RoboCop Returns: Neill Blomkamp non è più il regista del sequel

E’ proprio così, il reboot / sequel di RoboCop noto come RoboCop Returns dovrà trovare un nuovo direttore.

Leggi anche: RoboCop Returns e gli aggiornamenti donati da Blomkamp tempo addietro

Neill Blomkamp, famoso per il suo amato approccio ai film di fantascienza che hanno prodotto pellicole già cult come District 9, Elysium e Chappie, era pronto a dare vita al nuovo RoboCop, un’associazione che sembrava essere stata creata in paradiso.

Tuttavia, molto tardi mercoledì sera, Blomkamp ha consegnato a Twitter l’annuncio del suo abbandono del nuovo film di RoboCop, lasciando così la posizione senza un direttore, ed in attesa di qualcun’altro che possa prendere le redini del progetto. Non sappiamo di preciso quale sia la motivazione di questo “divorzio”, ma stando ad alcune speculazioni sembra esserci stato un conflitto di programmazione.

Blomkamp ha twittato che era “fuori da RoboCop” perché stava girando un nuovo film che richiedeva la sua attenzione. Dal momento che la MGM sta cercando di dare inizio al film nell’immediato futuro, ha dovuto andare avanti con un nuovo regista.

“Ho lasciato RoboCop,” scrive il regista. “Sto per girare un nuovo thriller/horror e la MGM non vuole aspettare, oppure hanno semplicemente bisogno di girare RoboCop ora. Sarò entusiasta di vederlo al cinema con gli altri fan”.

Qui sotto il tweet:

C’è comunque un lato positivo in tutto questo. RoboCop Returns non è ufficialmente morto come progetto, ed a quanto pare rimane una priorità per la MGM, semplicemente non avrà Blomkamp alla regia, cosa che comunque non esclude possa utilizzare la sceneggiatura che a quanto pare è già pronta da qualche tempo.

Spero che il quadro del film rimanga lo stesso, anche dopo la partenza di Blomkamp. Si dice che RoboCop Returns sia più di un sequel diretto del film originale del 1987, che avrebbe eliminato la storia dei vari sequel arrivati dopo e del tremendo reboot del 2014, e stando al produttore Ed Neumeier il film mira ad avere la stessa grinta del classico di Paul Verhoeven.