Solo: A Star Wars Story, un mucchio di nuove immagini rimandano a dettagli e nuove informazioni!

Al termine della propria vita la celebre canaglia Han Solo, capitano del Millennium Falcon, arrivò a credere nella Forza. La Ribellione. E forse anche in se stesso. Sempre ammesso che non ci credesse fin troppo.

Quella però è una lunga strada che porta da quando lo abbiamo conosciuto in Star Wars: Un Nuova Speranza a quando è tristemente dipartito in Star Wars: Il Risveglio della Forza. Quindi il nuovo spin-off di Star Wars chiamato semplicemente Solo: A Star Wars Story, dovrà portarci nei giorni della sua giovinezza, quando la fede era più ardua da ottenere e quando il nostro contrabbandiere era semplicemente una canaglia, bugiarda ed un ladro.

Grazie ad Entertainment Weekly possiamo mostrarvi oggi una serie di nuove immagini ufficiali che mostrano alcuni dettagli aggiuntivi riguardo la trama che sono sicuro in diversi troveranno interessanti.  Il co-creatore Lawrence Kasdan (che ricordiamolo ha co-scritto L’Impero Colpisce Ancora, Il Ritorno Dello Jedi e Il Risveglio della Forza), ha dichiarato scherzosamente assieme a suo figlio Jon rivelando di aver co-scritto la sceneggiatura di Solo assieme a lui, e indicandola come una sorta di “bromance” fra Han e Chewie.

“La loro relazione è sempre stata la mia parte preferita della saga, ed il fatto che solo Han capisca cosa sta dicendo Chewie, trovo sia uno spunto molto divertente per le scene comedy. Gli Wookie hanno così tante qualità positive, ma ciò che non fanno è renderti semplice entrare in sintonia.”

Una delle domande più frequenti fra i fan di Star Wars e del personaggio è se Alden Ehrenreich, interprete del contrabbandiere originariamente portato sul grande schermo da Harrison Ford, sarà all’altezza di portare su di se l’aspettativa che in molti ripongono in lui. I realizzatori del film hanno affermato che l’ambientazione sarà si nella galassia lontana, lontana, ma avrà toni più simili ad un film di genere noir o western, con elementi da buddy movie.

“Penso che la cosa principalmente diversa è che l’Han che vediamo in questo film è più di un idealista”, dice Ehrenreich a EW. “Lui insegue certi sogni e noi vedremo gl effetti di questi mentre incontrano nuove realtà, che si mostreranno più difficili di quanto si aspettasse.”

Per quanto riguarda il personaggio di Lando Calrissian, interpretato da Donald Glover, lo vedremo esattamente come lo abbiamo visto ne L’Impero Colpisce Ancora, con quel sorrido e quella sfacciataggine. Nell’immagine che vi proponiamo nella galleria in calce all’articolo potete vederlo con un sorriso sornione mentre giova a sabacc con il suo amico a due teste. Quel particolare gioco di carte ricoprirà un ruolo fondamentale nel modo in cui Han entrerà in possesso del Millennium Falcon, ed anche se siamo sicuri che questa cosa verrà mostrata nel film, ancora non possiamo sapere come la sequenza verrà messa in scena. Vedremo sicuramente diversi lato sia di Han che di Lando, sopratutto nel loro modo di rimanere in bilico fra essere canaglie ma di buon cuore.

Nel film non vedremo quindi solamente il rapporto fra Han e Chewie, o le canaglie della galassia come il carismatico e donnaiolo Lando Calrissian, ma questo nuovo film introdurrà anche un nuovo personaggio, interpretato dalla star di Game of Thrones, Emilia Clarke. Il suo personaggio viene descritto come “la donna del mistero” arrivata direttamente dal genere noir. La Clarke a tal proposito ha detto riguardo a Qi’ra, il suo personaggio:

“Ha un paio di aspetti interessanti, ma sostanzialmente sta solo lottando per sopravvivere. Quando hai una donna di notabile classe e glamour in un ambiente così sordido, sai che quel glamour nasconde alcuni sentieri oscuri.”

Naturalmente dopo la misteriosa Qi’ra esiste anche un altro mistero nel cast di questo spin-off, ovvero il ruolo ricoperto da Woody Harrelson. L’attore di Now You See Me interpreta un criminale che spera di migliorare il proprio status attraverso un grosso colpo organizzato. Per un ragazzo come Han, che non ha mai conosciuto suo padre, Tobias Beckett diventa una sorta di figura paterna, un mentore. Ron Howard ha descritto il personaggio come “un criminale potente, ma anche una persona libera“, accennando poi a come ha contribuito a formare Han più di chiunque altro poiché lo porta a pensare che “in un periodo senza legge, ha bisogno di un codice morale“.

Per diverso tempo all’interno delle speculazioni su Solo: A Star Wars Story si è vociferato l’inserimento di una “droide femmina”, cosa che ha scatenato le noie di molti in quanto i droidi non hanno sesso. Nell’immagine che vede nella galleria però potete vedere un androide, ed a quanto pare la voce e la performance in motion-capture è stata portata dall’attrice Phoebe Waller-Bridge. Il droide viene descritto come un personaggio dalla personalità più idiosincratica dei classici droidi, probabilmente calcando l’onda del successo di K-2SO.

È più umana – il che probabilmente significa più emotiva e un po’ meno rigida. Il suo nome è un riferimento al “leet”, detta semplicemente quella pratica che prevede di sostituire determinate lettere in determinate parole con numeri che rimandino, seppur in maniera ambigua, a lettere. Questa particolarità verrà spiegata nel film ed a quanto pare c’entra con le parti di cui è composta.

In ultimo nella galleria che ripeto, trovate in calce alla notizia, possiamo vedere un gruppo di individui che parevano solo parte del comparto scenografico con la presenza di alcuni ufficiali imperiali sporchi di fango e un droide medico, ma che a detta della Lucasfilm porterà un rimando ad i completisti di Star Wars essendo quindi un rimando a Mimban.

Mantenendo quindi la tendenza a portare nella saga pianeti con un ecosistema unico come Hoth o Jakku, Mimban è un mondo paludoso, presenta un’atmosfera piena di temporali perciò il suo cielo è perennemente coperto e la terra è sempre avvolta dalla nebbia. Il pianeta è stato ambientazione per il romanzo Splinter of the Mind’s Eye del 1978 di Allan Dean Foster, che si svolgeva due anni dopo gli eventi dello Star Wars originale dove vedevamo Luke Skywalker e Leia bloccati sul pianeta fangoso mentre Darth Vader era impegnato a cercare una reliquia della Forza nota come la gemma di Kaiburr, un cristallo custodito nel tempio del dio Pomojema con la capacità di assorbire la Forza.

Il romanzo parrebbe non essere più parte del canone da dopo l’acquisizione della Lucasfilm da parte della Disney, ma come la prima importante storia per l’universo espanso di Star Wars, precedente persino a L’Impero Colpisce ancora, rimane sicuramente caro ai fan che hanno seguito la saga sin dall’inizio.


Supporta la redazione con una donazione


Sali a bordo del Millennium Falcon e viaggia verso la galassia lontana, lontana in Solo: A Star Wars Story, una nuovissima avventura con il più amato mascalzone della galassia. Attraverso una serie di audaci scappatelle nel profondo e oscuro del mondo criminale, Han Solo incontrerà il suo potente co-pilota Chewbacca ed il famoso giocatore d’azzardo Lando Calrissian, in un viaggio che segnerà il corso di uno degli eroi più improbabili della saga di Star Wars.”

Solo: A Star Wars Story uscirà nelle sale il 23 maggio 2018, con Ron Howard alla regia, dopo l’abbandono di Phil Lord e Chris Miller, su una sceneggiatura di Jon e Lawrence Kasdan.

Nel cast Alden Ehrenreich (Han Solo), Donald Glover (Land Calrissian), Woody Harrelson (Garris Shrike), Emilia Clarke (Kira), Thandie Newton, Phoebe Waller-Bridge, Ian Kenny, Warwick Davis, Spencer Wilding, Paul Bettany e Joonas Soutamo (Chewbacca).

Il film prenderà luogo dieci anni prima gli eventi di Una Nuova Speranza. La fotografia sarà a cura di Bradford Youg, mentre la colonna sonora porterà la firma di John Powell, ma il tema principale sarà composto da John Williams.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: