Rian Johnson e l’eco della reazione a L’Impero Colpisce Ancora presente nel suo Star Wars

Con Star Wars alle spalle, e nel suo futuro, Rian Johnson ha presentato Knives Out in anteprima al Toronto International Film Festival durante il fine settimana e, francamente, ha fatto crollare la casa.

Leggi anche: rumor e speculazioni rivelerebbe la trama de L’Ascesa di Skywalker

Il regista Rian Johnson ha messo insieme un cast stellare per raccontare la storia di Danial Craig, deliziosamente arrapato, nel ruolo di Det. Benoit Blanc, assunto per risolvere il mistero dell’omicidio di un autore ricco, interpretato da Christopher Plummer.

È sia un vecchio ritorno al mistero dell’omicidio con un cast di stelle, sia al tipo di commedia esilarante con black humor. Secondo alcuni è stata una delle migliori esperienze cinematografiche del 2019.

In una recente intervista i ragazzi di Uproxx hanno incontrato Johnson nel suo hotel a Toronto in modo che potesse accompagnarci attraverso il complicato processo di mettere insieme qualcosa come Knives Out, ma non a caso, durante questa conversazione abbastanza approfondita, Johnson ha potuto parlare un po’ anche di Star Wars.

Dopo aver diretto Star Wars: Gli Ultimi Jedi, indubbiamente uno dei migliori episodi della saga di Star Wars di sempre, sa che a questo punto tutto ciò che dice può causare una piccola tempesta nell’Internet, sopratutto all’interno del tossico fandom della saga, sia che si tratti della trilogia originale, del suo Gli Ultimi Jedi, o della sua trilogia futura ancora avvolta nel mistero di cui nessuno al di fuori della Lucasfilm sa niente.

Una cosa che in diversi paiono aver dimenticato, o magari non hanno mai saputo, è che al tempo anche L’Impero Colpisce Ancora, da molti ritenuto uno dei migliori film della saga, se non “il migliore”, all’inizio non riscosse molto successo, e le opinioni riguardo la pellicola apparvero polarizzate fra fan e detrattori almeno fino agli anni ’90. La traiettoria che Gli Ultimi Jedi ha percorso fino a questo momento ricorda molto ciò che è successo a L’Impero Colpisce Ancora, e vista la qualità del film non sorprende.

Rian Johnson è stato interrogato a tal proposito, ed anche se inizialmente ha quasi rifiutato di rispondere, per evitare di venir preso di mira di nuovo da detrattori fanatici, ha comunque detto che “da bambino, ricordo distintamente di essere stato deluso da L’Impero Colpisce Ancora“, è che è stato il primo film di Star Wars che avesse visto.

“Penso che mio padre mi abbia portato quando ero molto giovane a vedere Una Nuova Speranza. Sì, no, mi sembra di ricordarlo, soprattutto nel contesto de Il Ritorno dello Jedi, che da bambino adoravo. E così, sì, lo ricordo molto vividamente. Ma poi L’Impero divenne lentamente il mio preferito. Guarda, amico, penso fosse lo stesso per te, eravamo sui vent’anni quando uscirono i prequel.

[…] L’Impero Colpisce Ancora è un film che ti si attacca addosso. Ecco prché, anche se al tempo ebbi quella reazione, mi è rimasto dentro. Ricordo anche i prequel, l’astio che hanno suscitato, Penso che la gente abbia dimenticato il tenore del pericolo. Noi lo ricordiamo perché lo abbiamo vissuto. Succede quando hai un seguito di fan così affezionati, e con Star Wars è esattamente così, se non molto di più. Non puoi arrabbiarti con loro, quando quella passione è il motivo per cui c’è stata anche positività. Fa parte della storia ed è sempre stato così. E’ per questo che amo Star Wars.”