Patty Jenkins ha rivelato perché non si è interessata alla Justice League di Joss Whedon

Quando si parla di Justice League, è importante chiarire di quale versione del film si sta parlando.

Questo perché, mentre Zack Snyder ha inizialmente diretto il quinto capitolo del DC Extended Universe e sta finalmente dando vita alla sua visione completa di quel progetto per HBO Max, la Justice League arrivata al cinema è stata drasticamente modificata durante le riprese aggiuntive, che sono state dirette da Joss Whedon. Quella Justice League è finita per ottenere un risultato criticamente e commercialmente deludente, e la regista di Wonder Woman 1984, Patty Jenkins, è tra le persone a cui non è interessata quella versione del film.

Patty Jenkins si è recentemente seduta con CinemaBlend per parlare di Wonder Woman 1984 e durante la conversazione è stato chiesto alla regista se avesse guardato il montaggio cinematografico di Justice League, per vedere come veniva gestita la Diana Prince di Gal Gadot.

“La Justice League? No, penso che tutti noi registi della DC l’abbiamo evitato tanto quanto i fan. Sentivo anche che quella versione contraddiceva il mio primo film in molti modi, e questo film attuale, su cui ero già in produzione. Allora, cosa avrei dovuto fare? Mi sono sentita come se avessi dovuto tenere i piedi in due scarpe affinché funzionasse. L’unica cosa che ho fatto, e ho sempre cercato di fare, è chiedere a Zack, mentre stava girando Justice League, dove fosse Diana in quel momento. Quindi mi sono sempre adattata… tipo, non le ho cambiato costume, perché non avrei mai voluto contraddire i suoi film. Anche se comunque devo dirigere i miei film, e lui in questo mi ha sostenuto molto. E quindi, penso che Justice League fosse una specie di valore anomalo. Stavano cercando di trasformare una cosa in, più o meno, un’altra. E allora diventa: ‘Non riconosco la metà di questi personaggi. Non sono sicuro di cosa stia succedendo’.”

Quindi fondamentalmente, mentre Patty Jenkins ha comunque sviluppato i suoi film di Wonder Woman con un approccio più autonomo piuttosto che pensare troppo a legami più ampi col DCEU, almeno si è consultata con Zack Snyder su ciò che aveva pianificato per Diana Prince in Justice League.

Tuttavia, nel succo, alla Jenkins semplicemente non importava della versione di Justice League di Joss Whedon, in particolare a causa dei modi in cui era in contraddizione con ciò che aveva portato in Wonder Woman del 2017. Jenkins ha aggiunto che è stato “difficile” vedere Diana raffigurata in Justice League in un modo che non era in linea con il modo in cui immaginava il personaggio.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: