L’Uomo Invisibile: il regista riguardo all’idea per il film e come non è mai cambiata in corso d’opera

Previsto nelle sale alla fine del mese, L’Uomo Invisibile di Leigh Whannell è un film che funge da rivisitazione del film originale del 1933, però come parte dell’ispirazione libera del regista la pellicola sposta l’attenzione dal personaggio titolare alla sua ex-fidanzata, che è diventata il bersaglio del terrore.

Leggi anche: l’intrigante primo trailer e le prime immagini del film

Dato che il film originale era un amato ingresso nel franchise degli Universal Monsters, tentare di reinventare la proprietà avrebbe potuto essere un compito intimidatorio, ma Whannell ha fatto notare che, finché si fosse assicurato di mantenere il film spaventoso, sarebbe stato difficile per i fan discutere dei suoi sforzi.

“Non mi ha ostacolato. Il mio unico pensiero era: ‘Le persone non si arrabbieranno con me se saranno terrorizzate'”, ha detto Whannell a ComicBook. “Tutto quello che devi fare è spaventare le persone e ti perdoneranno rapidamente. Ma questo è un grande ostacolo da saltare, quindi non ero sicuro di poterle spaventare, ma sapevo che se l’avessi fatto, sarei stato bene. Spero di averlo fatto, altrimenti ne sentirò parlare sui social media.”

Il film originale del 1933 è il racconto di un uomo che sblocca i poteri dell’invisibilità, e anche se numerosi altri progetti hanno attinto a una simile vena di terrore, l’idea di Whannell è qualcosa che nessuno ha davvero esplorato. Il regista ha ammesso che, una volta che ha avuto la scintilla d’ispirazione per mettere insieme la premessa, il film non ha mai deviato da quella direzione mentre lo sviluppava.

“Ogni sceneggiatura è difficile ma l’idea reale, la direzione in cui volevo portarla, è nata molto presto”, ha rivelato Whannell. “Questa è stata un’idea che mi è stata suggerita, non era qualcosa già pronta per essere realizzata. Non ero tipo: ‘Sto smaniando per fare un film su l’uomo invisibile’. Qualcuno mi ha suggerito il titolo e fondamentalmente solo quel suggerimento ha scatenato dei pensieri su come avrei potuto fare il film. E quel pensiero iniziale circa la direzione in cui sarei andato è rimasto cementato in tutte le bozze e il film finito che vedrete riflette davvero quell’idea. E’ raro per un film avere un’idea che sopravvive a tutte le diverse fasi di produzione.”ù

Ciò che non riesci a vedere può farti del male. La vincitrice dell’Emmy Elisabeth Moss (Noi; The Handmaid’s Tale di Hulu) è la protagonista di una terrificante storia in chiave moderna sull’ossessione, ispirata ad uno dei mostri più popolari della Universal.

Intrappolata in una relazione violenta e manipolatrice con un ricco e brillante scienziato, Cecilia Kass (Moss) scappa nel cuore della notte facendo perdere le sue tracce, con l’aiuto di sua sorella (Harriet Dyer, The InBetween della NBC), di un loro amico d’infanzia (Aldis Hodge, Straight Outta Compton) e dalla figlia adolescente di quest’ultimo (Storm Reid, Euphoria della HBO).

Ma quando il violento ex di Cecilia (Oliver Jackson-Cohen, Hill House di Netflix) si suicida e le lascia in eredità una parte cospicua della sua vasta fortuna, Cecilia sospetta che la sua morte sia solo una messa in scena. Mentre una serie di inquietanti coincidenze diventano letali e minacciano la vita di coloro che ama, la sanità mentale di Cecilia inizia a vacillare, nel suo disperato tentativo di dimostrare di essere braccata da qualcuno che nessuno può vedere.

Jason Blum, il nostro attuale maestro dell’horror, produce L’Uomo Invisibile (The Invisible Man) con la sua Blumhouse Productions. L’Uomo Invisibile (The Invisible Man) è scritto, diretto e prodotto esecutivamente da Leigh Whannell, uno dei creatori originali del franchise Saw che ha recentemente diretto Upgrade e Insidious 3 – L’inizio.

Il film è prodotto anche da Kylie du Fresne (Upgrade; The Sapphires) per la Goalpost Pictures. I produttori esecutivi sono Whannell, Beatriz Sequeira, Charles Layton, Rosemary Blight, Ben Grant, Couper Samuelson e Jeanette Volturno. L’Uomo Invisibile (The Invisible Man) è una coproduzione Goalpost Pictures Australia e Blumhouse Productions, in associazione con Nervous Tick, per Universal Pictures.

L’uomo Invisibile è scritto e diretto da Leigh Whannell e vede nel cast Elisabeth Moss, Aldis Hodge, Storm Reid, Harriet Dyer e Oliver Jackson-Cohen.

La pellicola uscirà il 5 marzo 2020.

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: