Moon Knight: Jeremy Slater guiderà la squadra di scrittori che si occuperà della serie

Come ricorderete, in agosto, durante la conferenza Disney+ al D23 Expo, sono stati annunciati diversi nuovi show che la Disney svilupperà per il proprio marchio Marvel, tutti ovviamente collegati all’universo cinematografico Marvel.

Una di queste serie annunciate è quella incentrata su Moon Knight. Secondo un rapporto di THR, Jeremy Slater, che ha co-creato The Umbrella Academy per Netflix, è stato scelto per guidare la squadra di scrittori che si occuperà di Moon Knight.

Per coloro che non hanno familiarità con il personaggio, Moon Knight è in realtà Marc Spector, un ex agente della CIA che è stato quasi ucciso da un terrorista di nome Bushman ma è stato salvato dal dio della luna Khonshu. Dopo aver sconfitto Bushman sarebbe diventato il cavaliere della luna e avrebbe indossato il costume tutto bianco che è diventato il suo marchio di fabbrica.

Moon Knight non ha mai avuto paura di piuttosto violento, in modo simile a Batman, quindi sarà interessante vedere dove andrà a parare in tal senso la serie Marvel.

Moon Knight, il cui vero nome è Marc Spector, è un personaggio dei fumetti, creato da Doug Moench (testi) e Don Perlin (disegni) pubblicato dalla Marvel Comics. Appare per la prima volta (in un racconto in due parti) sulle pagine di Werewolf by Night (prima serie) n. 32 (agosto 1975). Lotta contro gli infernali.

Il sito web IGN ha inserito il personaggio alla 89ª posizione nella classifica dei cento maggiori eroi della storia dei fumetti. In italiano è stato inizialmente presentato con il nome Lunar.

Marc Spector ha usato tre nomi falsi per non rivelare la propria vera identità: Jake Lockley, Steven Grant, Yitzak Topol.

Nato a Chicago, Illinois, Marc Spector diventa un mercenario, un marine e un pugile. Nella sua vita incontra il pilota francese Jean-Paul DuChamp, che diverrà presto suo amico. Marc inizia a lavorare per un mercenario di nome Raoul Bushman in Egitto, con un gruppo formato dal dottor Peter Alraune e da sua figlia Marlene. Durante la spedizione, nella quale viene ritrovata anche la statua del dio egiziano Khonshu, Bushman uccide il dr. Alraune. Anche Spector viene lasciato in fin di vita nel caldo deserto dell’Egitto.

Raccolto dagli egiziani e portato al cospetto della statua di Khonshu, Spector apparentemente muore. Khonshu gli appare in una “visione” e gli chiede di divenire un dio guerriero sulla terra. Una seconda chance che Spector accetta e, dopo aver sconfitto Bushman, decide di tornare in America insieme a Marlene Alraune, a “Frenchie” (il nomignolo che ha dato al suo amico Jean-Paul DuChamp) e alla statua di Khonshu. Decide di diventare un vigilante, creandosi un costume e delle armi, e acquisendo il nome di battaglia di “Moon Knight”.

Dopo esser tornato negli Stati Uniti, Spector decide d’investire il denaro accumulato quand’era un mercenario, facendo una fortuna. Nel corso del tempo Spector si crea numerose identità come quella del milionario Steven Grant e quella del tassista Jake Lockley.

In Werewolf by Night n. 32 viene supplicato dal Comitato di uccidere Jack Russell, ovvero Licantropus.