Patty Jenkins crede che i cinecomics possano durare in eterno

Questa domanda alla quale la regista di Wonder Woman ha risposto è un di quelle sempre presente nell’anima delle persone che amano il genere cinecomics, ed adesso che sono diventato a tutti gli effetti una importante parte dell’industria cinematografica ci chiediamo quanto a lungo durerà.

Secondo alcuni il genere è vicino al momento nel quale perderà la propria popolarità e quindi questi film smetteranno di essere prodotti, ma altri non ne sono poi così sicuri. Certo, il genere è cominciato con l’appoggio di grandi attori in grandi parti, vedi Robert Downey Jr nei panni di Ironman, o Paul Bettany in quelli di JARVIS e poi Visione, ma a parere nostro è tutt’altro che alla frutta.

Così la pensa anche la talentuosa regista del cinecomics Wonder Woman, Patty Jenkins, che in un’intervista rilasciata durante il WonderCon 2017 tenutosi ad Anaheim, ha confessato il suo pensiero a proposito del genere:

“C’è questo elemento importante nella diversità dei supereroi, c’è sempre curiosità da parte degli spettatori e non solo per il supereroe. Riguarda il metodo di racconto universale che tutte le persone percepiscono e comprendono, una cosa inventata per realizzare metafore di ciò che siamo, dei vari modi e stati dell’essere.

Per questo per me sono la stessa cosa come dei miti greci o del mito romano, o addirittura delle figure religiose di qualunque religione. Sono personaggi comuni quelli che usiamo per raccontare le storie sul diventare delle persone migliori, o quello che faresti se dovessi affrontare diversi ostacoli. Per questo per me il cinecomic è una cosa molto potente. Ci sono milioni di film che si possono realizzare per questi personaggi comuni.”

Il commento della regista quindi esprime a pieno il senso si quanto detto nella prefazione. Per quanto alcuni posano arrivare anche a sperare di vedere finire l’era dei cinecomics, dobbiamo capire che, come ben ha detto Patty Jenkins, è un genere che presenta degli spunti di riflessioni semplici ma interessanti, e con la miriade di personaggi che in quasi otto decadi i fumettisti hanno creato il genere può potenzialmente durare in eterno.

 

Che ne pensate? Ditecelo nei commenti!

“Prima di diventare l’eroina che tutti conosciamo, Wonder Woman era Diana, principessa delle Amazzoni, addestrata per diventare una guerriera invincibile. Cresciuta in una paradisiaca isola protetta, quando un pilota americano, in seguito a un incidente, approda sulle sue rive e annuncia un grandissimo conflitto che infuria nel mondo esterno, Diana lascia la sua casa, convinta di poter fermare la minaccia. Combattendo insieme all’uomo in una guerra che potrebbe mettere fine a tutte le guerre, Diana scoprirà i suoi straordinari poteri andando incontro al suo vero destino.”

Oltre a Gal Gadot nel cast vedremo Chris Pine, Connie Nielsen, Robin Wright, David Thewlis, Danny Huston, Elena Anaya, Ewen Bremner e Saïd Taghmaoui.

Alla regia Patty Jenkins che dirige il film su una sceneggiatura scritta da Allan Heinberg e Geoff Johns.

La pellicola è prodotta da Charles Roven, Zack Snyder, Deborah Snyder e Richard Suckle, con Rebecca Roven, Stephen Jones, Wesley Coller e Geoff Johns come produttori esecutivi.

La pellicola uscirà il 2 giugno 2017.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: