Netflix potrebbe introdurre l’abbonamento con pubblicità già da quest’anno

Secondo gli ultimi rapporti, Netflix potrebbe aggiungere un tip di abbonamento supportato dalla pubblicità prima della fine dell’anno.

Il New York Times ha scritto dello sforzo dello streamer. Il loro pezzo lascia intendere che i dirigenti hanno detto che il livello di abbonamento a un prezzo inferiore, che ricordiamo sarà uno a parte rispetto ai tre livelli già presenti, potrebbe arrivare negli ultimi tre mesi del 2022.

È molto prima di quanto la gente pensasse potesse arrivare. I mormorii di un piano di livello inferiore arricchito dalla pubblicità sono in circolazione da anni ormai. Ma il volume è diventato più alto all’inizio di quest’anno. Con la società che ha perso molti abbonati a causa di una serie di fattori, sembrerebbe che la dirigenza stia cercando di correggere il tiro il più velocemente possibile. Tuttavia, l’implementazione di un nuovo abbonamento completamente diverso è un duro lavoro e resta da vedere se riusciranno a rispettare i ritmi.

La nostra crescita dei ricavi è rallentata considerevolmente, come mostrano i nostri risultati e le previsioni“, hanno detto in precedenza i dirigenti di Netflix agli azionisti in un comunicato stampa. Nella lettera, questi decisori hanno poi dato la colpa alla condivisione delle password tra gli utenti.

“Lo streaming sta vincendo in modo lineare, come avevamo previsto, e i titoli Netflix sono molto popolari a livello globale. Tuttavia, la nostra percentuale di famiglie abbonate – se si include il gran numero di famiglie che condividono account – combinata alla concorrenza, sta creando venti contrari alla crescita dei ricavi”, hanno aggiunto. “La grande spinta del COVID allo streaming ha confuso i dati per diverso tempo. Mentre lavoriamo per riaccelerare la nostra crescita dei ricavi, attraverso miglioramenti al nostro servizio e una monetizzazione più efficace della condivisione multifamiliare, manterremo il nostro margine operativo a circa il 20%.”

Tutto ciò ha portato gli azionisti a fare causa a Netflix. Queste persone sostengono di essere state fuorviate sullo stato dell’azienda e sulle prospettive per il futuro.

Nel documento, gli azionisti affermano che Netflix “ha rilasciato dichiarazioni sostanzialmente false e/o fuorvianti, nonché non ha rivelato fatti negativi sostanziali sull’attività, le operazioni e le prospettive della Società“. Il documento stesso aggiunge che “le dichiarazioni positive (di Netflix) sull’attività, le operazioni e le prospettive della Società erano sostanzialmente false e/o fuorvianti e/o mancavano di una base ragionevole”, considerando come stessero “mostrando una crescita delle acquisizioni più lenta” e “sperimentando difficoltà nel fidelizzare i clienti”.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: