Per quale motivo Doctor Strange in the Multiverse of Madness ha perso il suo regista?

Doctor Strange in the Multiverse of Madness ha perso il suo regista, Scott Derrickson, per via degli elementi horror?

Quando i Marvel Studios hanno presentato il sequel di Doctor Strange al Comic-Con di San Diego a luglio, Derrickson ha descritto il film come “il primo film horror del Marvel Cinematic Universe” prendendo ispirazione dei fumetti Marvel, spesso psichedelici, che si immergono nel gotico, nell’orrore e nell’orribile”.

Kevin Feige, presidente e produttore dei Marvel Studios, ha recentemente confutato queste supposizioni che lasciavano intendere sarebbe stato “film dell’orrore”, dicendo invece che sarebbe “un grande film del MCU con sequenze spaventose”. Feige ha accennato a un’influenza spielbergiana quando ha citato film dell’orrore familiari per la sua infanzia.

“Voglio dire, ci sono sequenze orribili in Raiders che io da bambino ho visto coprendomi gl’occhi. O in Temple of Doom, ovviamente, o in Gremlins, o in Poltergeist”, ha detto Feige. “Questi sono i film che hanno inventato la classificazione PG-13, tra l’altro. Erano PG e poi erano tipo ‘Abbiamo bisogno di un altro tipo di valutazione’. Ma è divertente. È divertente avere paura in quel modo, e non in un modo orribile, ma in un modo che è legittimamente spaventoso – perché Scott Derrickson è abbastanza bravo in questo – ma spaventoso al servizio di un’emozione esaltante.”

Ieri Derrickson ha confermato la notizia di essersi separato dai Marvel Studios di proprietà della Disney, citando alcune divergenze creative. Secondo una dichiarazione pubblicata dai Marvel Studios, il divorzio è stato amichevole. Derrickson comunque conserva il credito come produttore esecutivo, il che lascia intendere, anche se non necessariamente, che la sua influenza circa alcune decisioni narrative potrebbe comunque farsi sentire.

Il regista – che ha diretto film horror come The Exorcism of Emily Rose, Sinister and Deliver Us from Evil prima di unirsi al franchise PG-13 targato Marvel con Doctor Strange del 2016 – ha dichiarato al Comic-Con che non voleva “fare solo un altro sequel per fare una continuazione. Se lo farò dovrà andare a fondo in ciò che mi ha attirato dei fumetti di Doctor Strange, in primo luogo, ovvero il loro immergersi nel gotico, nell’orrore e nell’orripilante“, mettendo in chiaro la sua dichiarzioen di voler fare il primo film spaventoso del MCU.

La partenza di Derrickson arriva poco più di una settimana dopo che Feige ha affermato che è inesatto riferirsi a Multiverse come a un “film dell’orrore“, contraddicendo la descrizione di Derrickson che ha raccolto molti consensi al Comic-Con. Il passaggio del regista arriva anche a meno di un mese da quanto Derrickson ha definito le date di uscita imposte dallo studio “un nemico dell’arte“, un tweet che alcuni interpretano come un colpo alla Marvel. Derrickson lo ha negato in un tweet di seguito.

Quindi, per terminare, anche se Variety lascia intendere che il sequel di Doctor Strange è comunque sulla buona strada per partire con la propria produzione a maggio, e è chiaro ormai che i Marvel Studios stiano cercando un nuovo regista, è presumibile che il divorso fra la Marvel e Derrickson sia stato causato dal desiderio del regista di inserire più elementi horror di quanti la Casa delle Idee ne desiderasse?

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: