MCU: una teoria spiegherebbe il ritorno di Jane Foster grazie allo SWORD

Gli spettacoli Disney + della Marvel potrebbero spiegare il ritorno di Jane Foster in Thor: Love & Thunder. Vista per l’ultima volta in Thor: The Dark World (e in Avengers: Endgame grazie ad filmati riutilizzati), la Jane Foster di Natalie Portman tornerà in Thor 4 del 2021.

Ma il personaggio non è più relegato al mero interesse amoroso; questa volta maneggerà lalei stessa il Mjolnir, in un arco narrativo basato sulla run del potente Thor di Jason Aaron.

Ma, naturalmente, Jane Foster del MCU è molto diversa dal personaggio visto nei fumetti. Nel MCU, Jane Foster è uno degli scienziati più famosi al mondo, un astrofisico che ha una comprensione senza precedenti delle questioni cosmiche. Secondo Thor in Avengers: Age of Ultron, Jane ha continuato a ricevendo un premio Nobel, probabilmente per il suo lavoro sulla Convergenza. Ciò solleva l’interessante domanda su come Jane Foster possa tornare nel MCU.

Gli show Disney + della Marvel hanno lo scopo di introdurre una vasta gamma di nuovi personaggi e concetti nel MCU. Uno dei più interessanti è un’organizzazione chiamata SWORD, già confermata nella serie WandaVision. Il “Sentient World Observation and Response Department“, o SWORD, è un’organizzazione che rappresenta la Terra in materia di diplomazia cosmica e monitora potenziali minacce extraterrestri. Un agente dello SWORD confermato è Monica Rambeau, la ragazza introdotta in Captain Marvel, ora adulta e interpretata da Teyonah Parris. È del tutto possibile che Jane Foster sia coinvolta anche nello SWORD.

Il romanzo di Brandon T. Snider, The Cosmic Quest Volume II: Aftermath, è un romanzo del MCU ambientato poco dopo gli eventi di Avengers: Infinity War. Esplora le conseguenze dello schiocco e le morti inaspettate di metà di tutti gli esseri viventi nell’universo. Uno dei personaggi più importanti è Jane Foster, che viaggia per il mondo su richiesta dei vari leader mondiali, offrendo consigli su un progetto sconosciuto; che potrebbe essere presumibilmente proprio SWORD, dato che i governi del mondo sarebbero senza dubbio inorriditi nel comprendere la portata delle minacce extraterrestri dopo aver subito l’ira di Thanos.

L’esperienza e la conoscenza di Jane Foster sarebbero preziose nella creazione dello SWORD. È uno dei pochi preziosi esseri umani ad avere esperienza diretta degli affari alieni, e ha avuto più tempo per imparare i segreti dell’universo da Thor di persino Tony Stark da Nebula prima della sua morte in Avengers: Endgame.

Inoltre, Jane Foster ha evidentemente imparato a mettere in pratica tutto ciò, rilevando con successo i segni della Convergenza e svolgendo un ruolo chiave nella sconfitta degli Elfi Oscuri in Thor: The Dark World. Jane è letteralmente la cosa più vicina sulla Terra a un’autorità in materia di affari extraterrestri.

Se Jane fosse davvero coinvolta con lo SWORD, spiegherebbe chiaramente perché appare in Thor: Love & Thunder. I rifugiati asgardiani si sono stabiliti nella città di Tønsberg, in Norvegia, e senza dubbio lo SWORD vorrebbe un ambasciatore, un rappresentante che potesse avvicinarsi a loro e discutere le questioni con la loro nuova regina, Valchiria.

Jane Foster sarebbe la donna migliore per il lavoro, dato che in realtà ha vissuto Asgard e ha trascorso un po’ di tempo a vivere con Thor. Quindi l’introduzione dello SWORD potenzialmente dona senso al ritorno di Jane.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: