Paramount cancella il sequel di World War Z per problemi di budget

Sicuramente di questi tempi dove la mania di sequel reboot e remake dilaga talmente tanto che spesso ci si ritrova a guardare quasi solamente ai cinecomics quando si vuole vedere un film per il cinema di massa che sia originale (e nemmeno loro lo sono del tutto), non pareva strano sapere che – a data ignota – sarebbe arrivato un sequel dello zombie movie con Brad Pitt, World War Z.

Adesso però sappiamo che la Paramount ha cancellato lo sviluppo del nuovo film di zombie con Brad Pitt diretto da David Fincher, che avrebbe dovuto cominciare la propria produzione a breve e calcare set in Thailandia, Spagna e Georgia.

A causa di problemi di budget la pellicola è stata quindi cancellata (anche se pare più esser stata momentaneamente messa da parte), come riportato da Deadline, e non è chiaro adesso se tornerà mai in in sviluppo. Secondo i dettagli l’accordo che Fincher e la Paramount stavano cercando di siglare si sarebbe assestato su un budget che avrebbe superato quello del primo di 190 milioni di dollari, e viste e aspre critiche alla pellicola, possiamo capire perchè la cosa non è andata a buon fine.

In aggiunta alla notizia, secondo Erik Davis di Fandango si. In un tweet pubblicato assieme alla notizia della cancellazione del sequel di World War Z, il noto insider ha parlato di alcuni “chiacchiericci” da lui sentiti sul fatto che ci sarebbe ancora la possibilità di un sequel di Mad Max: Fury Road.

Ovviamente Davis non ha urlato alla conferma, aggiungendo in un altro tweet che le informazioni in suo possesso non vanno oltre il semplice “ho sentito che forse…”, quindi va la cosa va presa con le dovute pinze perchè, come qualunque progetto in fase embrionale e non ancora in pre-produzione, potrebbe anche non venir mai sviluppato.

Qui sotto il tweet: