Ridley Scott se la prende coi “giovani e dei loro cellulari” per il flop al botteghino di The Last Duel

Ridley Scott non ha “un rimpianto” per la sua direzione o per la promozione da parte della Disney del suo dramma storico del 2021, The Last Duel, e secondo lui il fallimento al botteghino è colpa dei giovani e dei loro cellulari.

Il regista, noto per film di successo commerciale e di critica come Alien, Thelma & Louise e The Martian, è apparso lunedì nel podcast WTF del comico Marc Maron.

Tra gli argomenti discussi c’era The Last Duel, il film diretto da Scott su una sceneggiatura di Nicole Holofcener, Ben Affleck e Matt Damon basato sull’omonimo libro di Eric Jager, che ha guadagnato solo 27 milioni di dollari in tutto il mondo nonostante un budget di 100 milioni di dollari.

“No. La Disney ha fatto un fantastico lavoro di promozione”, ha detto Scott quando Maron ha insinuato che la compagnia potrebbe essere stata la ragione della bassa performance. “I capi hanno adorato il film – perché ero preoccupato che non fosse per loro – ma a loro è piaciuto molto, quindi la loro pubblicità è stata eccellente. Penso a chi poteva arrivare. Ciò che abbiamo oggi è un pubblico cresciuto con questi fottuti telefoni cellulari. I millennial non vogliono che gli venga insegnato nulla a meno che non glielo dici sul cellulare. Penso che lo stiamo vedendo in particolare ora con Facebook. C’è stata una direzione sbagliata che ha dato il tipo sbagliato di fiducia a questa ultima generazione, credo.”

Maron ha detto che pensava che il periodo di tempo e l’azione nel film sarebbero stati un’attrazione per il pubblico più giovane.

“Sono d’accordo con te. In particolare con Matt Damon, Ben Affleck e Adam Driver e questa nuova ragazza chiamata Jodie Comer. Questya è la premessa che vendi, è la premessa che ha fatto la Fox. Pensavamo tutti che fosse una sceneggiatura fantastica e l’abbiamo realizzata”, ha risposto Scott. “Non puoi vincere sempre. Per quanto mi riguarda, non ho mai avuto un rimpianto in nessun film che ho fatto. Niente. Ho imparato molto presto a essere il critico di me stesso.”

The Last Duel non è l’unico flop al botteghino di Scott. Nel 1982 il regista ha realizzato un film intitolato Blade Runner. Era il suo terzo film, e come il tempo ci ha insegnato, era un capolavoro, solo che al tempo non fu compreso. Un pessimo risultato al botteghino, soprattutto in tempi di pandemia, non vuol dire che The Last Duel sia un pessimo film.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: