Peyton Reed ha confermato la presenza di civiltà nel Regno Quantico?

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Il Reame Quantico è apparso in entrambi i film di Ant-Man, e con la sua natura misteriosa ha ispirato innumerevoli teorie su come influenzerà il futuro dell’universo cinematografico Marvel.

Durante una recente partecipazione ad una sessione di domande e risposte, il regista Peyton Reed ha fatto luce sulla zona, confermando che delle civiltà vivevano al suo interno.

“Janet Van Dyne chiaramente non sta indossando il suo costume di Wasp laggiù. Sono visibili alcuni brandelli di esso e componenti che ha conservato negli trent’anni passati li, ma ha una lancia e diversi altri oggetti che paiono provenire da quella che sembra essere un’altra cultura. C’è qualcosa da quelle parti, non solo aree desertiche.”

Mentre rivelava ciò, Reed ha praticamente confermato che esistono altri esseri viventi nel Regno Quantico, e che erano abbastanza sofisticati da avere una cultura.

“Le coordinate che dà loro per incontrarla sono in questa zona chiamata ‘The Wasteland’, che, diciamo puoi raggiungere solo rimpicciolendoti e passando per il vuoto quantico, che è il punto raggiunto da Scott nel primo film”, ha spiegato il regista. “E nel Pod Quantico, Hank è in grado di usare i propulsori e andare oltre il vuoto per penetrare la membrana del Reame Quantico. Quello è il livello più alto, ed è lì che Janet ha accettato d’incontrarlo. Nel momento in cui Hank e Janet se ne vanno dal Regno Quantico è possibile vedere qualcosa sullo sfondo che lascia intendere possa esserci una sorta di civiltà laggiù.”

Nel primo Ant-Man ci viene detto che Janet era scomparsa nel Regno Quantico, e Hank Pym ha pensato fosse morta, ma nel sequel viene confermato che la moglie del dottor Pym era sopravvissuta. Dopo mostrato il Regno, i fan hanno iniziato subito a speculare su come sarebbe potuta sopravvivere a un simile calvario, visto che il primo film lasciava intendere che sarebbe stato difficile per un umano sopravvivere là.

“C’è sicuramente un retroscena specifico di ciò che Janet Van Dyne ha fatto negli ultimi trent’anni”, ha spiegato Reed. “C’è del buon cibo laggiù ragazzi. La scena del cibo nel Reame Quantico non deve pensata come tagliata [ride]. Per il respirare, Janet sottolinea che il suo tempo laggiù non è stato solo adattamento, è stato anche evoluzione, e forse si è evoluta come un essere superiore. Quindi è facile immaginare come sia sopravvissuta laggiù, ma forse le cose sono successe col tempo, si è stata adattata e forse anche evoluta.”