Spider-Man: Far From Home, il regista parla a ruota libera del film!

Ieri, la Sony Pictures e i Marvel Studios hanno rilasciato il nuovo trailer di Spider-Man: Far From Home, che con sorpresa conteneva alcuni interessanti dettagli.

Oltre a essere ambientato dopo la morte di Iron Man in Avengers: Endgame, il trailer rivela l’esistenza di un Marvel Multiverse creato durante lo schiocco, anche se non sappiamo quale.

Ora, il regista di Spider-Man: Far From Home, Jon Watts, ha parlato del trailer toccando diversi argomenti tra cui da come tratta il salto temporale di cinque anni, l’eventuale inclusione di personaggi come Miles Morales, l’Avvoltoio e Wilson Fisk, il Multiverso, il desiderio di Nick Fury di creare una nuova squadra e molto altro ancora.

Il trailer di ieri ha finalmente confermato che, sì, Spider-Man: Far From Home ha effettivamente luogo dopo gli eventi di Avengers: Endgame – anche se per noi non c’erano dubbi. Tuttavia, abbiamo sentito di rapporti contraddittori su quanto tempo sarebbe passato.

“Non diciamo specificamente quanto dopo, ma l’idea è che è quasi immediatamente dopo gli eventi di Endgame”, conferma Watts. “Quindi vediamo il quartiere del primo film che si occupa delle implicazioni di tutte le pazzesche conseguenze di Endgame. E, sai, nel classico stile newyorkese, tutti stanno semplicemente andando avanti con le loro vite quotidiane. Sanno che metà delle persone che sono scomparse e tornate, quindi vanno avanti. [ride]”

Il trailer rivela che Mysterio proviene da un’altra Terra e che lo schiocco ha squarciato la realtà (siamo sicuri che non siano stati i Vendicatori col viaggio nel tempo?). Tuttavia, Far From Home presenta davvero il Multiverso o “Mr. Beck” sta ingannando tutti?

“Beh, voglio dire, sì,” afferma Watts. “Abbiamo dovuto esaminare in termini di portata ciò che è accaduto alla fine di Endgame, vedendo tutte le cose folli che hanno fatto e tutte le domande che ne derivano, quindi stiamo sicuramente cercando di rispondere a una di quelle più grandi: le timeline alternate. Così tante possibilità si sono aperte alla fine di Endgame, e Peter Parker è una delle poche persone sul campo a occuparsi di quelle.”

Riguardo al fatto che potesse spiegare le regole del Multiverso dell’UCM, Watts ha detto solamente che non oserebbe, e che lascerà fare a Nick Fury. Quest’ultimo, dopo essere stato ispirato da Captain Marvel, ha creato la “Avengers Initiative” e ha riunito gli eroi più potenti della Terra per affrontare minacce per noi insostenibili. Ora, sembra che stia cercando di fare la stessa cosa per un mondo dal quale è stato assente per cinque anni.

“Beh, questo è stato per me molto eccitante perché questa è una versione di Nick Fury che non penso che abbiamo mai visto. E’ un Nick Fury che sta recuperando il tempo passato”, spiega il regista. “È scomparso per cinque anni e il mondo è cambiato radicalmente in sua assenza, e qui sta cercando di mettere insieme una nuova squadra. Spider-Man e Mysterio vengono reclutati per affrontare questa minaccia degli Elementali. È quello che fa Nick Fury, ma ora le cose sono più folli del normale.”

Ma chi sono questi antagonisti? Quentin Beck è un cattivo nei fumetti e un noto truffatore, ma questa versione su grande schermo ha chiaramente attraversato alcuni importanti cambiamenti. Alla domanda su chi sia Mysterio e quale sia la sua personalità quando lo incontriamo per la prima volta, Watts risponde: “Nel film è simile al trailer, viene presentato come un potenziale alleato per combattere questa minaccia elementale“. E per quanto riguarda questi Elementali, proprio come la maggior parte di noi sospettava, provengono dallo stesso mondo di Beck. “Sono entrambi dello stesso tipo di dimensione parallela, sì“, aggiunge il regista.

Come sappiamo, Spider-Man è diventato una vittima della decimazione insieme ai Guardiani della Galassia su Titano, quindi la sua zia May ha passato gli ultimi cinque anni a non sapere cosa ne è stato di suo nipote? Bene, nel tentativo di rendere le cose un po’ più semplici, Watts conferma che May è stata in realtà una delle vittime del titani pazzo sulla Terra, e quindi è semplicemente “scomparsa e tornata”, secondo quanto ha confermato quando gli è stato chiesto.

All’inizio del trailer di Spider-Man: Far From Home, l’Iron Spider può essere visto affrontare alcuni scagnozzi pesantemente armati e, sembrano molto più seri dei banditi da bancomat del primo film. Quindi, è possibile che siano legati a qualcuno come Wilson Fisk? Il regista non ha voluto sbottonarsi riguardo a questo argomento, se non nel dire che non solo legati “specificamente a Kingpin in questo film”. Semplicemente, attraverso quella scena capisci che il quartiere è al sicuro grazie a lui.

“Ho sempre visto Spider-Man come il supereroe più affabile per questo motivo”, dice Watts quando gli viene chiesto di come Spider-Man: Homecoming abbia offerto un aspetto più personale all’UCM. “Ho usato Peter Parker/Spider-Man come un’opportunità per ottenere quella prospettiva ben piantata a terra, per mostrarti come sarebbe stato se tutte queste cose pazzesche fossero accadute. Che cosa sarebbe la vita di tutti i giorni?

Questa è stata una delle cose più divertenti. Sto solo parlando di quali potrebbero essere le implicazioni più banali, come se il tuo compleanno, la tua patente o il passaporto dicessero che hai cinque anni in più di quello quelli che hai tecnicamente. Quelle domande sono così affascinanti per me, e volevo davvero entrare nel dettaglio e esplorarle.”

Uno dei temi principali del nuovo trailer è il tentativo di Peter Parker di riempire il vuoto lasciato dalla morte di Iron Man. La domanda è: può davvero prendere il posto di Iron Man nell’UCM?

“Ora il mondo gli sta chiedendo di intervenire e non è sicuro se sia pronto per quel livello di responsabilità”, spiega Watts. “Ad esempio, è ancora un ragazzino di 16 anni del Queens, è qualcosa che posso ricordareanche io: mi ricordo di essere stato un bambino che vuol essere trattato come un adulto, ma all’improvviso, quando sei trattato da adulto, ti rendi conto che forse era meglio quando venivi trattato da bambino. Una volta superata questa soglia, non si può tornare indietro.”

Ci sarà anche il ritorno di Happy Hogan nel film, che giocherà chiaramente un ruolo importante, ma al di là di ciò che abbiamo visto nei trailer, cosa dovremmo aspettarci dal vecchio amico di Tony Stark in questo film?

“Similmente a Peter, che ha perso il suo mentore… sai, Happy è stato lì sin dall’inizio. Penso che in gran parte di questa storia lui stia cercando di trovare il suo posto nel mondo, ora che il centro del suo mondo è andato per sempre. Mi è sempre piaciuto Happy come personaggio, e usarlo per esplorare alcune di queste cose è stato davvero emozionante. Esplorare un mondo senza Tony, ovvero l’uomo dietro la maschera di Iron Man.”

Una cosa che è stata evidente fin dalle prime scene del trailer è stata la mancanza di freni in termini di azione, ma come sappiamo, Peter Parker è ancora piuttosto inesperto e le cose nel primo film erano di scala abbastanza ridotta, quindi come cambieranno le cose questa volta?

“In termini di puro livello di regia, volevo davvero alzare la posta per quanto riguarda l’azione, e renderla enorme”, rivela il regista. “Nell’ultimo film, abbiamo mantenuto le cose un po’ più piccole, intenzionalmente, per ricordare alle persone perché amano Spider-Man. E senza cambiare tono, volevo mantenere quella relatività a livello di base, ma anche alzare il livello di azione e creare qualcosa di veramente spettacolare, volevo mostrare alle persone cose che non avevano mai visto prima al cinema.”

Infine Watts ha finalmente chiarito le voci circa la comparsa dell’Avvoltoio nel film, che portavano a speculazioni sulla formazione dei Sinistri Sei. Sfortunatamente, sembra che né lui né Liz (Laura Harrier) appariranno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Peter Parker ritorna in Spider-Man: Far From Home, il secondo capitolo della serie di Spider-Man: Homecoming!

‘Il nostro amichevole Spider-Man di quartiere’ decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando decide, a malincuore, di aiutare Nick Fury a svelare il mistero degli attacchi di creature elementali che stanno creando scompiglio in tutto il continente.

Spider-Man: Far From Home uscirà nelle sale italiane l’11 luglio 2019, con Jon Watts di nuovo alla regia, e la sceneggiatura curata da Chris McKenna e Erik Sommers. La fotografia è a cura di Matthew J. Loyd, mentre la colonna sonora è composta da Michael Giacchino.

Nel cast Tom Holland (Peter Parker / Spider-Man), Zendaya (Michelle Jones), Marisa Tomei (May Parker), Michael Keaton (Adrianne Toomes / Avvoltoio), Jacob Batalon (Ned), Tony Revolvori (Flash Thompson), Laura Harrier (Liz), Jon Favreau (Happy Hogan), Cobie Smulders (Maria Hill), Samuel L. Jackson (Nick Fury) e Jake Gyllenhaal (Quentin Beck / Mysterio).