NASA nomina nuove costellazioni come l’incredibile Hulk ed il Mjolnir

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Gli scienziati della NASA hanno recentemente nominato una nuova costellazione “Godzilla”, ed ora stanno mostrando anche alla Marvel un certo amore, nominando un’altra costellazione scoperta con il nome di un famoso personaggio della casa delle idee, Hulk.

Il nome del gigante di giada non è solo un dolce riferimento geek – al contrario, è in realtà un nome molto accurato, date le circostanze che circondano la scoperta. Il centro della scoperta di queste nuove costellazioni non è l’ammasso stellare, ma piuttosto i raggi gamma che sono stati osservati dal telescopio Fermi. La prima trasformazione di Bruce Banner nella sua verde controparte è stata catalizzata dall’esplosione di una bomba a raggi gamma – il nome della costellazione quindi diventa un piccolo in-joke di cui la NASA è chiaramente orgogliosa.

“Tutti gli appassionati di fumetti conoscono il retroscena di Hulk”, ha detto la NASA in un counicato. “Il grande alter-ego verde e arrabbiato del Dr. Bruce Banner, i cui esperimenti con i raggi gamma sono andati terribilmente storti: i raggi gamma sono la forma più forte di luce. Nelle giuste circostanze porta una trasformazione che sia Banner che Hulk apprezzerebbero sicuramente.”

Accanto a “The Incredible Hulk” e “Godzilla”, molte delle nuove costellazioni individuate grazie al rilevamento di raggi gamma stanno ricevendo nomi provenienti dalla cultura geek, inclusi una in particolare che rimanda al martello di Thor, il “Mjolnir”, ed al franchise di Doctor Who, il “Tardis”. Se sei curioso circa spazio e astronomia, la NASA ha una collezione di 21 nuove costellazioni, insieme a immagini che dimostrano come si adattano ai personaggi per cui sono nominati. Dai un’occhiata QUI.

Se vuoi saperne di più sul lavoro della NASA con il telescopio Fermi, puoi leggere il resto del comunicato stampa qui sotto:

“Tutta la luce trasmette energia, la luce visibile fornisce energia sufficiente che i pannelli solari possono convertire in energia elettrica e le piante verdi la usano per produrre cibo. Una luce ultravioletta ad alta energia può darci abbronzature e scottature. Altre energie ancora più elevate, i raggi X possono penetrare materiali, permettendo ai medici di vedere le ossa rotte ed al personale di sicurezza dell’aeroporto per controllare il bagaglio.

I raggi gamma a energia più bassa visti dal Large Area Telescope (LAT), anche detto telescopio Fermi, trasportano oltre 6 milioni di volte l’energia della luce visibile più blu. All’estremità superiore, il LAT è progettato per rilevare raggi gamma con energie decine di milioni di volte superiori a questo.

Il LAT funziona sfruttando la capacità dei raggi gamma di trasformarsi in materia. Lo strumento contiene fogli densi di tungsteno. Quando un raggio gamma entra nella LAT, attraversa queste lamine finché non passa vicino a un atomo di tungsteno. L’interazione trasforma il raggio gamma in un elettrone e la sua controparte di antimateria, un positrone. Queste particelle continuano attraverso il LAT, che le segue per capire la direzione del raggio gamma originale.

Gli scienziati chiamano questa produzione di coppie di processi. Il processo inverso, chiamato annientamento della coppia, si verifica quando un elettrone collide con un positrone, risultando in un raggio gamma. In un insolito episodio del 2009, un temporale ha sparato un fascio di positroni (antimateria) nello spazio e le particelle hanno colpito il Fermi. Quando le particelle si sono scontrate con gli elettroni nel veicolo spaziale, si sono annientate in un lampo di raggi gamma. Per un momento, Fermi divenne una fonte di raggi gamma, ei suoi strumenti rilevarono il bagliore.”