Star Trek: Discovery, la terza stagione tarderà ad arrivare a causa del Coronavirus

I fan di Star Trek potrebbero dover aspettare un po’ di più per la terza stagione di Star Trek: Discovery. Ciò è dovuto alle precauzioni supplementari prese durante la pandemia di COVID-19.

Leggi anche: trailer e prime immagini dalla terza stagione di Star Trek: Discovery

La terza stagione di Discovery ha concluso le riprese a febbraio, ma la post-produzione è ancora in fase di elaborazione. La star della serie, Wilson Cruz, che interpreta Hugh Culber, ha ospitato una chat dal vivo mercoledì. Durante la chat, è emerso l’argomento ritardo di Star Trek: Discovery.

Il co-protagonista Anthony Cruz è intervenuto nella sezione commenti, dicendo che il montaggio e lo sviluppo degli effetti visivi per la nuova stagione sono ancora in corso, e che la crew sta lavorando da casa, il che sta rallentando il processo di sviluppo. Cruz in seguito ha twittato una rassicurazione, dicendo: “Sta arrivando, ma potrebbe volerci un po’ più di tempo rispetto a quanto pensassimo… sta arrivando però!“.

Qui sotto il tweet:

CBS All Access non ha annunciato una data di uscita per la nuova stagione. Mentre la star della serie, Sonequa Martin-Green, ha indicato in passato che poteva arrivare già all’inizio del 2020, non c’è mai stata una data d’uscita ufficiale. Detto questo, sembra che, in qualsiasi momento arriverò, lo farà più tardi di quanto previsto.

Un ritardo nel rilascio di Star Trek: Discovery non è certo un grande problema, e i fan di Star Trek possono stemperare l’attesa guardando le serie vecchie su Netflix, oppure godersi Star Trek: Picard su Prime Video, che questa settimana vedrà la propria prima stagione terminare.

Come promesso durante il panel dedicato alla serie al San Diego Comic-Con 2019, nella terza stagione di Star Trek Discovery il racconto compierà un salto in avanti nel tempo di 930 anni. Lo showrunner Alex Kurtzman pha promesso che questo salto temporale, cosa del tutto originale per qualsiasi serie di Star Trek, avviene del tutto nel rispetto della visione di Gene Roddenberry, il visionario creatore della serie originale.

Nel cast Sonequa Martin-Green nei panni di Michael Burnham a Doug Jones che è Saru, da Anthony Rapp alias Paul Stamets a Mary Wiseman che interpreta Sylvia Tilly. Fra quelli che contiamo di rivedere ci sono Rachael Ancheril (Nhan), Wilson Cruz (dottor Hugh Culber), Sara Mitich (Nilsson), Patrick Kwok-Choon (Gen Rhys), Emily Coutts (Keyla Detmer), Oyin Oladejo (Joann Owosekun), Ronnie Rowe (RA Bryce), Tig Notaro (Jett Reno) e Michelle Yeoh (Philippa Georgiou).

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: