Robert Downey Jr. riflette su Tropic Thunder e sull’utilizzo della blackface

Robert Downey Jr. riflette su Tropic Thunder e sull’utilizzo della blackface

Il 2008 è stato un grande anno per Robert Downey Jr., principalmente perché ha segnato il suo debutto come Tony Stark, un ruolo che avrebbe interpretato per i successivi 11 anni nel Marvel Cinematic Universe.

Tuttavia, diversi mesi dopo l’uscita di Iron Man, Downey è stato visto nella commedia Tropic Thunder, dove ha interpretato Kirk Lazarus, un attore estremamente metodico che ha subito un intervento chirurgico di “alterazione della pigmentazione” per interpretare il personaggio afroamericano per cui era stato scelto, il Sergente Lincoln Osiris.

Data la brutta storia coi Blackface negli Stati Uniti, il fatto che Robert Downey Jr. indossasse effettivamente una blackface, anche se per scopi satirici, divenne un argomento di conversazione in quel momento, e lo è diventato ancora di più nel decennio successivo.
Riflettendo sul suo tempo in Tropic Thunder, ecco cosa Downey ha recentemente detto sul perché ha accettato il ruolo:

“Quando Ben chiamò e disse: ‘Ehi, sto facendo questa cosa’, e penso che Sean Penn sia passato oltre sul ruolo. Forse saggiamente. E ho pensato: ‘Sì, lo farò e lo farò dopo Iron Man’. Poi ho iniziato a pensare: ‘È un’idea terribile, aspetta un minuto’. Poi ho pensato: ‘Aspetta amico, qui diventa reale, dov’è il tuo cuore?’. Dovevo ‘essere nero’ per un’estate nella mia mente, quindi c’era qualcosa in me che si era smosso. L’altra cosa è che riesco a reggere alla natura, alla folle ipocrisia di auto-coinvolgimento degli artisti, e ciò che pensano di essere autorizzati a fare occasionalmente.”

Quindi se la storia si fosse sviluppata diversamente, avremmo potuto vedere Sean Penn nei panni di Kirk Lazarus in Tropic Thunder. Tuttavia, non doveva esserlo (se guardi da vicino, Penn è ancora presente in un cameo nel film), e quando Ben Stiller si è avvicinato a Robert Downey Jr. per il ruolo, quest’ultimo ha ritenuto che, oltre a questa, fosse un’opportunità insolita per lui di interpretare un personaggio “nero”.

Robert Downey Jr. ha anche notato durante la sua intervista a The Joe Rogan Experience che si fidava del fatto che Ben Stiller sarebbe stato in grado di mettere in piedi questo approccio al personaggio in modo appropriato, invece di farlo diventare terribilmente offensivo.

“Inoltre, Ben Stiller, che è un artista e regista magistrale, probabilmente la cosa più vicina a Charlie Chaplin che ho mai conosciuto nella mia vita… se lo avessi visto mentre dirigeva questo film sarebbe stato come se stessi guardando David Lee, sapeva esattamente quale fosse la sua visione e l’ha eseguita, era impossibile non avere gli incubi che fosse offensivo. Il 90% dei miei amici neri era tipo: ‘Amico, è stato grandioso’.”

Certo, le opinioni sono soggettive, quindi mentre Robert Downey Jr. aveva alcuni amici che erano d’accordo con lui nell’indossava la blackface in questo modo, e ce n’erano molti altri che trovavano sgradevole questo aspetto di Tropic Thunder.

Per quanto riguarda la posizione di Downey col film adesso, mentre riconosce che ci sono persone a cui non piace il modo in cui è stato gestito Lincoln Osiris, sostiene che è entrato nel ruolo con le migliori intenzioni.

“Non posso essere in disaccordo con l’altro 10%, ma so dove si trova il mio cuore. Penso che non ci sia mai una scusa per fare qualcosa che è fuori luogo e fuori dal suo tempo, ma per me è stato un espediente esplosivo. Penso che avere un’adeguata psicologia morale sia un lavoro. A volte, devi solo dire ‘Sì, ho fatto’. A mia difesa, Tropic Thunder parla di quanto la blackface sia sbagliata, quindi lo prendo come un’eccezione.”

Qui sotto potete ascoltare l’intervento:

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: