Netflix risponde alle critiche rivolte alla distribuzione di ‘The Irishman’

Netflix risponde alle critiche rivolte alla distribuzione di The Irishman, l’ultimo capolavoro firmato Martin Scorsese che inizialmente doveva esser proiettatosolo tre giorni in pochissimi cinema italiani, ma la cui presenza nelle sale è stata prolungata visto il grande successo.

Il rapporto tra Netflix e le sale cinematografiche non è proprio dei migliori, in quanto la piattaforma streaming vorrebbe mandare i suoi prodotti nelle sale, ma i proprietari delle sale non sono particolarmente entusiasti del fatto che un film presente nelle loro sale sia contemporaneamente disponibile su una piattaforma streaming (nonostante sia legale). Per questo The Irishman di Scorsese inizialmente doveva rimanere per soli tre giorni, ma la gente è andata numerosa a vedere il film portando non pochi soldi alle sale e quindi il film è ancora proiettato in alcuni cinema d’Italia.

Leggi anche: Martin Scorsese chiarisce la sua critica verso i film Marvel e la Hollywood moderna

Ciò nonostante, non sono state poche le critiche che Netflix si è beccata per questa misera distribuzione di un capolavoro di puro cinema come The Irishman, e durante una recente intervista con Deadline, il “boss” della piattaforma streaming, Scott Stuber, ha risposto a queste critiche facendo un appello ad una collaborazione che possa soddisfare qualsiasi tipo di pubblico:

Non è un problema di Netflix, è un problema di business. Si parla sempre di grandi IP, di film d’animazione, horror. Ci sono generi che sono rimasti tagliati fuori dal box office, perché sono più impegnativi. Invece di attuare la retorica del ‘noi contro loro’ dovremmo lavorare tutti insieme per capire come uscire da questa situazione. Questa è la cosa più importante, dare a più voci la possibilità di esprimersi.


The Irishman è un film del 2019 prodotto da Netflix, in arrivo sulla piattaforma streaming il 27 novembre 2019 (dopo una distribuzione nelle sale cinematografiche), diretto da Martin Scorsese, su una sceneggiatura di Steven Zaillian, tratta dal romanzo I heard you paint houses di Charles Brandt, e con Troy Allen, Gerald Chamales, Robert De Niro, Randall Emmett, Gastòn Pavlovich, Jane Rosenthal, Emma Tillinger Koskoff, Irwin Winkler e Martin Scorsese come produttori. La fotografia è a cura di Rodrigo Prieto, mentre la colonna sonora è composta da Robbie Robertson.

Nel cast Robert De Niro (Frank Sheeran), Al Pacino (Jimmy Hoffa), Joe Pesci (Russell Bufalino), Bobby Cannavale (Felix “Skinny Razor” DiTullio), Anna Paquin (Peggy Sheeran), Stephen Graham (Anthony “Tony Pro” Provenzano), Ray Romano (Bill Bufalino), Jesse Plemons (Chuckie O’Brien) e Harvey Keitel (Angelo Bruno).

Andrea D'Eredità

Andrea D'Eredità

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: