National Treasure: il produttore della Disney rivela perché il terzo film non è ancora uscito

Sia Il Mistero dei Templari del 2004 che Il Mistero delle Pagine Perdute, chiamati in originale National Treasure e National Treasure: Book of Secrets, sono stati successi finanziari a livello globale, lasciando intendere che un terzo capitolo sarebbe arrivato facilmente, sebbene Jason Reed, che era un dirigente di produzione della Disney per quelli i primi due film, recentemente ha spiegato in dettaglio che pensa che la saga abbia smesso di essere una priorità per lo studio quando si è rivelato difficile fare franchising e commercializzarla come un marchio che rivaleggiava con le altre proprietà.

Mentre franchise come il Marvel Cinematic Universe o Star Wars offrono un’integrazione intrinseca tra una varietà di mezzi e piattaforme, la specificità di questi National Treasure come film in live-action si sono rivelati un ostacolo troppo scoraggiante, tanto da ostacolare lo sviluppo di un terzo film.

“Ho fatto del mio meglio per fare National Treasure 3. Adoro quei film. Ho lavorato su quelli fin dall’inizio”, ha condiviso Reed con Collider. “Quello che ho sentito praticamente lascia intendere che, anche se i film hanno avuto un enorme successo e hanno creato una certa fan-base dietro di loro, sono film ormai fuori tempo massimo, oltre al fatto che la società non è mai stata in grado di capitalizzarli come franchise. Era più un film con un sequel e National Treasure 3 sarebbe stato un altro sequel.”

Dato il numero di marchi di successo che si traducono più facilmente in integrazioni di marchi, è difficile negare che il ritorno su qualsiasi investimento non sarebbe stato così forte come lo studio avrebbe visto da un nuovo film Pixar o dei Pirati dei Caraibi.

“Non hanno mai trovato un modo per integrarlo nei parchi”, ha ammesso Redd. “Non ha mai preso piede, anche se c’erano molti prodotti di consumo, non ha mai preso piede come franchise indipendente. Ciò rende i numeri diversi. Rende più difficile fare in modo che un’azienda come la Disney concentri le risorse su qualcosa quando può realizzare Toy Story o acquistare una nave da crociera. E se la società stessa fosse stata davvero entusiasta di andare avanti e avesse pensato di poterlo far saltare in aria, avremmo trovato un modo per concludere l’accordo.”

È interessante notare che la Disney si trova in una situazione simile con il franchise di TRON, che ha avuto un relativo successo finanziario come anche una forte fan-base, ma rispetto ad altri successi comprovati, quel franchise è rimasto fermo per un decennio.

Fortunatamente, rapporti recenti affermano che la Disney sta andando avanti con un terzo film di TRON. Allo stesso modo, il produttore Jerry Bruckheimer ha condiviso all’inizio di quest’anno che un terzo film di National Treasure è, in effetti, in fase di sviluppo con il ritorno delle star originali.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: