Samuel L. Jackson a proposito della recitazione: “Preferisco essere Nick Fury che andare a caccia di Oscar”

L’unico Oscar che Samuel L. Jackson abbia mai vinto è una statuetta onoraria, ma all’icona della recitazione non importa, considerando che ha trascorso oltre 10 anni nel ruolo di Nick Fury nel Marvel Cinematic Universe.

Come Jackson ha detto al Los Angeles Times, preferirebbe realizzare film Marvel da miliardi di dollari piuttosto che vincere Oscar o inseguire ruoli da esca per gli Oscar.

“Per quanto sfinito io voglia provare a sentirmi al riguardo, sai pensare: ‘Beh, avrei dovuto vincere un Oscar per questo, o avrei dovuto vincere per quello’, è una cosa che ho superato diverso tempo fa, non è mai stato un grosso problema per me”, ha detto Jackson. “Mi diverto sempre ad andare agli Oscar. Non vedo l’ora di ricevere un cesto regalo per essere stato presentatore. [Ride] Do cose ai miei parenti, è fantastico partecipare ma per il resto, l’ho ampiamento superato.

Non avrei mai permesso agli Oscar di essere una misura del mio successo o fallimento come attore. Il metro del mio successo è la mia felicità: sono soddisfatto di quello che sto facendo? Non sto facendo film per andare a caccia di statuette. Sai, nel modo di fare di: ‘Se fai questo film, vincerai un Oscar’. No grazie, non m’interessa. Preferisco essere Nick Fury, o divertirmi a essere Mace Windu con una spada laser in mano.”

Questo non vuol dire che Jackson creda che non dovrebbe avere un Oscar alla recitazione alle spalle ormai. L’attore ha detto al Sunday Times a marzo che avrebbe dovuto vincere l’Oscar come attore non protagonista quando è stato nominato per il suo ruolo in “Pulp Fiction” di Quentin Tarantino.

Jackson è stato nominato quell’anno contro Martin Landau (“Ed Wood”), Chazz Palminteri (“Bullets Over Broadway”), Paul Scofield (“Quiz Show”) e Gary Sinise (“Forrest Gump”). Landau è stato premiato con l’Oscar. Jackson ha detto di essersi perso anche un altro Oscar con “Jungle Fever”, per il quale non è stato nemmeno nominato.

Parlando al Los Angeles Times, Jackson ha detto che va bene rinunciare ai ruoli da Oscar se significa fare film “che le persone vogliono vedere per poter evadere dal mondo”, aggiungendo: “Questo è il tipo di uomo che ho scelto di essere, e mi sta bene”.

“Sono soddisfatto perché è quello che sono. Sono il ragazzo che fa le battute che la gente vede sulle magliette. Ci sono attori che hanno una lunga carriera, ma nessuno può fare citazioni dai loro film. La gente va a guardare i miei film per vedere quanto diventerò pazzo, o per vedere quante volte dico figlio di puttana. Qualunque cosa li faccia saltare sulla sedia.”

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: