Seek: nascondino diventa inquietante nel cortometraggio apprezzato anche da Rian Johnson

Visto che siamo in tema di spooktober andiamo con una piccola chicca della scena indipendente, l’inquietante cortometraggio horror di 5 minuti, Seek.

The creepfest — che è stato diretto da Aaron Morgan su una sceneggiatura scritta con Eric Vespe di SlashFilm – è pesante per la tensione e il tono, così come gli effetti e persino l’animatronica. Con un tempo di esecuzione così breve, il risultato è impressionante e perfetto per il periodo che precede Halloween.

Secondo Fangoria, la sinossi del film recita: “Le sorelle Heidi e Jordan hanno guidato tutta la notte quando si imbattono in un parco in rovina lungo la strada e in un’area di sosta. Seguono eventi orribili quando un residente malizioso che abita nel bagno chiede di giocare a una versione terrificante di un gioco per bambini”.

Il breve corto ha partecipate al SXSW nel 2020 e al Fantastic Fest il mese scorso, ma è possibile che vedremo un’incarnazione più ampia della storia nel circuito dei festival nei prossimi anni. Morgan in precedenza aveva rivelato che “Seek” è una piccola parte di una mitologia più ampia e che il suo “obiettivo è espandere questo mondo per raccontare la storia completa e terrificante della Lonely Child”.

Quindi bando alle ciancie e vi lasciamo alla visione del cortometraggio:

Il corto conquista per la scrittura, ma dove stupisce davvero è con i suoi animatronici ed effetti visivi. Il design della creatura è stato splendidamente creato dal produttore di effetti pratici premio Oscar Arjen Tuiten, Il Labirinto del Fauno, che ha anche lavorato a Maleficent, Wonder e al film in uscita Ghostbusters: Afterlife. Ha basato il design su un pezzo del Weta Workshop, noto per il suo lavoro di design cinematografico e televisivo.

Il cortometraggio presenta anche dei buoni VFX ad opera di Rogelio Salinas e Todd Perry, noti per il loro lavoro nel MCU in Black Panther, Avengers e Doctor Strange. Il design animatronico della creatura antagonista centrale del film, combinato con gli effetti visivi che aiutano il tono del film, sono i capisaldi del motivo per cui questo cortometraggio funziona così bene, quindi non sorprende che grandi artigiani del cinema abbiano prestato la loro grandezza a quegli aspetti dietro le quinte.

Tutto sommato, questo cortometraggio è perfetto per il periodo di Halloween, anche se non lo ritengo poi così indie.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: