Spider-Man: No Way Home, Tom Holland descrive il film come dark e drammatico

Spider-Man: No Way Home sembra destinato a diventare il più grande film di Spider-Man di sempre, principalmente a causa dei diversi rapporti e voci che sono legati al film.

Diretto da Jon Watts, il film mostrerà il ritorno dell’arrampica-muri Marvel Studios di Tom Holland insieme ai pilastri del franchise Jacob Batalon, Zendaya, Marisa Tomei e Jon Favreau. No Way Home dovrebbe affrontare le conseguenze di Spider-Man: Far From Home, nel cui finale l’identità segreta di Peter Parker come Spider-Man è stata rivelata al mondo intero da Mysterio.

Il primo trailer ha mostrato che Peter cercherà l’assistenza del Doctor Strange di Benedict Cumberbatch, e quella decisione darà inizio a un effetto domino pieno di caos multiversale.

A seguito di un incidente con un “incantesimo andato storto”, diversi cattivi dei precedenti film di Spider-Man come il Doctor Octopus di Alfred Molina ed l’Electro di Jamie Foxx, inizieranno ad emergere ed a sconvolgere la vita dell’eroe del MCU. Ora, un nuovo commento di Tom Holland stessa potrebbe aver fatto luce su come la storia di No Way Home modellerà l’eroe titolare.

La star di Spider-Man, Tom Holland, ha parlato con Total Film discutendo dei segreti e del tono di Spider-Man: No Way Home. Holland ha ammesso che No Way Home sorprenderà i fan perché “non è divertente”, anticipando che sarà “dark” e “drammatico” poiché i personaggi attraverseranno cose che “non avresti mai desiderato che passassero“.

“Ciò di cui la gente sarà davvero sorpresa è che non è divertente, questo film. È oscuro e triste, e sarà davvero commovente. Vedrai i personaggi che ami attraversare cose che non avresti mai desiderato passassero. Ed ero davvero entusiasta di appoggiarmi a quel lato di Peter Parker.”

La giovane star della Marvel ha quindi condiviso che la prospettiva positiva di Peter Parker verrà stata messa alla prova nel film, sottolineando che l’eroe si sentirà “come se avesse incontrato qualcosa di difficile da affrontare“.

“Peter Parker è sempre qualcuno che guarda in alto. È sempre molto positivo. È sempre tipo: ‘Posso risolvere questo problema. Posso farlo.’ Considerando che in questo film si sente come se avesse incontrato una difficoltà troppo grande, adesso si comporta come se non sapesse cosa fare. Era un aspetto del personaggio che non avevo mai visto prima, ed ero davvero, davvero entusiasta di provare ad affrontarlo.”

Infine, Holland ha ammesso di non aver ancora visto la versione completa del prossimo film Sony/Marvel, ma ha anticipato che è il “miglior film di Spider-Man” che abbiano mai realizzato.

“Non ho ancora visto il film, ma ho visto pezzi, ed è il miglior lavoro che abbiamo mai fatto. È il miglior film di Spider-Man che abbiamo mai fatto. Non credo proprio i fan siano pronti per quello che hanno messo insieme. So che non sono pronto e so che sarà brutale”.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: