Sarah Finn racconta il difficile casting di Chris Pratt per Star-Lord

L’Universo Cinematografico Marvel è un posto enorme, con un sacco di franchise e infiniti personaggi da seguire. Ma alcune proprietà spiccano tra le altre e il Guardiani della Galassia di James Gunn è sicuramente una di quelle. I film seguono un gruppo eterogeneo di disadattati, con un cast di star tra cui Vin Diesel, Bradley Cooper, Zoe Saldana e Chris Pratt.

Ma a quanto pare Chris Pratt non ha sempre voluto interpretare Peter Quill/Star-Lord.

In effetti, inizialmente si era rifiutato di fare un provino per i Marvel Studios, rendendo il processo di casting complicato. La direttrice del casting, Sarah Finn, ha recentemente raccontato questo episodio alla premiere di Avengers: Endgame, quando le è stato chiesto quale fosse stato il più importante casting alla Marvel.

“Sono tutti impegnativi a modo loro, ma probabilmente andrei con Guardiani della Galassia. James Gunn è stato molto generoso nel dire che io, al punto di infastidirlo, continuavo a insistere sul fatto che Chris Pratt era l’uomo per la parte, ma Chris non la voleva e si è rifiutato di fare un provino.”

Ciò è ovviamente sorprendente. Chris Pratt sembra la scelta perfetta per essere Star-Lord, data la sua qualità recitativa in merito alla commedia ed all’azione. Ma la star di Parks & Rec ha esitato a entrare nel franchise, quindi ci sono voluti alcuni convincimenti.

Mentre gli spettatori sanno quanto successo abbia avuto il franchise di Guardiani della Galassia, non c’era alcuna garanzia che risuonasse così bene con il pubblico prima del suo debutto nel 2014. I personaggi non erano nomi familiari, e la squadra includeva un gigantesco albero parlante e un procione scurrile. Chris Pratt non può essere criticato per aver avuto un certo scetticismo prima di accettare finalmente di incontrare Sarah Finn e la Marvel.

Ma una volta che Chris Pratt acconsentì ha acconsentito a fare un provino per Star-Lord, Sarah Finn doveva ancora convincere James Gunn, come ha menzionato nella sua stessa intervista a Variety (via CB):

“Alla fine l’ho portato a fare un provino e James Gunn ha detto che non voleva vederlo, perciò questa è stata davvero una sfida. Ero davvero felice quando finalmente li ho messi insieme nella stessa stanza, ed è stato onestamente uno di quei momenti in cui avrei voluto urlare ‘eureka!’ quando parlando abbiamo capito che era la scelta di casting più giusta. James alla fine si voltò verso di me e disse ‘È lui il mio uomo’.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: