Mini-recensione: The Flash 2×17 “Flash Back”

The Flash 2×17

banner flash

Con questo sistema di non recensire tutte le puntate dei vari serial, ma solo quelle che lo meritano, riesco a immergermi meglio nella narrazione e nel pathos che il caro Berlanti, nel caso della puntata di The Flash di oggi, voleva proporre.
Ed ecco che dopo il deludente, dal canto mio, crossover con la serie CBS Supergirl, Flash torna con una puntata che mi ha certamente lasciato confuso su come abbiano collegato il tutto alla serie sulla figlia di Kripton, ma non si può dire che non mi sia piaciuta.
Prima di tutto ecco che questo fantastico stile sci-fi che si rinnova continuamente e non tenta mi di strafare, ritorna nella serie, come in effetti ormai sta avendo da tutta la seconda stagione. Naturalmente la puntata ha la sua piccola pecca di un effetto in CGI che ha lasciato un po’ a desiderare, ma sapere che quella scena in particolare è stata girata in motion capture invece che semplicemente con la grafica computerizzata, mi fa risollevare un attimo.
Il tempo di viaggiare nel tempo di nuovo è arrivato con questa puntata, che per la prima volta non ha nessuna sottotrama ma si concentra solo ed unicamente su quello che il nostro Barry vuole ottenere, il modo per raggiungere la velocità di Zoom, così da trovare conforto nell’essersi per la seconda volta fidato di qualcuno che, mascherato da finto aiutante, ha tramato dietro alle su spalle per ferirlo o ucciderlo. Lo spettro di Thawne/Wells torna e anche una sorta di dissennatore/spettro del tempo che insensatamente e senza bisogno di spigoni tenta di raggiungere il nostro velocista per ucciderlo.
Sono molte le scene di rara bellezza in questa puntata, come il confronto fra Barry e Thawne, il rivedere un’amico scomparso, il portare compimento del senso di abbandono che Iris percepisce, e perfino la modifica di una parte della linea temporale, ma per gioia del destino in qualcosa di buono.

Questa puntata è il motivo per cui Berlanti è uno dei migliori showrunner che ci siano nel palinsesto televisivo supereroistico o comunque di genere sci-fi o low-sci-fi, e anche il motivo per il quale tu che stai leggendo, se non l’avessi mai fatto, devi assolutamente recuperare la vera e autentica perla televisiva che è questa serie.