questa storia, ma poi Netflix ha ampliato il numero degli episodi della stagione da 10 a 16, il che ha dato loro più spazio per giocare.

“Quando siamo passati dalle 10 alle 16. All’inizio pensavamo a come farlo, ma poi nel giro di tre giorni ci siamo resi conto non potevamo non raccontare la storia”, dice Henderson. “Questo è stato grande perché ci ha dato l’opportunità di esplorare Lucifer in una versione precedente di se stesso. Inoltre, il grande divertimento nell’adattare uno stile Princess Bride è che, mentre racconti la storia, fondamentalmente stastai ponendo in scena i personaggi che già conosciamo ed è davvero forte. Stai sostituendo un boiled detective con Chloe Decker, un altro personaggio con Dan Espinoza. Il divertimento è che Lucifer sceglie di essere chi e cosa dice da come li vede. È anche molto divertente vedere attori recitare ruoli selvaggiamente diversi.”

Nel caso in questione, Lauren German interpreta un uomo. Durante il periodo della storia, Trixie chiede a Lucifer perché il detective doveva essere un uomo e quindi mette sua madre nel ruolo.

“Il divertimento è che Lauren German interpreta un ragazzo che sembra Lauren German”, afferma Henderson. “È semplicemente fantastico da guardare perché è una linea così difficile da intraprendere e al contempo non scadere nella parodia, ma anche per capire la sua presunzione, e Lauren l’ha davvero inchiodato. È così bello e così ingannevolmente tosta, e penso che la gente sia l’amerà.”

Ella in baffi è fantastica“, aggiunge Modrovich. A quanto pare, tutti, in circa due giorni, hanno dovuto inventare un personaggio completamente nuovo, ed è stato molto divertente per gli showrunner. Per quanto riguarda il personaggio di Dan, è solo un po’ più antipatico. In ultimo a quanto pare il personaggio e l’interpretazione di Lesley-Ann Brandt ci spezzerà il cuore, soprattutto perché ha un paio di numeri musicali.

Qui sotto potete vedere le immagini dall’episodio:

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: