Spider-Man: Sony era nervosa circa la scelta di Tom Holland per il supereroe Marvel

I Marvel Studios sono noti, tra le tante cose, per essere dei geni quando si tratta di trovare l’attore giusto per il ruolo, ed anche se spesso ci vogliono anni prima che un personaggio arrivi in scena, il CCO della Marvel, Kevin Feige, e il suo team hanno chiarito che una delle parti più importanti delle loro storie è trovare il talent giusto.

Questo è stato dimostrato più e più volte, ed anche se in fanta-casting abbondano online, i Marvel Studios prendono sempre la decisione secondo loro coscienza. In una nuova intervista, due degli iconici registi del MCU, i Russo, hanno ricordato una delle più grandi decisioni circa il casting che abbiano mai affrontato.

In una chat con GQ Magazine, i registi dell’MCU Joe e Anthony Russo hanno fatto un viaggio nella memoria guardando al passato nel processo di casting di Tom Holland per Spider-Man. Joe Russo ha rivelato che stavano “incontrando la resistenza della Sony”, anche se lui e Anthony erano “implacabili nel (loro) tentativo di fargli andare già questa scelta”.

“Abbiamo parlato con Feige di Holland e lui si è emozionato, poi siamo andati alla Sony, e loro hanno detto: ‘Pensiamoci un attimo’. Potremmo dire che stavamo incontrando la resistenza di Sony. Così glielo abbiamo proposto, proposto ancora e riproposto, siamo stati implacabili nel nostro tentativo di farglielo andare bene. Si è trattata di una rissa, ma Sony ha continuato a trascinare i piedi.”

Anche dopo l’incredibile successo che Captain America: The Winter Soldier ha visto finanziariamente e criticamente, Sony sembrava ancora essere “reticente, nervosa” sull’assunzione di un rischio che poteva potenzialmente costare miliardi di dollari a lungo termine.

“Senti, abbiamo un ottimo rapporto con Kevin. Winter Soldier è stato un grande successo, ha raddoppiato il botteghino del film precedente, poi quando stavano sviluppando Civil War Sony lui ci guardava sempre dicendo: ‘OK, quindi ragazzi avete il tocco di Mida, ecco la nostra IP [di Spider-Man]’. Ma la Sony era reticente, nervosa, riguardo al cedere qualcosa che alla fine poteva costar loro centinaia di milioni di dollari, se non miliardi di dollari su tutta la linea.”

In termini di attori dietro la maschera di Spidey, anche se Peter Parker è di solito un adolescente nei fumetti Marvel, Sony era riluttante a lasciare che ad interpretarlo fosse un vero adolescente. Anthony Russo ha raccontato che “c’era un netto nervosismo nello scegliere un ragazzo per un ruolo così importante”.

“Le riserve della Sony erano: ‘Lo stiamo prestando? O lo stiamo dando a loro per aiutarci a reinventarlo in modo che aggiunga valore anche noi?’. Era la prima volta che Spider-Man veniva scelto come un vero adolescente, giusto? Cosa molto importante per noi; c’era un netto nervosismo nello scegliere un ragazzino.”

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: