Neil Patrick Harris rivela il suo pensiero sul far interpretare ruoli LGBTQA+ solo ad interpreti di quella comunità

Un attore gay famoso per aver interpretato a lungo un personaggio etero approva gli attori etero che interpretano gay. Gli attori eterosessuali che interpretano personaggi queer sono diventati un argomento controverso a Hollywood, con molti nella comunità LGBTQA+ che sostengono che dovrebbero essere interpretati invece da attori dello stesso orientamento.

Tuttavia, Neil Patrick Harris ha rivelato al Times (via The Sun) che pensa che i registi dovrebbero assumere il “miglior attore” indipendentemente dall’orientamento, sostenendo anche che è “sexy” quando gli attori etero interpretano gay.

“Penso che ci sia qualcosa di sexy nel scegliere un attore etero per interpretare un ruolo gay – se sono disposti a investire molto in esso”, ha detto Harris.

L’argomento è emerso mentre la star di “How I Met Your Mother” stava discutendo del suo imminente ruolo di Henry Coltrane nel dramma in cinque parti sulla crisi dell’AIDS di Russell T. Davies, “It’s a Sin”, che andrà in onda su Canale 4 in il Regno Unito. Davies ha recentemente espresso il suo sostegno per il casting appropriato nelle preferenze sessuali in un’intervista con Radio Times: “Non sceglieresti qualcuno normodotato e lo metteresti su una sedia a rotelle. Non faresti nero qualcuno”, ha spiegato lo sceneggiatore di Queer as Folk. “L’autenticità ci sta portando in luoghi gioiosi.”

Il regista ha anche detto all’Indipendent che sta “cercando di vendicare centinaia di anni di disuguaglianza. La serie ha anche scelto senza problemi persone gay in ruoli etero. Penso che vada bene, perché, credimi, dall’età di 8 anni stiamo studiando le persone eterosessuali e come adattarci a loro“.

Tuttavia, Harris, che ha interpretato in modo memorabile il personaggio eterosessuale Barney Stinson nella serie comica “How I Met Your Mother”, ha ritenuto che questa linea di pensiero impedisse paradossalmente agli attori LGBTQA+ di farsi valere come attori.

“Ho interpretato un personaggio per nove anni che non era per niente come me”, ha detto il vincitore Tony del suo periodo di cui sopra. “Vorrei sicuramente veder assumere il miglior attore. Nel mondo in cui viviamo non puoi davvero pretendere che un regista assuma un attore, sia gay o etero. Chi può determinare quanto è gay qualcuno?”

Harris si distingue in una Hollywood che supporta il fatto che i ruoli LGBTQA+ debbano andare ad attori LGBTQA+. Darren Criss, che ha interpretato il personaggio gay, Blaine Anderson, in Glee e ha sostituito Harris come personaggio principale transgender in “Hedwig and the Angry Inch” a Broadway, ha annunciato nel 2018 che aveva finito di assumere ruoli che potrebbero essere ricoperti da attori che spesso perdono l’occasione di rappresentazione sullo schermo.

Nel frattempo, uno studio del 2019 del GLAAD ha riferito che la rappresentanza LGBTQA+ aveva raggiunto il massimo storico in televisione. La percentuale di personaggi LGBTQA+ visti regolarmente in prima serata in TV in questa stagione ha raggiunto il 10,2%, o 90 su un totale di 879 personaggi, secondo lo studio. Questo ha superato il record del 2018 dell’8,8% e ha raggiunto l’obiettivo del 10% che GLAAD aveva fissato per le reti entro il 2020.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: