Robert Pattinson si apre sul suo rapporto coi paparazzi e i trucchi che usa per evitarli

L’attore Robert Pattinson ha avuto una carriera eclettica a Hollywood che va da una breve apparizione in Harry Potter e il Calice di Fuoco a film d’autore come The Lighthouse e Cosmopolis.

È diventato rapidamente un nome familiare e un rubacuori di adolescenti dopo aver interpretato lo scintillante vampiro Edward Cullen in The Twilight Saga, e come risultato della sua popolarità l’attore si è ritrovato nel mirino dei paparazzi per anni. Pattinson si è aperto in una nuova intervista sui suoi ricordi da bersaglio dei fotografi e come ha gestito e gestisce tutt’ora l’attenzione.

“Ho così tanti ricordi di terrore da paparazzi”, ha detto Pattinson a GQ. “E indosso ancora un’armatura protettiva, un cappuccio e un cappello.”

L’ultimo film di Pattinson lo ha sicuramente reso ancora una volta un obiettivo di profilo molto alto, mentre interpreterà l’eroe titolare nel film della Warner Bros. The Batman. Molte foto e video dal set sono già apparse online, anche se la maggior parte di essi vede la controfigura di Pattinson ion azione e non l’attore stesso.

L’attore è stato molto aperto sulla sua storia con i paparazzi, le grandi misure che ha preso per evitarli e per non essere fotografato in pubblico o compromettere la sua vita privata. In un’altra intervista con GQ ha rivelato i suoi trucchi che rasentano l’estremo.

“Appena vedo una coda sparisco di nuovo”, ha detto nel 2017. “Ha funzionato per un po’. Sono come ‘oh, che seccatura’. Ci sono modi per scomparire, abbastanza facilmente, ma devi vivere una vita abbastanza strana. Implica uno sforzo, e la maggior parte delle persone non si possono sempre preoccupare di fare lo sforzo.”

Alcune delle sue strategie includevano nascondersi nei bauli delle macchine, qualcosa che diceva di fare “costantemente”, e scambiare vestiti con i suoi amici nel bagno dei ristoranti mentre ordinava più Uber che sarebbero partiti tutti in direzioni diverse. Francamente queste abilità e trucchi suonano come qualcosa che il Cavaliere Oscuro avrebbe utilizzato, nel caso in cui i fan fossero ancora preoccupati della scelta dell’attore per il ruolo.

Fonte

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: