Spawn: Todd McFarlane dice “niente battute divertenti nel film”

E bene non sperare troppo nel sollievo comico all’interno del prossimo film di Spawn della Blumhouse, diretto dal regista esordiente, Todd McFarlane. Il tutto stando naturalmente all’icona del fumetto, che ha detto che il film sarà piuttosto dark.

Spawn è un fumetto davvero oscuro e violento, incentrato su un ex-soldato che finisce a lavorare per l’inferno dopo la sua morte, e la versione che McFarlane vuole vedere su schermo è un film vietato ai minori che minimizza l’avventura in costume di Spawn e gioca un po’ con l’orrore e gli elementi soprannaturali.

“Non c’è gioia”, ha detto McFarlane a Nerdist. “Non ci saranno battute divertenti, e sarà solo un brutto film di due ore, che è essenzialmente quello che molti film soprannaturali/horror sono comunque. Non c’è molto di divertente in loro, e questo sembra essere un strano ostacolo da superare per molte persone in questi contesti, in quanto in qualche modo diventano sempre un’avventura di supereroe alla Avengers in modo predefinito.”

Questa non è certo la prima volta che McFarlane ha suggerito che il film sarà una corsa d’inquietudine e orrore, e non ha fatto mistero sul fatto che Spawn sarà qualcosa di diverso rispetto ai film Marvel Cinematic Universe e DC Extended Universe.

Greg Nicotero di The Walking Dead e la sua compagnia KNB EFX Group realizzeranno gli effetti per il film. McFarlane sta collaborando con Blumhouse per produrre. Il film non ha ancora un distributore, ma la Universal ha i diritti di primo sguardo per contratto con lo studio Blumhouse. Il film dovrebbe iniziare le riprese nel giugno 2019.

Jamie Foxx interpreterà il personaggio principale mentre Jeremy Renner è stato scelto per interpretare il detective Twitch, il personaggio attraverso il quale il pubblico vedrà gli eventi soprannaturali svolgersi.

L’imminente adattamento del personaggio sarà drasticamente diverso non solo dalla precedente incarnazione del personaggio al cinema, ma anche dagli altri film Marvel e DC Comics che il pubblico è abituato a vedere.

Beh, sai, farò le cose semplici che non sono conformi alla norma“, ha condiviso in precedenza McFarlane, aggiungendo che l’uso del R-rated lo porta fuori dalla categoria PG-13. Si potrebbe cercare di far paragoni con Deadpool o Logan, o anche Venom, che al tempo si credeva sarebbe stato R-Rated, infatti l’idea alla base di questo rating è proprio quella che deve fare in modo di allargare il processo di pensiero dei dirigenti dello studio, evitando di concentrarsi solo sull’aspetto commerciale.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: