Scott Derrickson pubblica una possibile anticipazione a Doctor Strange in the Multiverse of Madness

L’ultima uscita di Scott Derrickson con Doctor Strange ha prodotto grandi risultati. I fan adorano il film e sono entusiasti del sequel.

Il regista è troppo felice di distribuire piccole briciole per aiutare a mantenere alto il livello di hype sui social media. Derrickson ha recentemente pubblicato una vignetta proveniente da un fumetto di Doctor Strange che approfondisce l’argomento delle diverse dimensioni. Sembra giusto chiedere se questo è un rimando ad alcune cose che verranno nel sequel.

Doctor Strange in the Multiverse of Madness sarà incentrato sullo stregone supremo con al suo fianco la Scarlet Witch di Elizabeth Olsen. Oltre a questo, non sono stati rilasciati molti dettagli oltre al fatto che il film sarà il primo film di stampo orrorifico dell’universo cinematografico Marvel, ovviamente nei limiti del PG-13.

Il tweet di Derrickson parla di come il semplice numero di mondi nel multiverso potrebbe essere la causa della follia.

Ciò potrebbe non significare niente, ma c’è anche da riflettere sul fatto che il regista ovviamente conosce i suoi film, sopratutto riguardo al fatto che dentro la sua struttura racchiude diversi rimandi. Uno di quelli che di recente potrebbe aver raccolto più consensi è ovviamente il piccolissimo easter egg al Cavaliere Nero, visto che presto verrà introdotto nell’UCM, ma diversi riferimenti parrebbero esser stati scovati nel primo vero viaggio astrale del Dottor ad opera dell’Antico.

Il primo, ed il più ovvio che tutti hanno visto, si realizza ovviamente nel momento in cui Strange attraversa una sorta di coloratissimo, ma alienante, tunnel spazio temporale – per molti un rimando a 2001 Odissea nello Spaio, ma di recente i fan pare abbiano scovato un riferimento al cult di fantascienza intitolato “Contact” del 1997.

Is it possible that Doctor Strange made a pretty subtle visual reference to Contact (1997)? They’re incredibly similar. from r/marvelstudios

Sapendo quindi che Derrickson tende ad inserire questo tipo di rimandi ai film cult, e sapendo anche che la sceneggiatura è attualmente in fase di scrittura, potrebbe darsi che l’influenza horror, parte della sua carriera da direttore, possa portare qualcosa in seno al cinecomic Marvel Studios? Potrebbe forse la multiuniversalità che porta alla follia mostrarci reami infernali? O magari guidarci verso lidi più fantascientifici?