Masters of the Universe: Revelation, Kevin Smith sulle differenze con She-Ra di Netflix

Quest’estate vedremo il ritorno di He-Man e della terra di Eternia con una nuova serie animata su Netflix, Masters of the Universe: Revelation, con il leggendario creatore Kevin Smith al timone.

Leggi anche: ecco le prime immagini dalla serie Masters of the Universe: Revelation

In una recente intervista, il creatore di Clerks e Mallrats si è immerso in come la sua serie sarà diversa da She-Ra e le principesse del potere, sempre di Netflix.

Con Prince Adam e She-Ra provenienti dallo stesso universo quando sono stati introdotti per la prima volta, il prossimo adattamento animato di Kevin Smith potrebbe non svolgersi nello stesso universo narrativo, ma i due franchise hanno ancora molto in comune.

Masters of the Universe: Revelation arriverà il 23 luglio, offrendoci una nuova visione del mondo di He-Man, degli eroi di Eternia e delle forze di Skeletor. Mettendo insieme un elenco di talenti vocali tra cui artisti del calibro di Mark Hamill, Sarah Michelle Gellar, Lena Headey, Phil LaMarr, Justin Long e Kevin Conroy per citarne alcuni, sembra decisamente che Smith e il suo gruppo stiano cercando di lasciare il segno sul franchise.

She-Ra e le principesse del potere ha debuttato su Netflix nel 2018 e hanno adottato un approccio radicalmente nuovo per l’eroina di Eternia, finendo nel 2020 con diverse stagioni alle spalle e un grande seguito di fan.

Kevin Smith, in una recente intervista con i09, si è inoltrato nei dettagli su ciò che lui e la sua troupe miravano a fare con la serie, e su come sia questa che She-Ra sono in grado di condividere lo stesso senso di creatività sfrenata.

“Il nostro manifesto doveva essere il fan-service. Non avevamo un tipo di creatività, chiamiamola così, non avevamo libertà di reinventare il franchise nel modo in cui ha fatto She-Ra – e lo ha fatto brillantemente. Il cartone animato di She-Ra [di Noelle Stevenson] è piaciuto a molte più persone di quante probabilmente avrebbe potuto fare se lo avessero mantenuto vicino alla sua incarnazione originale. Ma She-Ra, anche nella sua epoca, non era così conosciuta come He-Man, quindi c’era più spazio per la creatività lì. E infatti, questo è ciò che gli è stato permesso di fare.”

Diviso in due parti con i cinque episodi nella Parte 1 in arrivo su Netflix il 23 luglio, lo spettacolo presenta un cast di voci stellari.

Fanno parte del cast vocale il veterano di Star Wars, Mark Hamill, nei panni di Skeletor, Lena Headey di Game of Thrones nei panni di Evil-Lyn, Sarah Michelle Gellar di Buffy the Vampire Slayer nei panni di Teela, la star di Clueless Alicia Silverstone nei panni della regina Marlena, l’iconico doppiatore di Batman Kevin Conroy nei panni di Mer-Man, e la voce originale di Skeletor, Alan Oppenheimer, ora nel ruolo di Moss Man. Ultimo, ma non per ultimo, Chris Wood da Supergirl doppierà He-Man.

Poiché si tratta di una serie sequel, i miti principali rimangono intatti. Il principe Adam, il figlio della famiglia regnante del regno di Eternia, usa la Spada del Potere per trasformarsi in He-Man scolpito per difendere il suo regno dalle minacce – principalmente da Skeletor e le sue forze. Ma ora, come dice Smith, “le catene sono tolte” per costruire un background più ricco ed esplorare diversi aspetti di questi amati personaggi.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: