Sam Raimi riporta la mente a Spider-Man spiegando perché al tempo accettò di dirigerlo

È facile dare per scontato quanto fossero speciali i film di Spider-Man di Sam Raimi dopo che il personaggio è stato riavviato due volte, inserito nel MCU e portato in scena in un film d’animazione vincitore di un Oscar.

Al momento della loro uscita i film erano enormi e influenti in diversi modi in tutta Hollywood, ma alla fine la serietà che Raimi ha portato al materiale li ha consacrati elevandoli al di sopra di molti degli altri adattamenti Marvel dell’epoca (ed anche della quasi totalità di quelli odierni). Oggi, prendendo parte a un AMA su Reddit, a Raimi è stato chiesto “perché” ha realizzato i film per cominciare, e la sua risposta è stata toccante quanto la sua interpretazione di Spider-Man.

“Ho diretto il primo film di Spider-Man perché ero un grandissimo fan del brillante personaggio di Stan Lee”, ha scritto Raimi. “Peter Parker e Spider-Man sono stati una parte importante della mia adolescenza. Ho pensato che fosse molto commovente quanto si è sacrificato per gli altri. Quanto ha lavorato duramente per proteggere persone innocenti. E nel frattempo ha dovuto prendersi cura di sua zia May e fare i compiti. Il suo sacrificio personale ha risuonato dentro di me. Era davvero una brava persona. Possiamo identificarci con i personaggi in una storia comprensibile. Le storie di eroi, come Peter Parker, ci ricordano di cosa siamo capaci. Forse tu sei una di quelle persone a cui piace essere ricordato per il bene di cui sei capace. Ora esci e fai qualcosa al riguardo.”

Come sanno i fan della Marvel, Raimi sta tornando alla Casa delle Idee con l’imminente uscita di Doctor Strange in the Multiverse of Madness. Come Spider-Man, Raimi aveva un amore passato per il Maestro delle Arti Mistiche, tanto che ha messo inserito un easter egg al personaggio in Spider-Man.

“Ho amato Doctor Strange da bambino, ma ho sempre guardato a Spider-Man e Batman, probabilmente perché era solo al numero cinque dei grandi personaggi dei fumetti per me”, aveva detto in precedenza Raimi a ComicBook. “Era così originale, ma quando abbiamo avuto quel momento in Spider-Man 2 non avevo idea che avremmo mai fatto un film di Doctor Strange, quindi è stato davvero divertente per me che, casualmente, quella frase fosse nel film. Devo dire che vorrei che avessimo avuto la lungimiranza di sapere che sarei stato coinvolto nel progetto.”

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: